Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
23 novembre 2014 7 23 /11 /novembre /2014 11:46

Ognuno ha il suo modo di vivere i libri e mi riferisco in particolare a quelli "scolastici" , preziosissimi ed indispensabili strumenti di studio che vivono spesso la stagione della scuola per poi essere abbandonati e riposti nelle librerie, molti, poi, utilizzano il libro scolastico come un testo "stagionale" a tempo che li porta a liberarsi dello stesso una volta terminata la scuola. Personalmente non ho mai avuto questo approccio in quanto ritengo che il preziosissimo strumento può continuare a rimanere tale per il resto della vita diventando un valido ausilio di consultazione al di là del suo breve utilizzo in ambito scolastico.

I libri di storia, come del resto la maggior parte dei testi usati durante il periodo scolastico, li ho conservati, non me ne sono voluto liberare non solo per ragioni di carattere affettivo ma anche perché mi capita sovente di consultarli; credo che la conoscenza storica per l'uomo sia importantissima perché ciò gli  consente di poter comprendere meglio il presente e le sue aspettative. Essere consapevoli del fatto che il nostro presente fatto di leggi e di sentimenti più o meno condivisi ha una lunga storia che ha attraversato i millenni, ci aiuta a ridimensionare molti problemi pratici  che si presentano nella nostra vita quotidiana. Ricostruire però con precisione i fatti del passato non è facile, per chi come la maggior parte delle persone non è uno storico di professione, il problema si complica ulteriormente quando si tratta di comprendere le idee degli antichi; la ricerca storica non ha mai fine perché non solo si scoprono nuovi documenti, ma si leggono i fatti in modo diverso al punto che tutto viene messo in discussione. Tutto viene analizzato, sviscerato alla luce delle nuove convinzioni morali, non basta infatti sapere che in quel determinato periodo storico ha regnato questa o quella dinastia, il compito dello storico è quello di dare un senso alla storia e di fare capire che gli uomini dei tempi passati avevano un'idea molto diversa dalla nostra per quanto riguarda la dimensione dello spazio e lo scorrere del tempo.

STORIA E STORIOGRAFIA VOLUME 1 - ANTONIO DESIDERI

Alla luce del mio modo di vivere i testi scolastici, i cosiddetti "libri istituzionali" sono quelli che hanno un doppio valore: da una parte sono stati lo strumento per apprendere e dall'altra parte mi hanno impegnato del tempo per memorizzare fatti, concetti e interpretazioni che costituivano l'ambito della disciplina che affrontavo. Storia e Storiografia di Antonio Desideri è stato uno dei manuali utilizzati durante il liceo e durante la preparazione di diversi esami universitari;  che questo manuale risponda  ancora oggi ad un effettivo bisogno degli studenti è dimostrato dal fatto che molti insegnanti lo scelgono ancora come testo.
Un ulteriore elemento che conferma la validità del testo scritto dal Desideri, risiede nel fatto che ogni altro libro del genere venuto dopo ha sostanzialmente seguito l'impostazione metodologica del Desideri, del libro, ma sarebbe meglio parlare dei libri se consideriamo i manuali del triennio ne sono state pubblicate diverse versioni in cui cambia la grafica e la copertina ma non l'impostazione di fondo. Non c'è dubbio che il succedersi delle edizioni risponda ad un'esigenza didattica ben precisa a partire dalla forma  che deve essere resa più agile ed accessibile al gusto dei giovani, l'edizione del 1978 è ancora validissima e risponde benissimo alle esigenze dei programmi attuali, tuttavia le più recenti edizioni che sono state adottate da uno dei miei figli sono graficamente migliori rispetto a quelle più datate.

Al di là comunque delle finalità didattiche della scuola odierna, resta apprezzabile il fatto che oltre alla parte illustrativa/narrativa il lettore può consultare un significativo corpo documentale che permette di verificare, attraverso le fonti, quello che riguarda  la trama storica oggetto del capitolo.

ULTERIORE RIFLESSIONE

Per motivi di studio ho consultato numerosi manuali, è vero che la storia del passato non cambia; faccio un esempio che permette di comprendere il filo del mio ragionamento: la data e le circostanze in cui si verificò la congiura di Catilina non mutano, tuttavia la chiave di lettura che uno storico può dare può cambiare perché diversa è la formazione ideologica. In molti manuali scolastici del passato la congiura di Catilina veniva letta come un fatto ispirato da sinceri convincimenti democratici , eppure oggi, alla luce di interpretazioni sicuramente meno ideologiche rispetto a quelle sostenute da diversi studiosi del passato, quell'evento viene letto come il sintomo evidente dello sfacelo etico-politico di Roma. Come vedete cambia completamente la prospettiva di lettura ma non il fatto in sé.

 

"Storia e Storiografia Volume 1"  di Antonio Desideri, una volta conclusi gli studi della scuola secondaria, può essere utilissimo a tutti coloro che vogliono avere un validissimo strumento di riferimento per approfondire criticamente questa o quella parte della storia. Il libro essendo un manuale scolastico è facilmente reperibile anche nel mercato dell'usato.

Validissimo manuale da utilizzare anche come testo di orientamento

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link