Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 agosto 2012 2 21 /08 /agosto /2012 09:01

contatore

È probabile che Pasolini avesse letto "Lettera al padre" di Franz Kafka,(1) per certi versi il timbro di "Affabulazione" ricorda la storia del contrasto con il genitore raccontata dallo scrittore ceco, ma ci sono anche delle differenze sostanziali nel modo in cui vengono presentati padre e figlio.Tra le due opere c'è un'analogia per quanto riguarda il tema trattato ma  Pasolini preferisce utilizzare il teatro quale veicolo espressivo ideale per comunicare meglio e per comunicarlo al più vasto numero di persone. Le ragioni per cui Pasolini decise di misurarsi in qualità  di autore con il teatro è la medesima che lo ha portato a misurarsi con l'altra forma espressiva artistica: il cinema. La volontà di esprimersi con forme di comunicazione visiva era anche l'esigenza dell'autore che aveva compreso come il testo letterario non fosse in grado di essere recepito da chiunque. Ecco allora che nella seconda metà degli anni sessanta Pasolini decide di dedicarsi al teatro e lo fa a modo suo cambiando la stessa forma tradizionale del teatro incentrato sugli atti. Sotto questo punto di vista Pasolini è ancora una volta il più sperimentale tra gli sperimentali, la sua volontà di accellerare la dissoluzione della forma tradizionale del teatro non è fine a se stessa e non è dovuto alla ricerca dell'originalità a tutti i costi. Se si guarda alla parte formale della pièce teatrale pasoliniana si comprende come la scelta di dividere lo svolgimento della rappresentazione in episodi anzichè in atti, risponda perfettamente ai nuovi bisogni espressivi di un pubblico diverso e più esigente rispetto a quello che tradizionalmente frequentava i teatri.

"Affabulazione" venne scritta da Pasolini nel 1966, bisognerà però aspettare il 1977 per vedere la prima dell'opera in teatro, opera che venne diretta da Vittorio Gasman a due anni dalla tragica scomparsa dello stesso Pasolini. "Affabulazione" rimane una testimonianza forte e cruda delle vicende personali dell'uomo Pasolini e in particolare di quelle che riguardano il rapporto con il padre. Come sempre accade nei rapporti conflittuali con il genitore, il rancore si mischia con il rimorso per quello che non vi è mai stato e che sarebbe potuto essere: il dialogo e la comprensione. Di contro il rapporto tra il figlio e la madre completa e compensa la mancanza paterna, la madre raffigurata come custode della memoria è lei stessa  diventata diversa  rispetto a quello che era da giovane proprio a causa del cambiamento del marito di cui condanna gli atteggiamenti ridicoli e paradossali che assume in famiglia.

Pasolini presenta una situazione rovesciata e paradossale: il ruole del padre viene completamente depotenziato da quello di educatore per confondersi con quello del figlio, il parallelo con il padre di Kafka sotto questo punto di vista è improprio in quanto Kafka presentò la figura di un padre accentratore e dispotico ma pur sempre calato nel ruolo padre, mentre Pasolini delinea la figura di un genitore in assurda competizione con il figlio di cui invidia la giovinezza e la vitalità e che non riesce ad afferrare perché lo vede come mistero. La sessualità diventa un elemento chiave per spiegare questa incomunicabilità che è tutta interna al padre il quale cerca di dimostrare attraverso un'ostentazione dei propri rapporti sessuali che è ancora "potente". La dimostrazione paterna della propria virilità diventa così una forma di comunicazione estrema in cui paradossalmente il padre sembra dire al figlio "vedi, ci sono, non sono finito".

La madre in questa rapporto conflittuale  padre-figlio non è una  spettatrice passiva, ma una vittima che completa e chiarisce a beneficio dello spettatore la figura del marito la cui trasmutazione (in peggio) lo rende irriconoscibile rispetto all'uomo sano ed equilibrato che aveva conosciuto. 

La scelta di Pasolini di rappresentare e mostrare piuttosto analizzare è coerente con la sua attività di romanziere e di poeta, mostrare la realtà senza un commento scritto significa privilegiare l'oralità e l'immagine che amplificano l'ordine degli eventi ma che nel contempo mischiano realtà e fantasia. 

 

Pasolini.JPG

Album di Caiomario

 

 

 

La parte conclusiva in cui rimane irrisolto il mistero del responsabile dell'uccisione del figlio rimane un'incompiuta che Pasolini privilegò rispetto ad una conclusione definita per stimolare, in tal modo, le riflessioni interiori e le fantasie degli spettatori. Il padre scivolato nella vita errante del clochard prima si addossa la responsabilità della morte del figlio, poi la nega, drammatica è anche la fine della moglie, morta suicida.

Affabulazione è un libro di sole 93 pagine che ha un potere di significazione straordinario e che permette di fare una ricognizione su alcuni aspetti della personalità di Pasolini, ma al di là delle vicende personali dell'autore, l'opera  merita di essere letta per il suo valore universale che va oltre il tempo e che ripropone l'eterno conflitto tra le generazioni.

 

(1) Vedi  Lettera al padre - Franz Kafka

 

 

 

Affabulazione

 



Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link