Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 luglio 2012 6 07 /07 /luglio /2012 17:53

Per Cicerone l'oratore deve avere una solida cultura: e la base essenziale di questa è la filosofia, regina e madre del sapere. 
Cicerone è fermamente convinto che senza l'aiuto della filosofia non si possa formare il vero oratore : 

"sine philosophia non posse effici quem quaerimus eloquentem" (Orator 4,14) 

"senza filosofia non può essere formato quello che chiamiamo oratore" 

Lo studio della filosofia che viene anche definita la "madre di ogni bella parola", per Cicerone, deve essere in funzione della perfetta ed ideale eloquenza. 

Cicerone si dedicò agli studi filosofici nel triennio che va dal 46 al 44 a.C., con la caduta di Pompeo e il conseguente trionfo di Cesare, Cicerone, si era distaccato dalla vita politica, oltre a ciò la morte della figlia Tullia causò in lui un così forte disagio che si rifugiò nel porto confortevole della filosofia che arrivò a definire come "vitae philosophia dux" guida della vita, dunque per Cicerone la filosofia non era solo cultura ed ornamento ma anche azione. 

Il merito di Cicerone fu quello soprattutto di aver reso disponibile ed accessibile il pensiero filosofico greco e grazie ai suoi scritti abbiamo potuto conoscerlo ed apprezzarlo. 

Tra le opere filosofiche di Cicerone sono da menzionare i tre libri del 

DE OFFICIIS 

un'opera interessantissima che in linea generale offre ancora degli spunti validi a distanza di più di duemila anni. 

In questi tre libri "Sui diveri" Cicerone illustra i doveri che l'uomo ha verso se stesso e la società; si espone in particolare la relazione dell'utile con l'onesto e si conclude che è UTILE SOLO CIO' CHE E' ONESTO. 

Per molti quest'opera è considerata come il testamento di Cicerone e il suo influsso è stato tale nei secoli che il pensiero filosofico di Immanuel Kant risentì molto di quest'opera. 

Effettivamente molti degli ammonimenti presenti sembrano essere senza tempo e la loro validità si estende non solo ai singoli individui ma anche a tutti i popoli. 

Cicerone a questo proposito dice: 

"Ergo unum debet esse ominibus propositum, ut eadem sit utilitas uniuscuisque et universorum; quam si ad se quisque rapiet, dissolvetur omnis humana consortio" 

"Dunque uno solo dev'essere il proposito di tutti, che il vantaggio del singolo si identifichi con quello di tutti; se il vantaggio comune uno se lo prende per sè soltanto, allora avverrà la rovina dell'umana società" 


Un pensiero che molti oggi dovrebbero tenere presente: è lecito rafforzarsi ma questo non deve avvenire a danno degli altri, l'uomo è un essere sociale che deve mettere a vantaggio di tutti le proprie doti e anche i suoi beni. 

Tuttavia anche delle ombre sono presenti nell'opera di Cicerone al punto che Carlo Emilio Gadda gli rivolse delle critiche sarcastiche facendo riferimento ad un passo del De officiis in cui Cicerone, partigiano di Pompeo, si scagliò, dopo la morte di Cesare, contro i provvedimenti di giustizia sociale ( le cosiddette leggi agrarie) che avrebbero intaccato i privilegi delle classi possidenti. 

Un'altra accusa che Cicerone rimproverava a Cesare era di aver sospeso i debiti per quanto riguardava gli affitti delle case popolari e Cicerone era proprietario di numerose case popolari da cui riscuoteva notevoli somme che provenivano dagli affitti, in definitiva l'accusa che rivolgeva a Cesare nel De officiis era di aver violato il diritto di proprietà, un diritto che riteneva sacro ed intoccabile. 

Cicerone si riferiva ad un decreto di Cesare del 47 a.C. che sospendeva per un anno il pagamento del canone d'affitto per coloro i quali non superavano i duemila sesterzi all'anno e il ragionamento fatto nel De officiis è ineccepibile, si chiede il perchè costoro debbano alloggiare gratis in una casa altrui, casa che ha comprato, costruito e per la quale ha provveduto alla manutenzione facendo delle spese. 

E' pur vero che gli appunti di Cicerone a Cesare non furono del tutto privi di fondamento, in quanto allora (come oggi), numerosi speculatori e affaristi traevano vantaggio dalla situazione e Cicerone che era fine politico ben aveva capito la situazione che si era venuta a creare. 

Un'opera quindi che non è esente da contraddizioni e che non può essere considerata un modello di coerenza ma che è da ammirare per il suo stile e la passione al punto che possiamo considerarla come il vero e unico testamento di Marco Tullio Cicerone.

De officiis ossia I doveri che l'uomo ha verso se stesso e verso la societàDe-officiis.jpg

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofia

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link