Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 gennaio 2013 3 02 /01 /gennaio /2013 08:54

article marketing

 

 

 

3160083181_6a612f68a9.jpg

http://www.flickr.com/photos/92126232@N00/3160083181

Abbi il coraggio di cononoscere è un bellissimo libro che apre la mente e che costituisce un vero e proprio invito alla conoscenza nel  pieno rispetto della dignità dell'uomo. 
Non è una novità vedere uno scienziato sconfinare nel campo della filosofia in quanto si tratta di un'invasione di campo solo apparente. Tutte le scienze derivano dalla filosofia che è la madre di ogni conoscenza ed è pertanto "naturale" che le altre scienze spesso ritornino nel grembo di quella disciplina che nacque con un solo obiettivo: capire e comprendere per arricchire la conoscenza. 
Ma non c'è conoscenza senza metodo e il metodo scientifico nasce nel momento in cui la ragione si liberò da qualsiasi vincolo morale e d'autorità: prima dell'Illuminismo infatti, tutto il fondamento della conoscenza si basava su quel principio di autorità che può essere riassunto nell' "Ipse dixit" di Aristotele che, senza volerlo, inchiodò l'uomo nelle pastoie della teologia speculativa per secoli. 

In questo senso Rita Levi Montalcini con il suo monito "Abbi il coraggio di conoscere" riprende lo spirito di quello che può essere considerato il manifesto programmatico dell'Illuminismo: "I progressi dello spirito umano" di Giovanni Caritat marchese di Condorcet
Secondo l'illuminato marchese che fu il vero teorico dell'Illuminismo, la ragione arrivò ad emanciparsi solo quando si svincolò da ogni vincolo d'autorità che fino ad allora l'aveva indotta nell'errore. 
Quello della Montalcini è un invito ad essere uomini liberi non perché la scienza non possa indurre in errore, ma perché attraverso la scienza è possibile conoscere non cadendo nel pre-giudizio. 
Quello di Galileo Galilei è il caso più emblematico di come il pre-giudizio possa fare dei danni tremendi insultando la ragione, eppure le generazioni che ci hanno preceduto si sono appiattite su presunte verità rivelate andando contro la ragione stessa. 
Scuole, governi e sistemi educativi sono state improntate sull'ignoranza e la superstizione, condizionando in tal modo, la vita non solo del singolo individuo ma anche di intere nazioni. 

Nella storia del pensiero occidentale si è quindi assistito a questo scontro tra seguaci della teologia e sostenitori della fisica che -come ha detto il filosofo Fontenelle- deve elevarsi "fino a diventare una specie di teologia". Il vero problema è quindi non la scienza ma lo scientismo che purtroppo è una degenerazione del "metodo scientifico" di cui la Montalcini illustra i fondamentali. 
Tuttavia non c'è altra strada per liberarsi dalle passioni e dai capricci degli uomini che spesso scivolano nella superstizioni, alimentando credenze insensate foriere di tragedie e spesso anche di conflitti laceranti. 

Riteniamo che uno dei problemi che costituisce un ostacolo quasi insormontabile per molte persone, sia quello del rapporto con la religione che almeno per quanto riguarda alcune frange estreme del cattolicesimo continua a rifiutare i principi della scienza cartesiana. È bene mettere l'accento su "alcune" perché c'è anche una parte consistente dell'intellighenzia cattolica che si è aperta da tempo alle problematiche della scienza arrivando (incredibile a dirsi)  ad ammettere la possibilità di altre forme di vita nell'universo. Una cosa impensabile fino a poco tempo fa quando l'erroneo concetto della centralità dell'uomo nell'universo, escludeva qualsiasi lettura che andasse contro quanto sostenevano le Sacre Scritture. Ovviamente questo modo di interpretare letteralmente la Bibbia ha impedito che si comprendessero le connessioni causali degli elementi naturali. 

 

 

8127991275_cde1b84b83.jpg

http://www.flickr.com/photos/14542596@N02/8127991275 

 

 


Leggere il libro della Montalcini invece apre gli orizzonti della mente e fa comprendere (forse anche ai più riottosi e ai più prevenuti) che la scienza è indispensabile per l'uomo il quale, proprio grazie al progresso scientifico, ha potuto alleviare le sue sofferenze. 
Non ci iscriviamo nel "partito della scienza" a tutti i costi, anzi crediamo che dinanzi al progresso tecnologico (un effetto di quello scientifico) serva un atteggiamento critico e la Montalcini di questo ne è ben consapevole quando evidenzia i limiti della scienza e le forti implicazioni di carattere etico che sono connesse a qualsiasi attività di conoscenza che non metta al centro del suo pensiero l'uomo. 
Senza dubbio temi come quelli dell'eutanasia e degli embrioni sono temi laceranti ed è per quello che non bisogna "disseccare" la scienza da quello che è il suo obiettivo fondamentale: fare stare bene l'uomo. 

La ragione in definitiva non deve mai essere separata dal mondo storico, è questo il messaggio di ottimismo e di speranza che Rita Levi Montalcini lascia in eredità alle nuove generazioni di scienziati. 

Consigliamo pertanto la lettura del libro, costa poco meno di 8,00 euro, una cifra irrisoria considerando lo spessore delle riflessioni in esso contenute.

 

Rita Levi Montalcini è morta il 30 dicembre 2012, lascia un grande vuoto come donna e come scienziata.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link