Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 luglio 2018 2 10 /07 /luglio /2018 12:11

Ripensare l'antropologia e in genere tutte le discipline demologiche comporta anche e soprattutto concepire il modo diverso il termine "tradizione". Questo termine per chi è abituato ad associarlo ad una parola come "folklore" (anzi folclore all'italiana) oggi appare un non senso in quanto non solo è mutato il modo di concepire l'antropologia ma è cambiata soprattutto l'attività degli studiosi di tradizioni popolari. Venute meno le  classi subalterne, soppiantate da ceti popolari attratti dalla cultura del consumo di massa, parlare di tradizione sembrerebbe un non senso considerando poi che vi è una parte di antropologi collaborativi e contigui con quel fenomeno che viene definito di patrimonializzazione della cultura materiale e immateriale etnografica. 

Nella situazione odierna l'UNESCO ha monopolizzato questa attività di salvaguardia della tradizione, ne detta tempi e modi e decide ciò che deve essere considerato "patrimonio dell'umanità"; questa attività di salvaguardia non è rivolta solo ai luoghi ma anche al complesso di beni materiali e immateriali che fanno parte della memoria collettiva dell'intera umanità. Si tratta di un'attività che pone il complesso del patrimonio etnografico da una realtà locale a una dimensione mondiale, un'attività che vista dal punto di vista della salvaguardia è positivo ma che presenta anche delle insidie se la si esamina seguendo le categorie dell'antropologia intesa come disciplina proiettata a spiegare la cultura delle classi subalterne. Se i ceti subalterni tradizionali non esistono più, pur permanendo le differenze, cosa è la tradizione e cosa si vuole salvare del passato? Non si tratta di una questione da poco perché la finalità dell'antropologia e degli studi demologici è mutata, tralasciamo l'attività accademica che coinvolge poche decine di persone e pensiamo invece a tutti coloro i quali volendosi definire "antropologi" si chiedono quale sia il compito dell'antropologo oggi.

La conversione a una forma di antropologia che collabora al processo di riconoscimento dei beni etnografici come patrimonio dell'umanità, può essere uno sbocco "lavorativo" ma dall'altra parte ci suggerisce qualche perplessità. Dalle grandi visioni di un Malinowki o di un Lèvi-Strauss a collaboratori della pro loco? Questo è il destino degli antropologi collaborativi? Quale spazio rimane alla critica? La riduzione allo stato di "tecnico"  e di "superperito" è questa la fine dell'antropologo moderno? Ma soprattutto questa nuova condizione ci porta ad un punto cruciale che non può essere eluso: quale credibilità ci può essere in questa attività se le risorse economiche arrivano da istituzioni con le quali bisogna, per ovvi motivi, evitare conflitti. Chi decide cos'è la tradizione?  L'antropologo contemporaneo e chi aspira ad esserlo non può eludere queste domande a meno non si abbandoni una volta per tutte la missione dell'antropologia con buona pace di tutti coloro che criticavano il collaborazionismo degli studiosi vissuti durante il fascismo, come ad esempio Raffaele Corso, che avrebbero avuto la colpa di presentare un folklore funzionale agli interessi del regime. La storia si fa beffe degli uomini e pare che oggi si stia facendo beffe di tutti coloro che hanno dileggiato molte delle nostri migliori menti che diedero un contributo importantissimo alla ricerca etnografica. 

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Antropologia Culturale

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link