Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 luglio 2018 1 09 /07 /luglio /2018 06:35
Ernesto De Martino: la teoria della presenza

La concezione gramsciana del folklore visto come una conseguenza dei rapporti tra le classi trovò ampio consenso in molti studiosi del secondo dopoguerra, la figura più rappresentativa di questo indirizzo di studi che riprese anche le indicazioni di Gramsci fu Ernesto de Martino che si dedicò ad un puntuale e metodico studio di classificazione della cultura magico-religiosa diffusa tra  i ceti subalterni del Sud Italia. Il retroterra ideologico dell'attività di de Martino non fu però solo Gramsci, un ruolo non secondario ebbe nella sua attività di studioso la filosofia storicista di Croce che come è noto aveva espresso un giudizio negativo nei confronti delle scienze sociali viste come false scienze i cui dati raccolti  potevano essere interpretati correttamente solo nella Storia. Se Croce però non era interessato alla cultura dei ceti popolari, de Martino, pur in dissenso con l'impostazione crociana ne accoglie un presupposto fondamentale: il giudizio critico che viene utilizzato come strumento utile a sottrarre gli studi sul folklore da una visione meramente naturalistica  e per ricondurli entro l'alveo del processo storico e delle sue dinamiche intese in senso gramsciano. Se Croce e Gramsci, seppur in modo diverso hanno costituito il retroterra ideologico di de Martino,  altrettanto influente fu Heidegger a  partire dal concetto di presenza inteso come esserci , concetto che riveste un ruolo centrale nella sua interpretazione del mondo magico-religioso dei contadini meridionali.

Secondo l'interpretazione di de Martino la cultura magico-religiosa delle classi popolari dell'Italia meridionale è una risposta alla loro condizione di subalternità nei confronti dei ceti dominanti. La persistenza di pratiche magico religiose (magismo) è vista come un momento storico nel quale si trova quella che lo stesso de Martino definì presenza,  la presenza è un'attitudine che permette di conservare nella propria coscienza una serie di ricordi e di esperienze che vengono ritenute funzionali per dare una risposta adeguata alle condizioni contingenti in cui ognuno si trova a vivere in altri termini gli individui delle classi popolari. La presenza è vista da de Martino anche come un elemento di resistenza che svolge una  funzione di opposizione alla penetrazione della cultura dominante, un esempio può venire dalle diffuse pratiche religiose in cui elementi provenienti dal paganesimo coesistono e si fondono con le pratiche cultuali cristiane. de Martino definisce la presenza come un "esserci"  in senso heideggeriano all'interno di un ambiente ricco di significati, ambiente che rivela inoltre un profondo radicamento dove il senso dell'esistenza individuale e collettiva è dato proprio dal momento religioso e magico.  In un mondo minacciato dall'insicurezza, le pratiche magico religiose svolgono un ruolo di difesa proiettando l'individuo in una dimensione metastorica nel senso che vive in una condizione come se fosse fuori della storia; in questo senso la "presenza" svolge un ruolo di fuga dalla realtà, dalla propria realtà individuale e collettiva ma questo ruolo entra in crisi nel momento in cui avvengono degli eventi traumatici e subentra il sentimento della paura, paura di perdere proprio quegli elementi che danno un significato al proprio vivere consentendo in tal modo che abbia il sopravvento lo smarrimento e l'insicurezza.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Antropologia Culturale

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link