Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
16 giugno 2018 6 16 /06 /giugno /2018 08:49

Nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu - John Locke -

Saggio sull'intelletto umano

Locke: il significato di idea e l'origine delle  idee

Inquadrare la personalità di Locke significa comprendere le radici del suo pensiero; egli evita qualsiasi speculazione di tipo metafisico che voglia dare una spiegazione esaustiva dell'universo ed è un convinto assertore della necessità di effettuare, prima di ogni costruzione sistematica, un'accurata analisi delle nostre conoscenze.

Il problema gnoseologico: l'esigenza di Locke è  quindi quella di chiarire ciò che avviene nelle vicende umane e di comprendere quale fosse l'origine delle idee e della loro corrispondenza con la realtà; solo in un secondo momento, chiarito questo aspetto che egli ritiene fondamentale, é possibile occuparsi delle questioni etiche, pedagogiche, politiche e religiosi al fine di promuovere una società tollerante e tranquilla. Egli pensa infatti che una delle cause di divisione della società risieda nelle frequenti polemiche metafisiche e di carattere religioso che non solo dividono gli uomini ma sono causa di conflitti e di lotte cruente tra gli individui.  Locke è stato il primo filosofo ad essersi occupato del'origine delle idee, prima di lui nessuno aveva trattato il problema, sotto questo punto di vista la teoria da lui elaborata può definirsi moderna. Cartesio, ad esempio, aveva evitato di affrontare la questione sull'origine delle idee in quanto comprendeva l'anima nel pensiero e tutto il cartesianismo sosteneva la dottrina delle idee innate o congenite. 

Chiarimento sul termine idea: Locke utilizza il termine "idea" intendendo qualsiasi fatto di natura rappresentativa o qualunque rappresentazione della realtà a prescindere da dove si trovi, pertanto  questo termine  vuole dire senza fare distinzioni: concetto, immagine, fantasma, rappresentazione, percezione. Si comprende quindi che con il termine idea Locke è lontano dalla concezione  di Descartes per il quale idea era un concetto universale o da Platone il quale intendeva con questo termine un archetipo esistente in una realtà trascendente o da Agostino di Ippona che aveva concepito l'idea come un modello esistente nell'intelletto di Dio.

La ricerca di Locke richiedeva pertanto una riflessione sul modo in cui avevano origine le idee, è da tenere presente poi che la sua riflessione dal punto di vista espositivo tendeva a semplificare le problematiche proprio per evitare le difficoltà inerenti un settore (quello della conoscenza) che non poteva contare sull'apporto sperimentale ma si basava su intuizioni ed ipotesi. Oggi quando si parla di teoria della conoscenza si fa riferimento all'apprendimento come processo in grado di modificare il comportamento, mentre in  Locke possiamo distinguere due momenti della sua dottrina: il momento psicogenetico vale a dire relativo all'origine delle idee e il momento critico dove viene affrontato il valore del sapere nei confronti della realtà.

L'origine delle idee: all'inizio della sua riflessione Locke afferma con forza che non possono esistere idee congenite, la conoscenza ha quindi origine esclusivamente nell'esperienza, convinto assertore di questo presupposto, riprende e fa suo  principio della scolastica medioevale in base al quale "nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu". Con il termine intelletto Locke fa riferimento all'atto conoscitivo dell'uomo, qualsiasi tipo di conoscenza deriva dall'esperienza e si attua in due fasi: la prima fase è quella della passività in cui lo spirito umano riceve gli stimoli proveniente dall'esperienza, il secondo momento è quello dell'attività in cui l'uomo elabora questi dati rendendoli sempre più complessi. L'atto conoscitivo si sviluppa partendo dalle idee semplici, elaborandole poi in idee complesse e pervenendo poi alle idee generali.

  1. Idee semplici: sono quelle idee che non possono essere disaggregate in altre idee: idea di nero, di dolce, di amaro, di piacere, di dolore eccetera. Le idee semplici provengono dalla sensazione e dalla riflessione. Dalla sensazione provengono le idee delle cose o dei fatti che sono esterni all'uomo, dalla riflessione provengono invece le idee che si riferiscono a cose o fatti interni a noi. Le idee semplici fanno parte di quel momento in cui l'uomo riceve i dati provenienti dalla realtà esterna o interna, le impressioni ricevute poi vengono elaborate diventando idee complesse o generali. L'uomo in questa fase si trova in una fase di partenza in cui tutto viene recepito come nuovo, si tratta quindi di una fase in cui la conoscenza si forma a seguito di stimoli esterni (la sensazione) o interni (la riflessione.
  2.  Idee complesse:  gli stimoli provenienti dall'ambiente circostante e dalla riflessione vengono modificate ed elaborate attraverso un processo di aggregazione, discriminazione e relazione. Locke introduce la seguente distinzione: a) Idee di sostanze: si tratta di un'idea ricavata attraverso un processo di aggregazione di più idee semplici, ad esempio l'idea di "mare" si ricava attraverso la somma di idee semplici di grandezza (estensione), di colore, di salato,di bagnato eccetera. L'idea complessa di mare nella prospettiva delineata da Locke un sostrato (sub-stantia) che comprende più proprietà: b) idee di modi: si ottengono aggregando più idee semplici con lo scopo di avere non l'idea di una cosa ma un fatto, una forma o un'azione come possono essere, ed esempio, un quadrato, un ringraziamento, la corsa ecc; i modi non sono sostrati perché non si riferiscono a cose; c) idee di relazioni: si ottiene mettendo in relazione due idee semplici senza che questa attività dia origine ad una terza idea così come avviene per le idee di sostanze; sono idee di relazioni  le idee di effetto, causa, di origine, di minore, di maggiore, di eguaglianza eccetera.
  3. Idee generali: il processo di generalizzazione viene scaturito da quello di astrazione, attraverso l'attività di discriminazione l'atto conoscitivo separa le proprietà una dall'altra per arrivare a un'idea generale; idee generali sono, ad esempio, l'idea di estensione o quella di bianchezza. Locke utilizza l'espressione "idee generali" non per indicare delle idee universali ma delle immagini deboli di idee semplici o complesse di sostanza, modo o relazione.

 

Il linguaggio: Le idee vengono rappresentate attraverso il linguaggio, l'uomo dà un nome convenzionale a tutto ciò che vuole pensare e comunicare, il linguaggio è pertanto, secondo Locke, un'attività articolata ma nello stesso tempo arbitraria per cui i nomi vengono dati senza che l'uomo sia in grado di conoscerne l'autore ma nello stesso tempo l'origine dei nomi è esclusivamente umana, è l'uomo che denomina in questo o quel modo questa o quell'idea, viene negata quindi qualsiasi riferimento ad una natura od essenza intelligibile. Il linguaggio si forma per convenzione, in modo arbitrario per esigenze di tipo comunicativo, gli esseri umani chiamano con un nome una molteplicità di cose o fatti per potersi scambiare delle idee, il nome in definitiva è il segno esteriore e tangibile delle idee dalle più semplici alle più complesse.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Locke John

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link