Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
17 giugno 2018 7 17 /06 /giugno /2018 20:52
Kant: Critica della ragion pura speculativa

Con la Critica della ragion pura speculativa Kant si pone come obiettivo quello di approfondire ed analizzare il valore del sapere umano. La problematica sul valore del sapere umano riguarda le possibilità del sapere umano e dei suoi limiti, si tratta di una problematica che costituisce ancora oggi l'oggetto di una disciplina moderna come l'epistemologia che si occupa delle strutture logiche e della validità della metodologia della scienza. Kant nei confronti delle scienze empirio-matematiche ritiene che il problema sulla loro realtà non si ponga in quanto sono un dato di fatto. La questione riguarda non la realtà ma le condizioni per cui sia possibile una scienza, in altri termini quali sono le condizioni che permettono che scienze come la matematica e la fisica siano valide per lo studio della natura.Per quanto riguarda  la metafisica invece Kant pone il problema in maniera diversa domandandosi se essa possa essere possibile come scienza.  

Già dal tipo di impostazione seguita da Kant nel porre una distinzione tra le scienze della natura e la metafisica, si può constatare che egli non credeva nella validità razionale della metafisica, validità che invece riteneva dovesse essere riconosciuta alle scienze della natura.

Cos'è il pensiero per Kant? Pensare è formulare giudizi, pensare è giudicare, ragionando noi utilizziamo dei concetti e perveniamo ad una conclusione che è un giudizio. Esistono per Kant due tipi di giudizi, i giudizi sono gli elementi costitutivi del sapere:

1 - I giudizi analitici sono giudizi esplicativi diretti a chiarire, a spiegare il soggetto, posto il soggetto si deve porre obbligatoriamente il predicato che è una semplice spiegazione del soggetto in questo senso sono universali ed oggettivi. Non forniscono conoscenze nuove e sono indipendenti ed antecedenti all'esperienza, cioè esistono a priori dell'esistenza.
2- I giudizi sintetici a posteriori sono quei giudizi, nei quali il predicato è qualcosa di diverso dal soggetto e fa una sintesi con il soggetto. Questi giudizi sono empirici, estensivi nel senso che estendono il sapere e sono formulati a posteriori, nel senso che vengono formulati dopo averli constatati

Kant poi introduce un terzo di tipo di giudizio: il giudizio sintetico a priori:

Presupposto: la scienza deve avere i caratteri di oggettività e necessita, le sue leggi non possono essere contingenti ma devono offrire una conoscenza certa ed universale e riguardano fatti sempre nuovi. I giudizi analitici e i giudizi sintetici a posteriori non sono sufficienti a pensare queste leggi, questa funzione viene svolta dal giudizio sintetico a priori.
Caratteri del giudizio sintetico a priori: sinteticità e oggettività, deve prescindere dall'esperienza (apriorità).
Funzione del predicato: il predicato esprime una novità rispetto al soggetto, il rapporto tra soggetto e predicato è di necessità ed universalità.
Esempi di giudizi sintetici a priori: 7+5= 12 (matematica); la linea retta è la più breve tra i due punti (geometria).

Kant dopo avere distinto i tre tipi di giudizi si chiede come siano possibili i giudizi sintetici  a priori, si tratta di un problema fondamentale della sua riflessione in quanto la soluzione di tale problema permette di dare una risposta alla domande iniziali che hanno mosso la sua riflessione: quale valore ha il sapere umano? Come è possibile la matematica? Come è possibile la fisica?

Per rispondere a queste domande, bisogna conoscere i presupposti da cui parte Kant:

1) Tutto parte dalla sensazione, l'uomo percepisce le cose e i fatti esterni, percependo la realtà esterna, l'uomo attinge il materiale del suo pensare dall'esperienza. 

2) I fatti e le cose dell'esperienza non possiedono i caratteri dell'oggettività e dell'universalità.

Che cosa conferisce oggettività e universalità alla molteplicità del materiale proveniente dall'esperienza ? A parere di Kant il processo di oggettività e universalità avviene grazie alla forma o trascendentale, la forma è l'elemento che si trova fuori dal molteplice ma che è necessario per permettere le nostre conoscenze. Senza la forma o trascendentale non è possibile organizzare le conoscenze provenienti dalla realtà esterna da qui la sua necessità ed universalità.

Per spiegare il modo in cui sono possibili i giudizi sintetici a priori, Kant dà prima di tutto una determinazione del trascendentale, in altre parole fornisce una definizione degli elementi che determinano le nostre conoscenze considerando le facoltà del conoscere:la sensibilità e il pensiero. Il pensiero a sua volta possiede -spiega Kant- due facoltà: l'intelletto e la ragione.

 

Le facoltà del conoscere

Sensibilità = facoltà di ricevere impressioni
Intelletto = facoltà di ricevere o formulare giudizi
Ragione = facoltà di aggregare i giudizi in  un'unità sistematica

In base a questa divisione Kant introduce divide la Logica in Analitica per l'intelletto e in Dialettica per la ragione, mentre l'Estetica si occupa dello studio delle forme a priori della sensibilità.

Le parti della Critica della ragion pura

Estetica trascendentale: sensibilità

Logica trascendentale:  Analitica trascendentale: intelletto

                                           Dialettica trascendentale: ragione

                                         

Un chiarimento è necessario per comprendere il significato dell'aggettivo "trascendentale"; per Kant l'elemento che permette di costruire l'esperienza è la forma a priori, un elemento puro a priori che non proviene dall'esperienza, tuttavia le forme a priori pur non provenendo dall'esperienza tendono ad essa nel senso che il materiale verso cui sono rivolte è esclusivamente quello della sensazione con l'eccezione della ragione quale momento unificatore dei giudizi.

Il significato delle parte della Critica della ragion pura
Estetica trascendentale: riguarda lo studio delle forme a priori della sensibilità
Analitica trascendentale: riguarda lo studio delle forme a priori dell'intelletto
Dialettica trascendentale: riguarda lo studio delle forme a priori della ragione

 

Estetica trascendentale

L'Estetica trascendentale è lo studio delle forme a priori della sensibilità ossia del tempo e dello spazio che permettono di conoscere e nello specifico di organizzare i dati provenienti dalle sensazioni. Il materiale empirico è necessariamente nello spazio e nel tempo, lo spazio è la forma pura  che riguarda le sensazioni esterne, il tempo è la forma pura che riguarda le sensazioni esterne ed interne. Le forme pure non provengono dalle sensazioni  ma sono delle intuizioni.

Durante l'atto del percepire l'uomo intuisce, avverte spazio e tempo, tuttavia queste intuizioni non provengono dalle sensazioni, dai dati dell'esperienza, sono secondo Kant  delle forme pure che ci permettono di cogliere la realtà empirica e di ordinarla. Spazio e tempo non esistono nel mondo sensibile, sono forme pure che servono per mettere in modo il processo di collocazione nello spazio e nel tempo di questa o quella cosa. L'impressione iniziale o sensazione è colta grazie alle intuizioni pure, la loro sintesi produce le intuizioni empiriche o percezioni, le percezioni pertanto sono un momento di sintesi che permette di concepire e conoscere la materia.

Estetica trascendentale
Punto di partenza: la realtà empirica - Forme a priori o intuizioni pure : spazio e tempo
Processo: ogni sensazione diventa percezione grazie alle forme a priori o intuizioni pure > risultato:  la realtà empirica colta dal soggetto viene collocata nello spazio e nel tempo, le sensazioni si trasformano in percezioni o intuizioni empiriche.

Analitica trascendentale

Abbiamo visto che l'uomo ha tre facoltà: sensibilità, intelletto e ragione. L'intelletto è la facoltà di formulare giudizi, l'Analitica una delle due parti della Logica riguarda l'intelletto (l'altra la Dialettica riguarda la ragione) Come funziona l'intelletto? Dopo che le sensazioni si trasformano in intuizioni empiriche ossia nella molteplicità del reale collocato nel tempo e nello spazio, la forma che dà unità alle intuizioni empiriche è il concetto, i concetti permettono di formulare un giudizio e sono funzioni proprie dell'intelletto. L'unificazione delle intuizioni empiriche quindi avviene grazie ai concetti puri o categorie che per Kant sono 12 come 1\2 sono i giudizi, ad ogni giudizio corrisponde una categoria e ciascun gruppo di 3 di giudizi viene diviso in classi.

In base alla divisione stabilita da Kant abbiamo le seguenti classi, giudizi e categorie:

 

Classi                            Giudizi                                       Categorie

I. Quantità                      Singolare                                        Unità

                                      Particolare                                      Pluralità

                                      Universale                                      Totalità

II. Qualità                       Affermativo                                    Realtà

                                      Negativo                                        Negazione

                                      Infinito                                            Limitazione

                                       

III. Relazione                 Categorico                       Sussistenza ed inerenza

                                       Ipotetico                          Causalità e dipendenza

                                       Disgiuntivo                       Reciprocità

IV. Modalità                  Problematico                      Possibilità ed impossibilità

                                     Assertorio                           Esistenza e non esistenza

                                     Apodittico                            Necessità e contingenza

 Esempio di come si forma un giudizio attraverso le categorie: "la pioggia bagna il terreno", in questo giudizio abbiamo due intuizioni empiriche "pioggia" e "terreno" che vengono unite dal concetto di bagnare. In questo caso il bagnare indica che c'è una relazione e rientra nel concetto puro o categoria di "causa".

Secondo l'impostazione di Kant l'elemento caratterizzante che permette la costruzione della natura non sono le leggi della natura ma l'intelletto che giudica, l'attività di conoscere non riceve leggi della natura ma è l'intelletto che sulla base delle impressioni determina le leggi della natura.

Come si ottiene il processo di unificazione delle categorie esprimendo una connessione universale e necessaria? Ciò che permette l'unificazione è l'io penso, pertanto in base all'esempio riportato nelle righe precedenti il giudizio andrebbe riformulato in questi termini: "(Io penso che) la pioggia bagna il terreno". L'io penso di cui parla Kant non è un io particolare che esprime il suo punto di vista ma è un puro Io come pura attività che pensa e che unifica.

 

Chiarimento

Differenza tra l'Io penso di Cartesio e l'Io penso di Kant: per Cartesio l'unica realtà presente è il pensiero, quando io dico "io penso" mi avverto come una realtà pensante, la realtà fondante è perciò il Cogito, l'unica certezza che costituisce l'unica vera certezza della realtà.L'Io penso di Kant  è il momento della coscienza del pensare quando si formula un giudizio, l'Io penso o trascendentale è l'Io che esprime giudizi ma che esiste nel momento in cui avvengono le sue costruzioni. L'Io puro di Kant pertanto non esiste come realtà a sé stante, l'attività del conoscere avviene con l'Io penso che con i giudizi e l'attività di categorizzazione della natura ne stabilisce le leggi.

 

Dialettica trascendentale

L'altra parte della Logica trascendentale è la Dialettica trascendentale che riguarda lo studio delle forme a priori della ragione attraverso la quale avviene un ulteriore processo di unificazione, iniziato con l'intelletto, per raggiungere la totalità: le forme a priori che permettono questo processo solo le idee intese come principi unificatori della realtà, si tratta quindi di funzioni della ragione che permettono di unificare i giudizi. 

Chiarimento 

Le idee in Platone: per Platone le idee sono realtà trascendenti della natura esistenti nell'iperuranio, le idee sono il presupposto della realtà, pur avendo un rapporto con il mondo empirico vivono su un piano metafisico staccato dalla realtà stessa.

Le idee nell'empirismo: sono rappresentazioni che nascono dalle sensazioni, Locke afferma che "Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu".

Le idee in Leibniz: le idee sono innate,  sono avvolte nella monade, si trovano in uno stato virtuale in attesa di dispiegarsi: "Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu, nisi intellectus ipse".

Le idee in Spinoza: l'uomo è fatto di anima e corpo, rapporto tra cogitatio ed extensio, l'anima è idea,il corpo è l'oggetto corrispondente. In Spinoza idea e ideatum sono in corrispondenza simmetrica seppur assorbite nell'unità: Ordo et connexio idearum idem est ac ordo et connexio rerum.

Le idee in Kant: sono forme a priori della ragione, funzioni della ragione che unificano in senso totalizzante i risultati dell'intelletto che giudica. Le idee sono prive di contenuto, svolgono una mera funzione regolativa dei giudizi o dei risultati dei giudizi ottenuti con l'intelletto.

 

 

Kant distingue tre tipi di idee della ragione:

  1. idea psicologica o idea di un io;
  2. idea cosmologica o idea del mondo;
  3. idea teologica o idea di Dio.

 

Chiarimento 

La ragione attraverso l'idea psicologica o idea dell'io regola l'attività interna.
La ragione attraverso l'idea cosmologica o idea del mondo regola tutti i risultati di ciò che per gli uomini è il mondo.
La ragione attraverso l'idea teologica o idea di Dio unifica tutti i risultati che nella natura  si presentano condizionati in un unico principio incondizionato

Le idee non aggiungono nulla alla conoscenza che, come si è già visto, è una sintesi di intuizioni e di categorie, si può dire quindi che la conoscenza vera e propria si ferma con l'io  penso, in quanto è l'io penso, il soggetto giudicante che conosce e che nello stesso tempo dà le leggi. La conoscenza pertanto è possibile solo nell'ambito dell'esperienza.

La ragione ha quindi per Kant un valore regolativo e le idee sono rappresentazioni unitarie, asserzioni sintetiche; esaminiamo  in maniera più approfondita le singole idee:

  1. Idea psicologica o idea dell'io: l'attività del conoscere non può prescindere dall'esperienza ma tutto il nostro pensare è determinato dall'Io penso, è il pensiero che pensa i giudizi, l'io però non è una sostanza e non può essere una realtà appresa, svolge pertanto una funzione strumentale in quanto permette di dare ordine ai fatti interni dell'uomo. La funzione dell'idea anima è una funzione chiarificatrice nel senso che, regolando i fatti interni dell'uomo, non produce ulteriori conoscenze ma le rende più chiare.
  2. Idea cosmologica o idea del mondo: la rappresentazione totale del mondo, la sua idea serve per evitare di cadere nel ginepraio delle tesi contrapposte, affermando che l'idea del mondo non è altro che un'idea della ragione si evitano le antinomie ossia quelle tesi contradditorie che inficiano la comprensione della realtà.
  3. Idea teologica o di Dio: Kant nega la validità delle tre principali argomentazioni (argomentazione ontologica, argomentazione cosmologica e argomentazione teleologica) utilizzate per dimostrare l'esistenza di Dio, le prove sull'esistenza di Dio presentano delle criticità che sul piano logico le rendono non valide. L'argomentazione ontologica è una dimostrazione razionale dell'esistenza di Dio ma la razionalità si limita al modo di procedere in quanto il principio di identità su cui si basa questa argomentazione non prova niente dato che il ragionamento ontologico si limita a dimostrare l'esistenza di Dio con un semplice passaggio facendo un salto dal Dio pensato al Dio esistente. Non si può ritenere esistente una cosa solo per il fatto di pensarla. L'argomentazione cosmologica è anch'essa non valida in quanto tutto il ragionamento dei suoi sostenitori è basato sul principio di causalità, come si è visto la causa è una categoria, una funzione propria dell'intelletto che per giudicare ha bisogno delle intuizioni empiriche che costituiscono la materia. L'argomentazione teleologica dimostra la sua inconsistenza in quanto concepisce Dio come una sorta di principio regolatore finito escludendo il Dio creatore.  

 Se la conoscenza è limitata all'esperienza, la metafisica si dimostra impossibile come scienza, l'unico sapere che ha validità è quindi quello che deriva dall'esperienza, tuttavia il fatto che l'uomo si ponga determinati interrogativi significa che esiste un bisogno spirituale che non può essere represso. Questo argomento verrà affrontato da Kant nella Critica della ragion pratica (1788) dove l'esistenza di Dio non viene dimostrata per via razionale, ma ammessa come un postulato di fede, una fede razionale che per il filosofo tedesco significa una fede giustificata razionalmente.

Sui risultati a cui pervenne Kant nella Critica alla ragion pura si veda:

 http://condividendoidee.over-blog.it/ 2018/06/critica-della-ragion-pura-di-kant-risultati.html

 

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Kant Immanuel

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link