Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
6 ottobre 2012 6 06 /10 /ottobre /2012 04:59

contatore

"Dimmi come parli e ti dirò chi sei" oppure "Dimmi come ti muovi e ti dirò chi sei", questo può essere in sintesi lo spirito di "E tu allora? Il conflitto nella comunicazione quotidiana" scritto da Marina Mizzau. Il pregio del libro sta a nostro parere nell'aver affrontato "temi non nuovi" in modo semplice ma efficace ricorrendo a numerosi esempi tratti dalla vita quotidiana e in genere dal vasto mondo della comunicazione con la quale abbiamo tutti a che fare. 

 Uno dei primi temi affrontati in un qualsiasi corso di "analisi transazionale" parte dalla seguente domanda "Quante sono le persone che si nascondono in una stessa persona?" e soprattutto "quando una persona mi rivolge una domanda, chi ho davanti?" Se nessuna comunicazione è neutra, si arriva alla conclusione che noi stessi non rispondiamo sempre allo stesso modo pur usando le medesime parole. 
Il modo in cui rispondiamo, il tenore e il tipo del nostro comunicare sono quindi sempre in relazione allo stato d'animo che abbiamo in quel preciso momento. 
Può così accadere che una persona risponda in maniera distaccata, oppure che la stessa ci appaia riflessiva e comprensiva, ma quello che è più interessante è sapere che nessuno è in grado di assorbire il colpo di una risposta inattesa. 
Oltre a questi aspetti che vengono esaminati in modo esaustivo nel libro, è interessante conoscere anche le possibili reazioni a uno stimolo e nello stesso tempo quali possono essere gli indicatori che consentono di capire quegli accorgimenti servono per comunicare attraverso il linguaggio del corpo. In molti casi questi accorgimenti sono delle vere e proprie scorciatoie per dissimulare, coprire e nascondere altri comportamenti, ecco allora che entriamo in quell'area nebulosa che riguarda la struttura della personalità e gli stati dell'io. 

I PRIMI CINQUE ANNI DI VITA SEGNANO TUTTA L'ESISTENZA, E' IN QUEL PERIODO CHE SI FORMANO GLI STATI DELL'IO 

Se, ad esempio, osserviamo una persona (ma si potrebbe raggiungere il medesimo risultato osservando se stessi anche se ciò comporta molte difficoltà) si nota che la stessa cambia continuamente comportamento e questo comportamento si modifica con tanta più velocità quanto più cambiano le situazioni. Queste modifiche riguardano l'individuo nella sua totalità che comprendono l'espressione del volto, la gestualità, le parole che adopera, il modo di porsi con il corpo ecc., in parole molto povere ogni persona può passare velocemente attraverso i cosiddetti "tre stati dell'io" che si formano nei primi cinque anni di vita di esistenza e rimangono inalterati per tutto il resto della vita. 
Questi stati dell'io sono attivati e stimolati anche da situazioni esterne che sono in grado di richiamare alla mente fatti avvenuti in passato e che vengono registrati (inconsapevolmente a livello cerebrale). 

Ma esiste un approccio metodologico per dissimulare le conflittualità? La risposta è affermativa ed è possibile attivare questi dispositivi nei più svariati contesti. L'autrice esamina tutta una serie di situazioni in cui questo approccio metodologico viene utilizzato, la riflessione conseguente per il lettore può essere duplice: fermarsi alla pura conoscenza di queste situazioni o acquisirne la piena consapevolezza per prepararsi ad affrontare in modo efficace obiezioni ed imprevisti. Sotto questo profilo la conoscenza può diventare utile per affrontare tutte quelle situazioni conflittuali che si presentano nella vita quotidiana quali, ad esempio, un colloqui di selezione, il rapporto tra colleghi e superiori in ambito lavorativo. 
Ovviamente se si vuole fare fruttare in modo efficace quanto appreso, la sola lettura del libro non è sufficiente, ma può costituire una valida e stimolante base di partenza incominciando, ad esempio, ad imparare quella metodologia alla replica vera e propria che può essere molto utile nella vita di tutti i giorni. 

SCHEDA DEL LIBRO

  • Titolo: E tu allora? Il conflitto nella comunicazione quotidiana 
  • Autore: Marina Mizzau 
  • Editore: Il Mulino 
  • Collana: Intersezioni 
  • Data di Pubblicazione: Ottobre 2002
  • Pagine: 193 
  • ISBN: 8815089543 
  • ISBN-13: 9788815089540 

                                                              E tu allora? Il conflitto nella comunicazione quotidiana

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link