Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 aprile 2014 6 05 /04 /aprile /2014 16:30

contatore gratuito

 

 

NIETZSCHE L'ANTISISTEMATICO CHE  SA SEDURRE LE COSCIENZE 

 

Nietzsche appartiene a quella ristretta schiera di pensatori i quali hanno influenzato e spesso condizionato non solo la filosofia  successiva ma anche le concezioni politiche di intere generazioni; non staremo qui a ricordare come le sue enunciazioni siano state equivocate e manipolate, altri lo hanno fatto in maniera rigorosa e autorevole, giova però ricordare che il pensiero di Nietzsche è quanto di più lontano possa essere concepito rispetto ad un'esposizione sistematica alla tedesca e questa caratteristica ha finito per genererare dei fraintentimenti che non aiutano  certo a fare chiarezza. Nietzsche infatti, a differenza di Hegel e di Kant, non era un filosofo da sistema,  la sua formazione non era filosofica, era un eccellente conoscitore delle lingue classiche, un filologo certosino che presto abbandonò la disciplina per dedicare tutta la sua vita ad esporre le sue teorie spesso espresse in forma aforistica e con un linguaggio criptico che non sempre è di facile interpretazione. 

Esimi studiosi di storia della filosofia hanno spiegato e commentato il pensiero di Nietzsche, non arrivando sempre alle medesime conclusioni, segno evidente che non c'è un accordo totale su quanto il filosofo tedesco espose nei suoi numerosi scritti.
Questa caratteristica del pensiero di Nietzsche ha determinato non solo delle difficoltà interpretative ma anche di accessibiltà  e di comprensione per i lettori, ma è bene sottolineare che proprio questa peculiarità ha da sempre sempre affascinato i lettori che, nelle numerose contraddizioni  della sua filosofia , hanno trovato lo spunto per interrogarsi sulla propria esistenza. Dobbiamo ammettere che sono pochissimi i filosofi che riescono a provocare una forte tensione morale nei lettori  quando ci avvicina ai loro scritti con l'eccezione di Nietzsche uno dei pensatori che piace anche a chi non è avvezzo a frequentare cose filosofiche.

 

L'UNICA STRADA PERCORRIBILE È LA SAGGEZZA CONTEMPLATIVA


Il fulcro del pensiero di Nietzsche è tutto nel conflitto tra uomo e mondo conseguente alla privazione di Dio, se "Dio è morto", tutto è possibile e l'uomo si trova svincolato e liberato da qualsiasi laccio e lacciuolo che ne impedisce la sua realizzazione più autentica che lo porti a superare l'uomo confinato entro gli angusti confini della morale. 
Nietzsche per tutta la vita inseguì il sogno di creare nuove forme di vita ma arrivò alla consapevolezza che il mondo non ha senso e che l'unica strada percorribile per l'uomo è la saggezza contemplativa. 
Il ruolo stesso della scienza è messo in discussione, Nietzsche che fu un mistico antipositivista, assegnava alla scienza un ruolo limitato e comunque a tempo , essa non poteva che alleviare momentaneamente il mondo della rappresentazione che con le sue contraddizioni e i suoi errori inganna l'uomo e ne comprime ogni slancio vitale. 

"Così parlò Zarathustra" è il libro della conoscenza misterica, è il libro più disincantato che è incentrato su due concetti fondamentali: il nichilismo e la volontà d potenza. 
L'eterno ritorno con la sua circolarità incombe in tutte le azioni dell'uomo che però si ritrova liberato da ogni incombenza morale e affermare "Io voglio! Così vorrò ! ", liberandosi dal tempo Nietzsche elabora quella teoria del "Superuomo" che ha un solo obiettivo: creare la sintesi tra vita e conoscenza. 
Cosa significa questo? Significa che nessuna conoscenza è conciliabile con l'impulso vitale presente nella natura umana.

L'INSEGNAMENTO DI ZARATHUSTRA


"Molti muiono troppo tardi, e alcuni troppo presto. Suona ancora strano l'ammonimento: Muori a tempo giusto!  
Muori a tempo giusto: così insegna Zarathustra. 
Certamente chi non vive mai a tempo giusto, come potrebbe morire a tempo giusto? Dovrebbe non essere mai nato! - Questo è il mio consiglio ai superflui" (F. Nietzsche)

 

L'opera di Nietzsche è apprezzabile anche dal punto di vista letterario, lo stile aforisitico e narrativo si distacca dall'astrusità delle elucubrazioni filosofiche dei sistematici e conferisce allo scritto delle punte di lirismo che potremmo definire visionarie. 

ALCUNI AFORISMI PRESENTI IN COSÍ PARLÒ ZARATHUSTRA

  • A credere che il più debole debba servire il più forte, il più debole è persuaso della sua stessa volontà, che vuole essere padrona di un più debole ancora: a questo solo piacere esso non può sottrarsi.
  • La società umana. è un esperimento, così io insegno, -un lungo cercare: esso cerca uno che comandi!- un esperimento fratelli! E non un contratto!
  • I buoni -furono sempre l'inizio della fine.
  • Tutti vogliamo avere subito un buon pranzo. Ma chi vuol mangiare deve mettersi all'opera, anche i re.
  • Ma è meglio essere pazzi di felicità che pazzi d'infelicità, è meglio danzare goffamente che andare zoppi.

 

IMGP6289.JPG

      Album di Caiomario

 

Scritto di proprietà dell'autore, espresso in forma modificata anche altrove.


Protected by Copyscape Online Plagiarism Checker

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Nietzsche Friedrich

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link