Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 giugno 2014 7 01 /06 /giugno /2014 21:16

CRATILO

 

 

 

 

IL PROBLEMA DELLA DATAZIONE DEGLI SCRITTI

È interessante sapere che molti degli scritti dell'antichità che ci sono pervenuti provengono da una tradizione che è a noi pervenuta grazie a quell'attività di trascrizione che dobbiamo all'attività dei monaci in gran parte benedettini, Platone probabilmente non ha mai scritto niente di suo pugno e le famose "Leggi" è verosimile che furono scritte stto dettatura da un suo discepolo in una tavoletta di cera; tuttavia il problema della datazione è solo successivo a quelllo dell'autenticità di uno scritto, per quanto riguarda Platone in particolare la tradizione ci ha consentito di conoscere un'Apologia di Socrate, 34 dialoghi e 13 lettere grazie ad un grammatico di nome Trasillo che ne dispose una prima catalogazione.
Questo ha costituito quel problema platonico che ha appassionato filologi e critici e che è la base per conoscere un testo nell'edizione che noi conosciamo, naturalmente potrebbe apparire supefluo notare che buona parte della storia dell'umanità si trova sotto un cono d'ombra che spesso diventa oscurità totale per quanto riguarda opere, scritti e vite di autori che rimangono in grande parte sul fragile terreno delle supposizioni.
Dobbiamo in gran parte a uno studioso di nome Filodemo una compilazione degli scritti di Platone, Il famoso "Indice dei filosofi accademici" venne scoperto nei papiri di Ercolano, ma anche ad Apuleio che scrisse "Su Platone e la sua dottrina" e a Diogene Laerzio che dedicò un intero libro a Platone.
L'elenco è lungo, notizie su Platone ci sono state fornite anche da Plutarco e da Cicerone  (solo per citare i più noti) ma bisognerà aspettare il periodo rinascimentale per vedere un'opera che può essere considerata fondamentale per conoscere Platone ed è quella in 3 volumi scritta dall'erudito Enrico Stefano, nessuno studio critico può prescindere da questa edizione fondamentale pubblicata nel 1578.
Oltre al problema dell'autenticità degli scritti , c'è anche quello della cronologia, cioè quando datare gli scritti di Platone, sono stati adottati diversi criteri che tengono in conto di questi tre aspetti:

  •  Il confronto tra un'opera ed un altra
  • Lo stile
  • La forma dello scritto


LA POLEMICA CONTRO I SOFISTI

Essendo stata divisa la produzione filosofica di Platone in quattro periodi, il Cratilo fa parte di quel periodo che è stato definito di trapasso  quello caratterizzato dalla. polemica contro i Sofisti.
Platone era critico nei confronti dei Sofisti e aveva negato al loro insegnamento ogni valore educativo e didattico, questa fu l'eredità del suo maestro Socrate che fu vittima dei Sofisti  e che dedicò il suo filosofare ad insegnare i veri fondamenti della vita morale.
Il "Cratilo" può quindi essere accomunato per i temi trattati ad altri tre famosi dialoghi: il "Protagora", il "Gorgia" e l' "Eutidemo".

IL CRATILO, IL DIALOGO CONTRO IL VERBALISMO

Verbalismo nell'accezione platonica non significa prolissità, anche in questo caso come più volte rilevato in altri articoli il linguaggio del senso comune non va di pari passo a quello filosofico.
Platone si pose il problema se il linguaggio fosse in grado di spiegare la natura delle cose e se questo intento sostenuto da Cratilo e dagli altri sofisti rispondesse ai criteri che lui riteneva essere in linea con l'insegnamento socratico.
Il linguaggio per Platone non è frutto  solo di una convenzione ma ha anche una natura riflettente nel senso che in qualche modo riflette il carattere di una cosa, ma non e la cosa, non è l'essenza della cosa stessa.
L'esempio più frequente che viene riportato è quello del termine "mamma" che a parte poche varianti è simile in moltissime lingue rivelando un'universalità non contaminata dalla Babele di nomi in cui si trova immersa la specie umana. Tuttavia se è possibile trovare dei nomi che si avvicinano nelle lettere e nella traslitterazione alle cose, vi sono dei nomi che sono del tutto artificiali come quelli che riguardano i numeri.
Per Platone è quindi da respingere totalmente la tesi di Cratilo che sovrappone alla scienza dei nomi quella delle cose perchè dice Platone:
«I primi uomini che diedero i nomi alle cose dovevano conoscere prima le cose, le cose quindi sono anteriori ai nomi e prima viene la conoscenza delle cose poi quella dei nomi. Il nome è quindi solo un'immagine e per conoscere una cosa dobbiamo andare alla cosa stessa».

La tesi esposta nel Cratilo sta alla base di tutti gli studi di linguistica. Nel Cratilo quindi Platone arriva a fissare tre possibilità per quanto riguarda il linguaggio che così si possono riassumere:

  1. I nomi sono una pura convenzione, sono frutto della pura immaginazione degli uomini, noi per esempio chiamiamo il  cane con il termine "cane" ma gli inglesi usano la parola "dog", sia cane che dog sono dei termini che qualcuno per primo usò e poi dopo questa "prima volta", il  termine fu usato da tutti gli altri, conosciamo il risultato, ma non l'autore.
  2. La tesi di Cratilo e dei sofisti secondo la quale il linguaggio è prodotto dalle cose.
  3.  Il linguaggio è frutto di una convenzione e serve come strumento per avvicinarsi a conoscere le cose ma non a coglierne l'essenza.


LA TESI DI FONDO DEL CRATILO

Queste notazioni sono utili per comprendere la tesi di fondo del Cratilo esposta da Platone: il linguaggio può essere usato per sostenere o una cosa giusta o una cosa vera e di per sè il linguaggio non rivela la verità delle cose, a differenza di quanto sosteneva Cratilo secondo cui il linguaggio coincide con le cose ed è sempre veritiero.
Platone alla fine ridicolizza Cratilo e lo fa attraverso la logica combattendolo con le parole le tesi di tutti i sofisti...chissà cosa avrebbe detto dei nostri politici che del sofismo  (e questa volta nel senso del linguaggio comune) ne sono i più fedeli interpreti.






Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Platone

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link