Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
31 agosto 2012 5 31 /08 /agosto /2012 12:07

contatore visite

Ciao lavoratore,

Caro lavoratore senza nome che lavori per 1000 euro al mese, ho sempre pensato che tu sia un eroe, un eroe silenzioso che nonostante tutto contribuisce alla ricchezza di questo paese pur essendo l'ultimo nella scala sociale.

Sei un operaio turnista che ogni giorno fa ricca l'azienda in cui lavori e la nazione in cui abiti, tutti i giorni in silenzio vai avanti, nonostante tutto!
Nonostante i soldi siano sempre di meno e tu che non sei un'economista fai economia , ti dicono che non c'è crisi e devi consumare, nonostante ti dicano che se perdi il posto di lavoro, lo stato del welfare ti proteggerà e ti darà 750 euro netti per 12 mesi.

Nonostante l'ottimismo che ti fa credere quello che non c'è, vai avanti e cerchi di non portare a casa quello che vivi tutti i giorni in fabbrica, nei cantieri, nelle cave, in mezzo alla strada quando ogni sicurezza nel lavoro è ignorata e se tu lo ricordi ti minacciano di licenziarti.

E allora umiliato vai avanti, zitto, tacendo e soffrendo per tua moglie e i tuoi figli, per il mutuo che devi pagare, per le bollette che implacabili arrivano a fine mese, per i costi improvvisi e non preventivati.

Eppure ogni giorno ti dicono che va bene e te lo hanno detto anche i sindacati quando hanno approvato il nuovo contratto che prevede la flessibilità e che può consentire all'azienda di diminuire il tuo stipendio del 20% se c'è crisi, ma si sa saranno in tanti a dire che sono in crisi e tu continuerai a fare le stesse cose per 800 euro al mese.

E si sono anche messi d'accordo che gli eventuali aumenti a scadenza del contratto non dovranno contenere i costi dell'energia, perchè si sa quando vai al lavoro quella benzina non incide sul tuo salario.

Poi un giorno ti hanno detto che la tua azienda chiudeva e ti sei domandato perchè,
non erano in crisi, il fatturato cresceva, gli utili erano alle stelle, ma l'Amministratore aveva deciso che era poco economico produrre in Italia e che era meglio produrre in Messico dove la manodopera costa di meno.

E allora hai incominciato a vedere il mondo crollare adosso, hai visto tua moglie, i tuoi figli, il mutuo della casa, le bollette e ti sei chiesto perchè.

Eppure ti dicono che tutto va bene, che non ti devi preoccupare, che devi essere ottimista e tu ti chiedi perchè.

Decidi allora di salire sopra un tetto per attirare l'attenzione, ma non succede niente, decidi di manifestare, di farti sentire e giù manganellate, colpi al viso che ti vengono inferti non da un pazzo ma da chi deve rispettare degli ordini, il tuo volto è tumefatto, sanguinante ma sei solo un operaio, tu non conti niente, puoi urlare e sbraitare ma non conti niente sei l'utimo della scala sociale.

Lavori con le mani come nostro Signore che era un falegname, ma con le mani ti hanno zittito e umiliato, non dovevi alzare la voce, la fabbrica si farà all'estero, nonostante l'azienda sia stata mantenuta con i soldi pubblici, nonostante abbia preso e poco dato.

Ciao lavoratore, ti aspettano per farti pagare il conto che loro non vogliono pagare ma tu non mollare.


QUANDO MUORE UN OPERAIO poesia di Enrico Cerquiglini

Quando muore un operaio non muore nessuno
apre il telegiornale la strage e la commozione del Presidente del Consiglio.
Quando muore un operaio pochi sempre meno
ricordano che sotto la tuta c'era carne di uomo
carne non pregiata non curata spesso non quotata
Quando muore un operaio meglio cambiare canale
guardare una partita di calcio un thriller americano
almeno lì muoiono dando spettacolo e si vede tutto.
Quando muore un operaio lascia figli che vedranno
sul comodino la foto del padre e madri tre volte
martirizzate e genitori che appassiranno di lavoro.
Quando muore un operaio non c'è lutto nazionale
non c'è politico che non pianga e non mostri indignazione
scatarrando propositi e promettendo resurrezioni.
Quando muore un operaio si assume un altro
al suo posto lieto di avere un lavoro dopo il funerale
e le condoglianze di rito per la morte di un marito
di un figlio di un parente di un padre di un amico.
Quando muore un operaio qualcuno ride felice
tanto a morire sono loro e sono miliardi senza nome
e lavorano e comprano e continuano a non capire
e a morire e a lasciare vedove e posti vaganti

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link