Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 agosto 2012 6 04 /08 /agosto /2012 19:17

Il personaggio Moni Ovadia riesce sempre in un intento: quello di non passare inosservato e questo principalmente per due motivi: 

  • lo straordinario acume intellettuale 
  • una cultura ed un'erudizione non comune 

Da fine intellettuale qual'è Ovadia riesce a stupire ogni qual volta si ha la possibilità di ammirarne le doti non solo come autore teatrale ma anche come cantante e scopritore di curiosità musicali spesso relegate ai margini e destinate ad essere smarrite dalla memoria dei più. 

Nato a Budapest nel 1946 si trasferisce con la sua famiglia a Milano dove consegue la laurea in Scienze Politiche presso l'Università statale di Milano. 

Impregnato di cultura yiddish propria degli ebrei dell'Europa orientale, si è contraddistinto per aver iniziato una imponente opera di raccolta degli elementi costitutivi di questa particolare cultura che all'interno del mondo ebraico è stata generatrice di un patrimonio non solo religioso ma anche letterario ed artistico di grande spessore.

Proprio partendo da queste specificità, Ovadia ha dato il meglio di sè rivelando un interesse non solo culturale ma anche da autentico studioso antropologicamente orientato a ricostruire con pazienza certosina tutti gli elementi strutturali affrontando anche la lettura dei testi dal punto di vista demologico facendo subentrare alla rappresentatività puramente letteraria quella socio-culturale. 

Quindi questo studio delle proprie origini familiari e culturali non è stata solo una ricerca della propria memoria con l'intento di affermare il principio che questi elementi siano più validi e più belli ma con l'obiettivo ( a parere mio riuscito) di rappresentare una particolare e specifica condizione culturale. 

Proprio questa operazione, intellettualmente molto raffinata, ha consentito a Moni Ovadia di dialogare con il mondo non ebraico e di evitare qualsiasi celebrazione autoreferenziale che avrebbe potuto relegarlo all'interno di un gruppo etnico con il rischio di non avere alcuna possibilità di comunicazione se non con chi facesse parte di quella particolare cultura. 

Ogni formazione culturale vive una sua sorta di vita quando dura più o meno nel tempo, cominciando ad esistere e propagandosi nel tempo, fisicamente nello spazio e cessa quando muoiono gli usi praticati dagli individui, solo raccogliendo gli elementi culturali si riesce a farli circolare impedendone la dispersione al di là del fatto che questo avvenga all'interno di gruppi culturalmente omogenei. 

La pregevolissima opera di Ovadia quindi si è manifestata sia nel campo musicale con il gruppo Ensemble Havadia dove sono stati raccolti tutti quegli elementi della tradizione orale o che erano parzialmente scritti e che hanno permesso di fare conoscere un repertorio di musica etnica di straordinario interesse culturale. 

Di notevole interesse è l'attività nel campo teatrale, dove Ovadia ha dato il meglio di se non solo come autore dei testi ma come interprete unico e straordinario: basti pensare allo spettacolo Oylem Goylem dove vengono cantati testi musicali della tradizione klezmer che è un genere musicale molto particolare dove è presente una commistione di melodie yddish, polacche, russe e comunque riconducibili ad un'area geografica ben delimitata che è quella dell'Europa Orientale. 

Numerosi sono i testi scritti da Ovadia che ha dato alle stampe libri di grande successo come ad esempio "Oylem Goylem" che riprende il contenuto della rappresnetazione teatrale, dandogli forma scritta e permettendone una consultazione più meditata. 


Tutte le annotazioni riportate hanno evitato di riportare quanto è già scritto presso altre fonti, l'elenco dei libri pubblicati e del materiale pubblicato (DVD etc...) è reperibile presso il sito ufficiale dell'artista, ritenendo perfettamente inutile fare un elenco che già altri egregiamente hanno fatto, pensando, invece che possa essere un contributo valido quello che nasce esclusivamente dalla propria esperienza e dalle proprie riflessioni.

 

577193429_d3b90324ee.jpg

 

Fonte immagine: http://farm2.static.flickr.com/1022/577193429_d3b90324ee.jpg

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Ritratti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link