Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 maggio 2014 4 01 /05 /maggio /2014 17:47

Il romanzo Foto di gruppo con una signora è la descrizione di una donna di nome Leni che vive all'interno della società tedesca nel periodo immediatamente precedente al crollo del regime nazista.
È un'ambientazione molto particolare quella che Boll riesce a ritrarre: Leni ha poco più di vent'anni ma è già vedova di guerra, oltre ad avere perso il marito, ha perso in guerra il primo fidanzato, il fratello e per motivi legati alla guerra il padre è in prigione.
Immaginiamo la Germania nel periodo che va dal marzo all'aprile del 1945 e immaginiamo una citta della Germania che è ormai un cumulo di macerie dove i vivi si sforzano di condurre una vita apparentemente normale ma che, invece, nella realtà  sembrano assomigliare a delle copie di uomini immerse in un ambiente surreale e tragico.
Questo è l'ambiente in cui è narrata la storia di Leni che per vivere è costretta ad intrecciare delle corone di fiori destinate alle onoranze funebri.
I suoi compagni di lavoro come lei sono persone che la guerra ha pesantemente coinvolto: Kremp un nazista fanatico, mutilato di guerra,  la Wanft e la Schelf, due operaie di fede nazista anch'esse fanatiche, Ilse Kremer un'operaia comunista che è costretta a tacere per non scoprire le sue posizioni, tre donne che si trovano in attesa che, in un modo o nell'altro, abbia fine la guerra, un vecchio balordo che fa il garzone de laboratorio,   infine Walter Pelzer il proprietario del laboratorio funebre che da opportunista prima era nazista, poi nell'imminenza della sconfitta era diventato comunista avendo visto nel contempo sfumare tutti gli affari e finendo coll'essere costretto a dedicarsi all'unica cosa che non risentiva della crisi: gli addobbi funebri.
Questo è il GRUPPO CON SIGNORA che lavora nel laboratorio, fino a quando non capita un operaio forzato, un prigioniero russo che parla bene il tedesco, la giovane Leni si innamora di lui e la nascita di quest'amore idilliaco avviene per un motivo apparentemente banale: un incidente causato da una tazza di caffè.

È tutta la descrizione della situazione che riesce a catturare l'attenzione del lettore: intanto bisogna pensare che in quel clima di economia di guerra il caffè era merce rara e preziosa, quasi introvabile e quei pochi che possedevano un pò di caffè ,erano costretti a mischiarlo con del surrogato in un rapporto che variava da persona a persona: Boll descrive ad un certo punto la preparazione del caffè da parte di tutti i personaggi del laboratorio e lo fa descrivendo prima di tutto  raccontando che ognuno aveva una miscela che in molti casi era di solo surrogato mentre
la miscela di Leni era 1 a 3, cioè una parte di caffè vero e tre parti di surrogato.
Proprio mentre Leni si appresta ad offrire una tazza di caffè 1 a 3 al giovane russo, il vecchio proprietario si stacca la gamba finta e questo provoca lo spavento di tutti e in particolare di Leni a cui cade per terra la tazza di caffè.
Un episodio bellissimo quello descritto da Boll che riesce a svelare tutta l'umanità della protagonista che, pur in un mondo di rovine e di odio, riesce ad essere generosa e a sfuggire alla spirale che attanagliava tutto e tutti.

È  un romanzo assai piacevole per il lettore che si ritrova pagine brevi, una scrittura che non contiene un periodare eccessivamente lungo e dove abbondano nel contempo i particolari descrittivi più minuziosi, le annotazioni di cose apparentemente insignificanti, la caratterizzazione di personaggi che alla fine è difficile dimenticare.
Un'altra cosa che mi sembra pregevole è il frequente abbandono allo humor, il gusto per le scene comiche che non abbandona mai ( come la descrizione della gamba finta) anche quando si tratta di narrare fatti e personaggi che si trovano in un'ambientazione tragica.
Il contrasto che ne esce fuori è unico, da una parte la satira dissacrante dall'altra parte la descrizione di una realtà fatta di stranezze e capricci,il lettore non potrà che averne giovamento.

Il libro è stato pubblicato nel 1971, l'anno dopo a Heinrich Boll viene assegnato il  premio Nobel per la letteratura.

Un libro consigliatissimo.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link