Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 giugno 2014 4 12 /06 /giugno /2014 07:01

5189907935_f4f9e04095.jpg

 

 

ARISTOTELE

 

Nella filosofia di Aristotele riveste una fondamentale importanza la concezione generale della realtà o metafisica il cui significato è quello di filosofia prima ossia  di filosofia fondamentale in quanto fornisce i principi basilari di una dottrina filosofica. Aristotele utilizza al posto del termine metafisica quello di teologia per indicare la realtà che sta oltre la natura delle cose sensibili e che riguarda la sfera del mondo divino. Il significato ambivalente del termine metafisica  è pertanto da intendersi in senso onnicomprensivo in quanto include tanto la fisica che la teologia.

La natura, il divenire e l'essere

Aristotele riprende e sviluppa le teorie precedenti sulla natura espresse dai filosofi naturalisti precedenti e a lui contemporanei, il problema fondamentale della dottrina filosfica di Aristotele è quello di fornire una spiegazione della natura, nella quale coglie il principio del divenire (o del movimento) delle cose. La fisica del movimento è quindi essenzialmente una spiegazione delle leggi che regolano il divenire e il compito del fisico non è quello di porre il problema se esista il movimento oppure no. Aristotele critica la posizione di Parmenide che avevo interpretato in modo univoco tanto l'essere che il non-essere, a questa conclusione giunse anche Platone che fece una distinzione tra non-essere assoluto o nulla assoluto e il non-essere relativo o diverso. Aristotele pur condividendo la distinzione di Platone introduce una ulteriore specifica sostenendo che l'essere si dice in molti modi e che pertanto il diverso non è altro che uno dei tanti modi dell'essere (molteplicità dei significati), ciascuna cosa quindi è a suo modo; l'essere per Aristotele non è quindi una realtà assoluta ma un concetto universale che non deve essere separato dalle cose che  hanno in sè il principio che le fa essere in quel determinato modo. Aristotele rigetta la teoria di Platone del mondo delle Idee separato dalle cose sensibili, questa teoria non fornisce una spiegazione del divenire della natura, l'errore di Platone è quello di avere creato una duplice realtà delle cose stesse, un'operazione che secondo Aristotele è superflua in quanto stacca l'essenza o forma dalla cosa, essenza che non esisterebbe se non vi fosse la cosa stessa.Se non vi fosse il cavallo -insegna Aristotele- non vi sarebbe l'idea di cavallinità.

Oltre all'aspetto descritto, Aristotele ritorna su un altro punto contradditorio di cui lo stesso Platone era ben consapevole e che riguarda l'argomento della terza idea, in base al quale se si fa corrispondere ai singoli uomini l'idea di umanità bisognerebbe ammettere anche una terza idea ( da qui denominata idea del terzo uomo) che comprenda entrambe; siffatto modo di procedere finirebbe col generare un processo senza fine che riporterebbe la problematica al punto di partenza rendendola insolubile. Aristotele quindi arriva alla conclusione che bisogna liberarsi tanto dell'essere uno e immobile di Parmenide quanto delle Idee di Platone partendo dalla vera realtà ossia dal concreto della natura.

 

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/9361468@N05/5189907935

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Aristotele

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link