Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
31 agosto 2012 5 31 /08 /agosto /2012 03:28

article marketing turismo

 

 

Cappuccetto Rosso A Manhattan

 

 

 

TRA I VARI CAPPUCCETTO.......SIAMO FINITI A MANHATTAN 

Può una fiaba come Cappuccetto rosso essere rivisitata in chiave moderna senza rischiare un confronto impari con quella originale scritta dai fratelli Grimm o quella ancora più nota scritta da Charles Perrault ? Me lo sono chiesto quando ho avuto il primo approccio con un libro che ho comprato non per me, ma per mia figlia e che alla fine ho letto spinto dalla curiosità più per il titolo particolare e per l'insolita lunghezza del testo. 
Del resto chi almeno una volta non ha sentito o letto quel famoso inizio: "C'era una volta una ragazzina...."? (Fratelli Grimm) oppure l'altro, ancora più noto, "C'era una volta in un villaggio una bambina" (Charles Perrault)? 
Jacob e Wilhelm Grimm scrivevano "fiabe per i bambini e per le famiglie", così si chiama il loro libro nel quale è contenuta anche la fiaba di Cappuccetto Rosso, quindi, come il lettore dei Grimm, anche un adulto di oggi può leggere una favola moderna con lo spirito critico di un lettore maturo e persino lo stesso Perrault scrisse il suo Cappuccetto Rosso esclusivamente per gli adulti e con un intento ben preciso: quello moralistico. 
Molti di noi conoscono la versione scritta da Charles Perrault, straordinario scrittore di favole e personaggio di corte che visse a Versailles al tempo di Luigi XIV ed è proprio quella versione che ho tenuto presente durante la lettura di "Cappuccetto Rosso a Manahattan" di Carmen Martin Gaite. 

LE DIFFERENZE TRA LA FAVOLE DELLA TRADIZIONE E LA VERSIONE MODERNA 

Intanto nella favola scritta da Carmen Martin Gaite cambia completamente l'ambientazione, non c'è il bosco ma Manhattan, per il resto: il lupo è un uomo, un certo Edgar Woolf, la nonna è un ex cantante di musica hall e Cappuccetto Rosso è una bambina lentigginosa che abita a Brooklyn assieme ai suoi genitori. 
Altra differenza che risalta immediatamente agli occhi è la lunghezza dei tre racconti: i fratelli tedeschi elaborarono una favola breve, Charles Perrault scrisse una fiaba brevissima seguendo la tradizione degli antichi favolisti quali Esopo e Fedro, mentre l'autrice spagnola ha scritto un vero e proprio romanzo. 

TRAMA IN BREVE E RELATIVE OSSERVAZIONI 

Scriveva Charles Perrault: (le bimbe) " Han torto di ascoltare persone non fidate, perché c'è sempre il Lupo che se le può mangiare", ma chi è il Lupo del romanzo di Carmen Martin Gaite? E' un pasticciere di nome Edgar Woolf (lupo in lingua inglese), un uomo gentile ed affabile che possiede una pasticceria molto famosa (nella fantasia letteraria) a Manhattan dal nome invitante: "The sweet Woolf" ossia "Il dolce lupo". Ma il signor Woolf è un lupo di nome e di fatto? Lo vediamo dopo. 

Sara (Cappuccetto Rosso) spesso gira (da sola) per le strade di Manhattan, una situazione sicuramente inverosimile, ma ci sta tutta è una favola e Manhattan è il bosco, in questo caso l'analogia è corretta; ci sono molti meno pericoli in un bosco vero che a Manhattan almeno per quanto riguarda i bambini che vagano da soli. 
Ad un certo punto la piccola Sara, incontra una vecchietta, tale Miss Lunatic (notare il nome), chi è la vecchia signora? Una sorta di fata buona ma con l'aspetto di una strega che vive a Manhattan all'interno della Statua della Libertà, conduce una vita da barbona, è vestita con degli abiti laceri e indossa un cappellaccio che le nasconde il volto. 
Miss Lunatic è strana ma non è cattiva anzi è una dispensatrice di soluzioni, una sorta di Diogene in gonnella che indica varie strade da seguire e lascia le persone libere poi di scegliere. 
Ed è esattamente quello che fa quando incontra Sara/Cappuccetto Rosso: le insegna a non temere la Libertà ma soprattutto le fornisce un suggerimento saggio: "devi trovare la strada da sola". 

Sara non va dalla nonnina a portarle una focaccia con un vasetto di burro, ama divagare con la fantasia, creare parole strane, vivere insomma la libertà prima di tutto con la fantasia. 
E' la seconda parte del libro quella più didattica e più appassionante: Sara esce da sola ed incontra in una radura di Central Park Edgar Woolf; Sara si trova davanti alla realtà che nasconde insidie e pericoli mentre il vecchio pasticciere, grazie all'amabile conversazione intrattenuta con Sara, riesce a scoprire i valori della vita e i buoni sentimenti. 

SUL LUPO 

Edgard Woolf è un lupo di (cog)nome ma non di fatto, insomma non ha niente a che fare con il lupo malvagio della favola di Perrault. Il pasticciere gentile non mangia bambini e nonne ma fette di torta di cui è goloso. Sara nel cestino porta infatti una fetta di torta alle fragole che manda letteralmente in estasi il vecchio Edgard che vuole conoscere il segreto della ricetta perché da qualche tempo la torta di fragole che vende nella sua pasticceria non trova un riscontro favorevole da parte dei suoi clienti. 
Ad un certo punto davanti all'innocenza della bambina Woolf si commuove e incomincia a piangere e ripensa a miss Lunatic che, il giorno prima, gli aveva "parlato del potere del meraviglioso". 

Riportiamo  testualmente la frase detta da miss Lunatic a Edgard Woolf, merita di essere letta:

"La gente che ha paura del meraviglioso si trova continuamente in strade senza uscita. Mister Woolf" gli aveva detto. "Nulla potrà scoprire chi pretende di negare l'inesplicabile. La realtà è un pozzo di enigmi. E se non ci crede, lo chieda ai saggi". 

Un bellissimo racconto da leggere con la mente dell'adulto che non deve dimenticare il potere straordinario del meraviglioso.

 "E nel dir così il perfido Lupo si avventò sulla povera Cappuccetto Rosso e se la mangiò" (Perrault)

 

SCHEDA DEL LIBRO

 

  • Titolo: Cappuccetto Rosso a Manhattan
  • Autore: Carmen Martin Gaite
  • Editore: Salani Editore SpA
  • Anno di pubblicazione: 2011
  • Pagine: 154
  • Prezzo di copertina: Euro 13,00

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link