Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 gennaio 2013 5 18 /01 /gennaio /2013 08:33

siti di article marketing

 

 

Foto0350.jpg

"Cancroregina" è un romanzo di Tommaso Landolfi, scrittore e poeta italiano del Novecento che non è molto noto al grande pubblico e che meriterebbe una maggiore attenzione anche dal punto di vista della promozione editoriale se non altro perchè oltre a pregevoli opere, alquanto originali, ha avuto anche le attenzioni di quello scrittore di razza e intellettuale che risponde al nome di Italo Calvino, il quale non era certo tenero per quanto riguarda i giudizi e il rigore nei confronti dei contemporanei della letteratura italiana. 
Anche Carlo Bo si schierò  dalla parte di Landolfi giudicando come meritoria la  sua capacità unica di saper giocare con la varietà terminologica, utilizzando spesso parole desuete e di uso non comune. 

Il tema trattato in "Cancroregina" è quello di una eccentrica e, a tratti alquanto bizzarra, storia di uno scrittore che non ha avuto il successo sperato, pieno di debiti e assillato da problemi di una quotidianità amara e noiosa; lo scrittore si lascia convincere da uno scienziato folle che è scappato da un ospedale psichiatrico ad accompagnarlo in un folle volo verso la luna, a bordo di una navicella spaziale che lui stesso (lo scienziato) ha costruito e che ha chiamato Cancerogina. 

Il viaggio prosegue senza alcun problema, fino a quando lo scienziato incomincia a manifestare dei segni di disagio e di nervosismo che arrivano ad una vera e propria ostilità nei confronti dello scrittore, accusato di ostacolare il normale volo a causa del peso, in seguito a ciò manifesta il folle proposito di farlo uscire dall'astronave 

Lo scrittore fa la sua contromossa, espelle lo scienziato che si aggrappa alla navicella...il racconto ad un certo punto cambia tono uscendo dalla trama del viaggio; lo scrittore incomincia a riflettere sulla vita in genere, il tono delle riflessioni si fa amaro e surreale. 

Bellissima è questa parte dove Landolfi usa l'astronave e il viaggio come metafora di un viaggio mentale che uscendo dalla realtà consenta di vedere il mondo circostante con altri occhi, occhi di scrittore ma anche di uomo che cerca con disperazione una libertà che non riesce mai a trovare, neanche nelle divagazioni mentali. 

La ricerca ai quesiti assillanti della vita non ha alcuna risposta fino al punto che le elucubrazioni fantastiche ridimensionano quest'ansia investigatrice che non ha alcun approdo se non nella desolante solitudine che diventa cosmica come lo scenario cirocstante. 

Ed è proprio il rientrare nella realtà che ridimensiona ogni velleità di comprensione del mondo circostante, il fantastico si scioglie nel reale conferendo al dialogo il colore grigio di una quotidianità anonima e solitaria. 
Il protagonista si dmostra impietoso verso se stesso e verso la vita in genere non riuscendo a sfuggire al desiderio di lasciarsi andare, abbandonandosi all'immensità temporale e spaziale che non lascia speranza. 

Il confine tra follia e consapevolezza appare nel racconto labile fino al punto di assumere i contorni dell'incomprensione terminologica ingenerando nel lettore stesso una confusione che è la stessa del protagonista afflitto da un'inquietudine esistenziale che non riesce a placarsi in alcun modo se non riemmergendosi nella realtà che appare folle con tutte le sue contraddizioni. 

È un tema complesso quello affrontato da Landolfi nell'apparente leggerezza del racconto, il tema della follia che non ha, spesso, confini definiti e che si manifesta improvvisa, senza preavviso dinanzi ad un mondo di sani per convenzione. 

Landolfi non scade mai nella polemica, il tono per quanto eccentrico invita alla lettura di un romanzo che in talune parti assume dei contorni farseschi che sembrano irridere il lettore e la realtà stessa. 

La follia e la solitudine sono, quindi, una condizione esistenziale permanente e l'ultimo dialogo tra la moglie del protagonista, rinchiuso nel frattempo nel manicomio, e il medico diventano emblematici in quanto il manicomio non è più l'edificio in cui sono rinchiusi i pazzi ma tutta la vita, pervasa dalla follia, è un manicomio. 

Un bellissimo libro di un autore che ha scritto molte altre opere di grande spessore letterario.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link