Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 luglio 2018 5 06 /07 /luglio /2018 17:05
Bronislaw Malinowski: l'osservazione partecipante

Se James G. Frazer, autore de Il ramo d'oro,  è l'esponente più rappresentativo di quella che venne definita in modo sprezzante "antropologia da tavolino",  Bronislaw Malinowki (1884-1992) è, all'unanimità, ritenuto il fondatore dell'antropologia moderna grazie anche e soprattutto al metodo di studio da lui concepito  basato sulla ricerca diretta sul campo.  I due aspetti che contraddistinguono la tecnica adottata da Malinowski sono la permanenza del luogo oggetto di osservazione e il coinvolgimento personale; questa tecnica  di lavoro da lui stesso denominata dell' «osservazione partecipante», si fonda sul concetto in base al quale per studiare in modo appropriato una cultura bisogna viverla direttamente.

Questo metodo di lavoro etnografico si sviluppa in modo esattamente contrario rispetto a quello adottato da Frazer in quanto l'etnografo non solo deve vivere direttamente la realtà oggetto della sua indagine ma - secondo le indicazioni di Malinowki  non deve avere nessun rapporto con la propria condizione di vita originaria al fine di raggiungere un'immersione consapevole nella sua attività di ricerca.. Il tagliare i ponti con la propria realtà di origine non riguarda solo le condizioni materiali ma anche deve andare a coinvolgere la sfera esistenziale e privata. Secondo Mainowski entrando in un rapporto di totale sintonia con i nativi di questo o quel luogo si può raggiungere una forma di intesa oggettiva che non può essere raggiunta da chi, come gli antropologi da tavolino, utilizza invece fonti di seconda mano senza aver mai conosciuto la realtà di cui parla.

Il lavoro dell'etnografo deve – secondo le indicazioni di Malinowki – concentrarsi sugli aspetti della vita quotidiana dei nativi, aspetti di routine che comprendono tutta una serie di attività ordinarie e ripetitive quali ad esempio la giornata lavorativa di un individuo, il modo in cui si procaccia e prepara il cibo, le modalità con cui si dedica alla cura del corpo, il tono della voce quando conversa intorno ad un fuoco sino all'esame delle reazioni emotive che fanno parte della dinamica relazionale del gruppo sociale a cui quell'individuo appartiene.

In un periodo pionieristico dell'antropologia, le indicazioni di Malinowki costituirono una novità ma anche una rottura con quegli antropologi da lui ritenuti dilettanti impregnati di pregiudizi , atteggiamento questo frutto di una condotta superficiale in quanto  costoro - accusò l'antropologo polacco . non erano abituati al lavoro diretto sul campo. Un altro aspetto molto importante riguarda l'obiettivo dell'etnografia che secondo un'espressione notissima di Mlainowki deve essere in grado di cogliere il punto di vista dell' indigeno, per raggiungere questo obiettivo l'etnografia deve muoversi in due versanti che devono procedere di pari passo: l'osservazione partecipante e lo sviluppo teorico.

Infine è da rilevare che nella concezione antropologica di Malinowki non esistono aree di attività separate ed indipendenti,  il campo d'indagine di un etnografo non può prescindere dalla lettura di una determinata cultura in senso organicistico in cui il significato delle varie parti può essere afferrato e compreso solo se si coglie la relazioni di ogni singola parte con il tutto.

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Antropologia Culturale

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link