Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 giugno 2018 6 16 /06 /giugno /2018 14:51
Locke: il valore del sapere

Se Locke è stato il primo filosofo ad affrontare il problema dell'origine delle idee ammettendo l'esistenza di una realtà esterna a noi, ma con le idee l'uomo cosa conosce? Locke, come è noto, riteneva che la nostra facoltà conoscitiva si innescasse da due sorgenti: la sensazione e la riflessione (Si veda Locke il significato di idea e l'origine delle idee) e che da queste due fonti avesse inizio il processo conoscitivo. Tuttavia le idee non permettono di conoscere la realtà esterna all'uomo ma con l'idea si conosce solo l'idea, problema ideogenetico viene affrontato da Locke in opposizione all'innatismo propugnato da Descartes ma per quanto riguarda il valore dell'idea egli non si distacca dall'atmosfera culturale dell'epoca fortemente impregnata di cartesianismo. Il problema della aderenza di un'idea con la realtà rappresentata venne affrontato da Locke introducendo una distinzione tra conoscenza immediata e conoscenza dimostrativa o in altre parole tra intuizione e dimostrazione, si tratta di due forme di conoscenza che avvengono con processo diverso: nel primo caso l'uomo intuisce immediatamente la validità di una determinata affermazione, ad esempio, se si dice che 3+2=5, mentre nel secondo caso il processo è più complesso in quanto il giudizio finale è il risultato mediato di più idee. La certezza del nostro io è una conoscenza immediata che avviene per intuizione mentre l'esistenza di Dio deve avvenire attraverso una dimostrazione. L'uomo conosce l'io intuitivamente e questa presa di coscienza ci permette di cogliere il complesso delle attività legate all'io; per quanto riguarda l'esistenza di Dio invece utilizza la seguente argomentazione: se esiste una realtà contingente e finita, per la legge della causalità deve esistere una realtà eterna. Analogo ragionamento viene utilizzato per dimostrare l'esistenza della realtà esterna. Le cose, egli teorizza, vengono conosciute attraverso una conoscenza per sensazione e sempre in base legge della causalità si può affermare che le idee non possono esistere di per sé ma necessitano di una sorgente esterna che consenta il nostro atto del conoscere. 

Con la  sensazione noi non siamo in grado di cogliere l'essenza delle cose, cioè cosa siano le cose, ma solo di constatarne l'esistenza. Noi possiamo essere certi di alcune proprietà delle cose come le proprietà primarie (estensione, solidità, forma, numero) mentre altre proprietà (colore, suono, sapore, calore) possono essere colte sul momento per sensazione. Il ragionamento di Locke arriva alla conclusione che l'uomo non può conoscere l'essenza reale delle cose, noi diamo alle cose dei nomi ma questi nomi costituiscono un'apparenza (essenza nominale) che rende inafferrabile  il senso della realtà. All'uomo non rimane quindi che assumere un atteggiamento agnostico ammettendo la propria incapacità a cogliere l'essenza della realtà.

Il ragionamento utilizzato da Locke può lasciare perplessi dal punto di vista logico in quanto il ricorso alla legge della causalità in realtà non spiega nulla, egli vi ricorre senza chiarire il funzionamento di questo principio. Il nesso di causalità tra cose e idee, a suo parere, può essere colto  solo nel momento in cui avviene la conoscenza per sensazioni e non dopo, un ulteriore distinguo che complica ancora di più la comprensione del suo ragionamento. Sulla inconoscibilità dell'essenza del reale egli invece arriva a constatare l'impotenza dell'uomo che può spiegare come le cose avvengono ma non il perché. Non possiamo non constatare che su questo punto Locke ha ragione: le  scienze della natura infatti fanno dei continui progressi dal punto di vista conoscitivo, la somma delle conoscenze progredisce ad una tale velocità che noi siamo in grado di  intervenire su problematiche che per molto tempo apparivano senza soluzione (si pensi solamente ai progressi nel campo della medicina) ma nonostante le conoscenze siano cresciute l'uomo non è in grado e non sarà mai in grado di cogliere l'essenza della realtà. 

Solo Dio, afferma Locke, conosce l'essenza delle cose e solo Dio è in grado di dire cosa sia il pensiero e la materia, sulle questioni di carattere metafisico è meglio quindi sospendere ogni giudizio ed evitare polemiche che non solo non portano da nessuna parte ma sono foriere di divisioni e conflitti. Le facoltà conoscitive devono essere quindi impiegate non per affrontare questioni irrisolvibili come quelle derivanti dalla metafisica ma per risolvere i problemi di natura pratica. La conoscenza in definitiva per Locke deve essere funzionale alla soddisfazione dei bisogni e per risolvere questioni di carattere pratico.

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Locke John

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link