Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 aprile 2015 4 02 /04 /aprile /2015 08:59

Possiamo definire la remissione del Cristianesimo come svolta costantiniana riguardo alla fede e alla professione cristiana, a tale riguardo vi sono i giudizi degli storici contemporanei e di quelli antichi. Uno degli storici antichi che ne parla è San Girolamo che, a Betlemme dopo avere fondato un monastero, scrive una lettera ad una sua figlia spirituale e ad un certo punto lascia l'argomento che stava trattando e apre una parentesi sulla condizione del Cistianesimo e del paganesimo alla fine delle persecuzioni «Il Campidoglio una volta dorato è ormai immerso nello squallore, tutti i templi sono coperti di fuliggine e di ragnatele, la città si muove dalle sue abitazioni e il popolo in folla passa indifferente di fronte ai santuari mezzi cadenti per correre alle tombe dei martiri, il paganesimo è abbandonato persino in Roma e quelli che erano un tempo gli dei delle genti sono stati relegati nei comignoli fra le civette e i gufi, i destini dei soldati sono dati dalla croce, l'immagine del patibolo da cui è venuta la salvezza, orna la porpora dei re e le corone di gemme, anche Serafide in Egitto si è converito al Cristianesimo. Abbiate Marna piange chiuso nel suo tempio che può anche essere demolito. Dall'India, dalla Persia, dall'Etiopia, accogliamo ogni giorno schiere di monaci, l'arciere da deposto le sue frecce, gli Unni invadono il Partenio, il freddo della Scizia è sciolto dal calore della fede, l'esercito dei Goti biondi e rossicci è accompagnato dalle insegne della Chiesa etc... ».

Prima di San Girolamo Eusebio di Cesarea che ha scritto una fondamentale Storia della Chiesa e la Vita di Costantino, aveva pure esaltato con entusiasmo il trionfo del Cristianesimo e l'apporto che Costantino aveva dato alla Chiesa, scrive Eusebio a tale proposito: «Cantiamo il cantico nuovo perchè siamo stati stimati dentro di vedere e celebrare cose che prima di noi, molti relamente giusti e martiri di Dio desideravano vedere e non dirlo, desideravano dire e non dicono, tutti gli uomini erano ideati dall'oppressione, ogni luogo rincominciava e rivivere, le chiese nuovamente si ergevano dalle rovine, imperatori supremi con continue leggi promulgate a favore dei cristiani estendono e pomtificano la grazia che la divina liberalità ha elargito, i Vescovi ricevevano onori di denaro dall'imperatore ».

Eusebio sottolinea i meriti di Costantino nei confronti della Chiesa, soprattutto in occasione del Concilio di Nicea, il primo concilio ecumenico, convocato nel 325 dallo stesso Costantino, meriti che consistono nell'aver sostenuto le spese per trasportare i vescovi sia per lo svolgimento delle discussioni, sia per applicare le decisioni che vengono prese. I contemporaei quindi giudicarono con entusiasmo la svolta costantiniana, a questo ottimismo si contrappone il giudizio di buona parte della storiografia attuale, per esempio uno storico moderno, il D'Avack, ha ritenuto che l'appoggio statuale alla Chiesa «fu quanto di più dannoso e pericoloso potesse capitare alla Chiesa », ossia ebbe un'influenza nefasta e corruttrice sulla Chiesa. Secondo questo storico proprio a causa del protezionismo statale voluto da Costantino e che si protrarrà per secoli, alcune comunità orientali crollarono con il primo contatto con l'Islam. Sono bastati quindi due secoli di protezioni statali per atrofizzare queste comunità cristiane in maniera completa, questa tesi è stata esposta da Pietro Agostino D'Avack nel libro “Il problema storico-giuridico della libertà religiosa”.

Un giudizio negativo sulla cosiddetta svolta costantiniana lo abbiamo nella Storia del Cristianesimo di Ernesto Buonaiuti il quale osserva che « i Cesari si sono converti al Cristianesimo però per riflesso il Cristianesimo si è convertito al Cesarismo », in altre parole, secondo il Buonaiuti la fede cristiana è diventata uno strumento del potere cooperando con il nuovo regime imperiale instaurato da Diocleziano. Il Cristianesimo si è allontanato sempre più dal suo spirito primitivo, si è modernizzato, una mutazione questa che si è verificata proprio con Costantino che rappresenta una tappa fatale per la storia del Cristianesimo e che costituisce il passaggio da una religione che separava i valori della sfera politica da quella religiosa, negando la preminenza a quella della politica e fondando quelli della sfera religiosa sull'amore. Una religione prona ap potere politico è una religione strumentalizzata e influenzabile che si riduce ad adoperare quei mezzi che sono propri dell'attività politica.

Per Buonaiuti la svolta costantiniana è una rivoluzione involutiva per la Chiesa che regredisce invece di evolversi. Ad una Chiesa povera, senza appoggi statali, fondata solamente sulla forza della verità e sull'efficacia della Grazia, pronta a dare la vita e a non usare violenza, succede con la svolta costantiniana, una Chiesa ricca, appoggiata dallo Stato ma nel contempo strumentalizzata dallo Stato stesso e anche incline a usare pressioni fisiche a sostegno della verità.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Storia

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link