Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
3 marzo 2015 2 03 /03 /marzo /2015 11:30

Papia di Gerapoli (70 circa- dopo il 130 circa) che fu vescovo di Gerapoli in Frigia, non è importante tanto per il fatto che era millenarista (millenarista significa che basandosi sull'Apocalisse, accettava la convinzione che dalla morte di Cristo dovessero passare 1000 anni prima del Giudizio Universale, periodo nel quale avveniva la resurrezione dei cristiani morti uccisi nel 64 da Nerone e nel 95 da Domiziano) ma per il fatto che scrisse la Spiegazione dei detti del Signore. Nel periodo che va dal 100 al 200 d.C sono molti gli autori che si preoccupano non tanto delle azioni, ma dei detti di Cristo perché di ogni maestro i discepoli ricordano le massime, basti pensare alle massime di Epicuro e di Socrate delle quali massime abbiamo conoscenza grazie all'opera di compilazione che fecero i loro seguaci.

Secondo la teoria delle due fonti, oltre a Marco, vi è la fonte Q che riguarda i detti del Sgnore di cui si occupò Papia il quale tenne un discorso riportato da Eusebio di Cesarea nella sua Ἐκκλησιαστικῆς ἱστορίας:

«Ecco cosa diceva il presbitero, questa è tradizione non scrittura, allora Marco interprete di Pietro, scrisse con esattezza ma senza ordine. Giacchè egli non aveva ascoltato né accompagnato il Signore. ».

Nel passo citato Papia dice che Marco scrisse con esattezza ma senza ordine in quanto essendo seguace di Pietro, riportò ciò che questi raccontava tutto quanto ricordava delle opere e della azioni del Signore. Papia dice anche che Matteo: «ordinò in lingua ebraica i detti del Signore e ciascuno poi li interpretò come meglio potette ». Papia parla di lingua ebraica, ma sappiamo che l'ebraico non era più la lingua parlata in quel momento ma l'aramaico che sta all'ebraico come l'italiano sta al latino

Papia secondo quanto racconta Eusebio espresse le sue preoccupazioni sul fatto di non stravolgere quanto aveva udito: «Semmai era venuto qualcuno che era stato in compagnia dei presbiteri, io mi informavo delle parole dei presbiteri, che cosa aveva detto Andrea o Pietro, Filippo o Tommaso, Giacomo o Giovanni».

Alcune questioni che sorgono dalle parole di Papia:

  • Quando parla di Marco interprete di Pietro significa che Pietro pescatore di Galilea non conosceva il greco e Marco sì? In questo senso interprete andrebbe inteso come traduttore, se possiamo intendere interprete nel senso di interprete del pensiero di Pietro?

  • Quando parlando di Marco dice «scrisse con esattezza ma senza ordine», Papia si riferiva al fatto che Pietro narrava fatti e azioni realmente accaduti ma senza rispettare un ordine cronologico e quindi secondo l'opportunità del momento?

  • Con il termine presbiteri cosa vuole indicare? Sono i preti come li intendiamo noi o sono gli episcopi, visto che sino al 100 d.C i due termini erano equivalenti? Infatti solo più tardi, intorno al 120 d.C., il collegamento tra i presbiteri verrà diretto da un episcopo.

  • Papia parla di due Giovanni, a quale Giovanni fa riferimento visto che in un gruppo include Giovanni discepolo di Gesù e in un altro Giovanni il presbitero che visse in un periodo diverso da quello che la Tradizione ritiene l'autore del IV Vangelo?

Papia di Gerapoli rientra nel primo periodo della Patristica caratterizzato dall'attività dei Padri Apologeti, dal punto di vista storico è un periodo del quale abbiamo documenti frammentari e che, per quanto riguarda l'ambito filosofico, è povero di stimoli interessanti in quanto i cristiani erano i più preoccupati di difendersi dalle accuse di ateismo, di rinnegare il culto mitologico tradizionale e di immoralità. Il più importante pensatore della filosofia patristica di questo periodo è san Giustino che passò attraverso varie scuole filosofiche prima di convertirsi alla religione cristiana.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofia patristica

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link