Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
27 giugno 2018 3 27 /06 /giugno /2018 05:23

Un uomo che nascesse privo dei suoi cinque sensi sarebbe privo di qualsiasi idea, se potesse vivere - François-Marie Arouet  de Voltaire.

 

François-Marie Arouet  de Voltaire rappresenta tutti i caratteri dell'illuminismo francese, spirito versatile e curioso, incline alla polemica, scrisse molto e si interessò dei più svariati argomenti. Nel suo Dizionario filosofico, dove offre un quadro della cultura del suo tempo, dà una spiegazione sul modo in cui nasce la conoscenza. Egli sostiene che gli uomini hanno cinque sensi e sono questi cinque organi di senso che ci permettono di diventare reattivi quando entriamo in contatto con un oggetto. Voltaire per spiegare come questo meccanismo sostiene convintamente che "i sensi sono le porte dell'intelletto" e fa un ragionamento che parte da Locke non prima di mostrare il proprio dissenso alla teoria delle idee innate di Descartes, nei cui confronti osserva:

"Descartes, nei suoi romanzi, pretese che noi possedessimo idee metafisiche prima ancora di conoscere le mammelle della nostra nutrice; una facoltà di teologia prescrisse questa tesi, non perché fosse un errore, ma perché era una novità; in seguito, adottò quest'errore per il fatto che era stato demolito da Locke, filosofo inglese, e bisognava pure che un inglese avesse torto".

Voltaire sulla genesi delle idee non ha dubbi, è impossibile avere idee senza i cinque sensi, un uomo che dovesse nascere senza sarebbe privo di idee e a tal proposito afferma:

"Un uomo che nascesse privo dei suoi cinque sensi sarebbe privo di qualsiasi idea, se potesse vivere. Le nozioni metafisiche ci arrivano solo dai sensi: come potremmo misurare un cerchio o un triangolo, se non avessimo mai visto e toccato cerchi e triangoli? Come farsi un'idea imperfetta dell'infinito, se non allontanando ogni limite? E come togliere dei limiti, senza averne mai visti o sentiti? La sensazione avvolge tutte le nostre facoltà, disse un gran filosofo.

Voltaire non abbraccia totalmente la posizione sensista ma afferma che la facoltà del pensare è opera dell'Essere degli esseri (Dio).  Le idee dell'uomo nascono quindi  grazie ai cinque sensi ma continuano ad esistere anche dopo la sua morte, sul perché questo avvenga però Voltaire non sa dare una risposta al punto da fare appello a chi più bravo di lui sia in grado di spiegarne le ragioni:

"Se voi non pensate più, appena vi han tagliato la testa, come mai il vostro cuore continua a pulsare, se vi viene strappato via? Voi - dite - sentite, perché tutti i nervi hanno la loro origine nel cervello; eppure, se vi hanno trapanato il cranio e bruciato il cervello, non sentite più niente. Chi conosce le ragioni di tutto ciò è bravo davvero".

Stimolo alla riflessione

A partire da Locke si diffondono numerose teorie sull'origine della conoscenza, un argomento sul quale ancora oggi si indaga grazie all'apporto di numerose discipline tra cui le neuroscienze il cui approccio di tipo biologico non può di certo esaurire del tutto la spiegazione di come si formi la conoscenza. L'attuale approccio multidisciplinare tuttavia offre il vantaggio di essere "aperto" coinvolgendo le scienze comportamentali che si occupano, tra le altre cose delle interazioni con l'ambiente. Un importante contributo, poi, viene dalle discipline demo/etno/antropologiche grazie alle quali viene affrontato la questione complessa dell'origine della cultura, dei valori e in senso lato delle idee. Come si forma la conoscenza e potremmo dire come si forma la cultura, è un argomento che venne affrontato con un approccio scientifico dall'antropologo polacco Bronislaw Malinowki per il quale la cultura è un fenomeno complesso che comprende tutto ciò che gli uomini fanno. La cultura è per Malinowski un sistema di funzioni che spiega i comportamenti, le abitudini e i valori.  Grazie al metodo funzionalistico oggi possiamo descrivere con più precisione molti fenomeni culturali e la loro relazione con l'ambiente. 

Per una consultazione integrale  del Dizionario filosofico di Voltaire si rimanda a:

Dizionario filosofico

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Voltaire

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link