Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 giugno 2018 5 15 /06 /giugno /2018 03:38

Descartes esercitò una forte influenza sulla riflessione filosofica successiva che spesso prese le mosse per superare quelle che erano due caratteristiche del cartesianismo:

  • Il dualismo di res cogitans e res extensa;
  • L'infinito  capace di attirare e assorbire l'uomo.

La riflessione filosofica di Descartes era la risposta ad una delle istanze più diffuse nella cultura europea del tempo: quello di trovare un elemento fondante della filosofia e di definire il punto fondante da cui partire per elaborare concettualmente una dottrina. Descartes rispose a questo bisogno elaborando l'idea di autocoscienza intesa come intuizione di sé capace di ridurre tutta la realtà a pensiero.

Le caratteristiche su menzionate del cartesianismo indussero la speculazione filosofica successiva a tentare di superare le difficoltà derivanti dal dualismo cartesiano e tra le varie dottrine che si svilupparono nell'ambiente culturale europeo del XVII secolo vi fu  l'occasionalismo. Il tentativo di superare il dualismo cartesiano fu in realtà portare alle estreme conseguenze il pensiero di Descartes, mettendo in posizione preminente l'attività di Dio e in ruolo completamente subordinato l'uomo. Per l'occasionalismo tutte le creature sono semplici occasioni di Dio, l'unico attore e principio di causa di ogni evento è Dio. Se da una parte l'occasionalismo cercò di oltrepassare le difficoltà del dualismo cartesiano, dall'altra parte si poneva come obiettivo quello di sottrarsi alle insidie del panteismo naturalistico di Spinoza.

Il pensatore che per primo elaborò la dottrina occasionalistica fu Arnold Geulincx che portò alle estreme conseguenze il dualismo cartesiano di res cogitans e res extensa: non solo non esisteva un netto distacco tra spirito e materia, distacco che negava un rapporto causale fra le due realtà ma non vi era neppure rapporto tra res cogitans e res cogitans e tra res extensa e res extensa. L'anima non può dirigere l'azione del corpo e non vi è nesso di causalità tra l'azione dell'anima e quella del corpo, solo Dio è capace di agire e all'uomo non rimane che prendere coscienza, attraverso la volontà, dell'errore che deriva quando si pone in contrapposizione all'azione divina. Per Geulincx l'azione di tutte le creature è totalmente subordinata all'azione causale di Dio, l'uomo non ha spazio e non è libero di avere alcuna iniziativa, viene negato completamente il libero arbitrio. Nella storia e nella natura gli eventi non accadono in maniera autonoma ma è solo l'azione di Dio che conta, le creature pertanto non sono altro che semplici eventi occasionali di Dio, unica causa di tutto ciò che accade nell'universo. 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Geulincx: l'occasionalismo

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link