Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 maggio 2014 4 01 /05 /maggio /2014 07:18

Riccardo Chiaberge già curatore dell'inserto domenicale de Il Sole 24 ore, nel 1996 ha scritto questo saggio che affronta un argomento quanto mai attuale: quello della fuga dei cervelli dall'Italia, una fuga che ha visto il nostro paese diventare vittima di un depauperamento culturale e di numerose forze intellettuali, senza precedenti.
È inevitabile che questa fuga sia principalmente legata alla situazione del mondo universitario nei confronti del quale non si è mai attuata una vera e propria riforma, un mondo che è diventato statico al punto che ci sono dei docenti che non fanno ricerca, che non pubblicano e che spesso danno un contributo minimale anche all'attività di insegnamento.
Ci sono numerosi dipartimenti universitari nei quali da decenni non si tengono concorsi e i posti sono occupati da una pletora di amici, parenti, mogli che rappresentano il peggio che possa esistere per quanto riguarda la pratica del nepotismo elevata a sistema.
In una situazione bloccata come l'attuale è una conseguenza prevedibile che i giovani talenti delle più svariate discipline decidano di andare all'estero e spesso questa loro scelta ha delle conseguenze disastrose sul piano scientifico e culturale infatti  ad ogni nuova scoperta segue un brevetto industriale e quindi un costo economico notevolissimo sia che si tratti di un farmaco, di una conquista nel campo tecnologico o delle scienze biomediche e persino delle scienze umanistiche.

Il libro di Chiaberge è un saggio di agile lettura che affronta il problema della fuga dei cervelli dall'Italia, un tema quanto mai attuale che sta rappresentando una vera e propria emergenza in un paese povero di idee e lacerato dalle diatribe di potere che investono anche il campo della cultura, un paese vecchio e di vecchi che non si cura delle nuove generazioni spesso condannate al precariato a vita anche nel campo della ricerca universitaria.
Tale emergenza come ben evidenziato da Chiaberge, non riguarda solo quella del versante occupazionale (i giovani che non riescono ad entrare nell'università) ma è anche una vera e propria emergenza culturale, quando si spendono pochi denari e i mezzi vengono lesinati anche il livello culturale  dell'intera popolazione scende.
C'è stata una stagione durante la quale in numerose facoltà universitarie è avvenuto un fenomeno ancora più deprecabile: sono entrati nelle grazie dei professori solo quelli che erano ideologicamente graditi, una sorta di nepotismo politico che ha bloccato almeno due generazioni di cervelli che avevano due scelte: o andare all'estero o cambiare completamente settore per quanto concerne le loro scelte lavorative.
Sul perchè quanto denunciato da Chiaberge nel 1996 sia ancora presente in tutta la sua drammatica emergenza, si potrebbero scrivere fiumi di parole, sta di fatto che le vere emergenze dell'Italia ancora oggi sono la scuola, la scienza e la cultura:

  • la scuola che per troppo tempo ha visto assumere pletore di insegnanti  senza che vi fosse alcun concorso pubblico, la conseguenza è stato ed è un livello bassissimo dell'attività didattica.
  • la scienza che vede poca ricerca e soprattutto una bassa predisposizione culturale verso l'innovazione a causa anche di numerose lacci e lacciuoli di questioni di carattere etico spesso assurde e fuori dal tempo.
  • la cultura, se in un paese la cultura delle veline, soubrette e amici vari prevale, la cultura è qualche cosa di inutile, di residuale ed un dato risalta su tutti, un dato allarmante e su cui bisognerebbe pensare, i nostri studenti sono rispetto alla media europea, quelli che vanno peggio in matematica, ci sarà una ragione?


Il libro è consigliato non solo per l'argomento affrontato con il rigore che contraddistingue l'attività di saggista di Chiaberge ma anche perchè se non si ha la consapevolezza che tutto deve partire dalla scuola, non ci sarà mai alcun cambiamento in questo "assurdo bel paese" che è diventato un paese per vecchi, quindi senza futuro.

Riccardo Chiaberge, Cervelli d'Italia. Scuola, scienza, cultura: le vere emergenze del paese, Sperling & Kupfer, 1996, p.224

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link