Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
17 aprile 2014 4 17 /04 /aprile /2014 14:51

La metapsichica o parapsicologia è stata oggetto della riflessione di Julius Evola che riconobbe a questa "scienza" il merito di avere allargato il campo della ricerca verso ambiti del tutto sconosciuti per l'uomo, tuttavia in quanto scienza positiva la metapsichica incontra dei limiti precisi a partire dalla percezione dei fenomeni che avvine a livello di subinconscio ossia di una dimensione che costituisce una regressione che dipende in larga misura dalle condizioni del soggetto.

 

 

 

 

 

 

Evola allargò il suo campo di indagine e di riflessione verso la metapsichica ritenuta da alcune correnti di pensiero una scienza sulla quale l'uomo avrebbe dovuto riporre le sue speranze del futuro.

In un articolo pubblicato sul quotidiano "Roma" fece il punto della situazione dando una valutazione spirituale sulla parapsicologia che riteneva una forma di ricerca profana regessiva  basata solo sul subinconscio; l'articolo al di là delle tesi espresse, per altro in larga parte condivisibili circa la cautela da adottare quando si esaminano determinati ambiti, è l'ennesima dimostrazione della sua onnivora curiosità che spaziava nei settori più disparati

 

Ritenendo una simile valutazione eccessiva e superficiale, Evola riconobbe alla metapsichica il merito di avere avviato "una ricerca speciale circa i fenomeni estranormali", inoltre criticò l'atteggiamento liquidatorio assunto dalla scienza ufficiale e rincarò la dose affermando che non ammetterla nell'ambito delle scienze significava non più essere spiriti scettici e critici ma peccare di ignoranza.

 

Se da una parte alla parapsicologia bisognava riconoscere il merito di essere andata oltre le maglie strette del determinismo fisico e sensoriale, dall'altra parte era necessario riconoscere che non era possibile utilizzare il metodo sceintifico per studiare i fenomeni sensoriali. Il materiale che costituisce la metapsichica -osservò Evola- è "un materiale «spurio» e confuso, costituito per così dire, dai «sottoprodotti » di una vera fenomenologia sovranormale", inoltre l'assenza di un'esperienza diretta da parte dei metapsichici,  fa si che le loro affermazioni si muovano nel campo delle ipotesi a cui non corrisponde nessuna conferma univoca.

 

Esistono due grandi ambiti in cui si muove la parapsicologia:

 

  • Il primo ambito è quello cosiddetto ESP ossia la percezione estrasensoriale dove "vi rientrano anche la telepatia, alcune forme di chiaroveggenza e la precongnizione di fatti futuri".
  • Il secondo ambito è quello dei fenomeni parafisici come ad esempio la telechinesi.

 

La metapsichica, conclude Evola nelle brevi considerazioni che lo spazio di un articolo impone, deve essere relativizzata e ricorrere a speigazioni provenienti da dottrine tradizionali significa solo mischiare il sacro con il profano. Interessante è invece, a nostro parere, l'accenno che Evola fa di due ricercatori russi, il Wasuljev e il Tenhaeff i quali hanno ipotizzato che i fenomeni metapsichici sono da ricondurre nell'ambito di « stati filogeneticamente regressivi », ossia in stati della psiche primitiva da inquadrare nel processo di sviluppo della personalità e del pensiero logico.

 

 

  Sui ricercatori che si sono occupati di metapsichica si veda: 

 

link

 


Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Evola Julius

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link