Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
19 giugno 2018 2 19 /06 /giugno /2018 06:07
Critica della ragion pura di Kant: risultati

Sulla Critica della ragion pura sono stati condotti numerosissimi studi, se si fa attenzione alle date delle opere presenti nella sterminata bibliografia sugli scritti di Kant, si può notare che l'interesse nei confronti della sua dottrina non è mai venuto meno. Se poi si dovessero considerare le citazioni e i riferimenti a Kant, si rischierebbe di perdersi in un labirinto dal quale sarebbe difficile districarsi. Le ragioni di questo continuo e rinnovato interesse nei confronti di Kant sono diverse ma pensiamo che uno dei motivi per cui il pensiero di Kant continui ad essere una fucina di stimoli alla riflessione sia da rinvenire nella modernità del suo pensiero al di là delle conclusioni a cui pervenne. Kant  ha posto tutta una serie di questioni teoriche e metodologiche sulla validità del sapere umano che non riguardano solo la filosofia e che oggi sono diventate la materia di discipline completamente autonome rispetto alla madre di tutte le conoscenze,  si pensi ad esempio all'importanza dell'epistemologia o all'euristica. Domandarsi se sia possibile una conoscenza certa nelle scienze non è solo una questione che investe l'ambito filosofico ma che riguarda aspetti metodologici che  interessano altre discipline come, ad esempio, la storia o le stesse scienze "esatte". Kant in definitiva è arrivato a delle conclusioni ma ciò che conta è il fatto che abbia posto degli interrogativi, interrogativi moderni e perciò sempre attuali.

________________________________________________

I risultati (in sintesi) a cui pervenne Kant nella Critica della ragion pura (sul contenuto dell'opera si veda http://condividendoidee.over-blog.it/2018/06/kant-critica-della-ragion-pura-speculativa.html):

  1. Il sapere umano trova la sua concretizzazione nei giudizi e il processo conoscitivo è una sintesi a priori del materiale empirico proveniente dalle sensazioni e dalle forme a priori della sensibilità e dell'intelletto. Il sapere senza contenuti non è possibile, la conoscenza per innescarsi ha bisogno della materia, ma è il trascendentale l'elemento a priori che serve per costruire la conoscenza. 
  2. La conoscenza non è innata, se la conoscenza consiste in una sintesi a priori, non significa che esista aprioristicamente, a priori significa nell'accezione kantiana "oggettivo o universale" e si riferisce a quel tipo di giudizio (giudizio sintetico a priori) che apportando una novità permettono un progredire della conoscenza.
  3. Le sensazioni costituiscono un materiale informe che non può avere il carattere di oggettività ed universalità.
  4. La natura appare per la rappresentazioni che ne facciamo la realtà è una realtà fenomenica, noi abbiamo una conoscenza della realtà in base alle leggi che noi gli diamo. Tutto è apparenza, è solo la forza regolatrice dell'intelletto che dà le leggi alla natura.
  5. Una realtà come cosa in sé è pensabile ma non è conoscibile: senza realtà non potremmo innescare il processo del conoscere ma una volta che abbiamo organizzato le impressioni non possiamo veramente conoscere la realtà.
  6. Il processo del conoscere è un'attività unificatrice dei dati provenienti dal molteplice, è l'Io penso che svolge questa attività di unificazione, la sua funzione è trascendentale nel senso che come forma si trova al di fuori dell'esperienza ed è una condizione formale per unificare l'esperienza stessa. Le categorie quali forme necessarie per unificare la realtà possono essere utilizzate in senso trascendentale in altre parole possono essere utilizzate per conferire oggettività e universalità alla conoscenza ma non per andare oltre l'esperienza stessa.
  7. La metafisica non è possibile come scienza in quanto ha la pretesa di andare oltre l'esperienza che in quanto tale non può essere oltrepassata.
  8. La matematica e la fisica sono possibili come scienze in quanto la loro validità è garantita da intuizioni pure; in particolare la matematica si fonda sulle intuizioni pure di spazio e di tempo, la validità e la certezza della fisica trova la sua garanzia nelle intuizioni pure e nelle categorie dell'intelletto.
  9. L'idea psicologica, l'idea cosmologica e l'idea di Dio non sono possibili come scienze in quanto hanno la pretesa di trascendere l'esperienza.
  10. La verità è in relazione con il soggetto-regolatore dell'esperienza, l'intelletto è il vero legislatore della natura e la verità pertanto non è certezza assoluta della realtà in quanto l'unica verità che non può essere messa in discussione è l'esistenza dell'attività unificatrice dell'Io penso.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Kant Immanuel

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link