Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 luglio 2018 3 11 /07 /luglio /2018 04:50
Gaetano Salvemini: l'uomo, il politico, lo storico - Mirko Grasso

IL FEDERALISMO DEL SUD

Si parla molto del federalismo, un termine che può avere molti significati e che è stato invocato soprattutto dalla Lega degli  anni '80 e '90 che ne ha fatto il manifesto ideologico e spesso elettorale anche per le trattative di governo.
Secondo i sostenitori del federalismo lo stato centralista di origine giacobina sacrificherebbe gli interessi (economici) del Nord soprattutto attraverso il sistema di distribuzione delle entrate fiscali e la distribuzione della spesa pubblica.
Se questo che sembra un tema tipico dei profeti del federalismo recente, c'è stata una stagione (importantissima dal punto di vista della storia delle idee e della politica) in cui numerosi meridionalisti sostenevano il federalismo e l'autonomismo tra questi spicca Gaetano Salvemini.
Gaetano Salvemini fu un forte oppositore del centralismo dello stato sabaudo ed è curioso ed interessante che molte delle sue tesi sono state quelle sostenute in tempi recentissimi dalla Lega.
Salvemini senza dubbio era animato da una certa dose di utopia sulle possibilità di attuazione del federalismo e nutriva un eccessivo ottimismo sul grado di maturità delle popolazioni del Sud .

In questo bel libro di Mirko Grasso si ricostruisce la storia personale di Gaetano Salvemini, il suo pensiero, la sua attività di politico spesso polemico e quella di storico attento agli eventi a lui coevi con una particolare attenzione a fatti e circostanze che ne avrebbero influenzato lo svolgimento.
Particolarmente interessante è l'intrecciarsi della storia personale di Salvemini e delle sue proposte politiche come quelle che riguardavano, oltre alla critica dello stato centralista, una possibile alleanza tra i contadini del Sud e gli operai del Nord; altrettanto interessanti sono le posizioni di Salvemini per quel che riguarda il riformismo a cui polemicamente spesso si rivolse, dando origine a una sorta di riformismo dissidente critico che tuttavia non si abbandonò mai a degenerazioni extra-parlamentari.
Al contrario Salvemini fu sempre un intrasingente sostenitore del parlamentarismo quale mezzo per risolvere qualsiasi controversia e per combattere qualsiasi forza antidemocratica.
Altrettanto interessante è la sezione che riguarda il Salvemini storico, per Salvemini la Storia era prima di tutto una scienza che aveva il compito non solo di raccontare le vicende di sovrani, capi di stato, condottieri ma anche e soprattutto di spiegare e comprendere le vicende che avrebbero determinato il loro agire.
La stessa problematica meridionalista affrontata con vigore e vis polemica nasceva da questo modo di concepire la storia che era prima di tutto una concezione che aveva il suo substrato nella sua concezione politica refrattaria ad ogni forma di ideologismo che fosse di sinistra o di destra.
Il suo riformismo era lontano dalle posizioni di un Turati a cui rimproverava di accontentarsi ma era anche refrattario a tutte le forme di clericalismo che oggi verrebbe definito catto-comunismo.
L'approdo a detreminate proposte politiche seppur velato da un certo utopismo era strettamente legato alla sua attività di storico caratterizzata da un'attenta ricognizione delle prove documentali e delle fonti a cui, con certosina attenzione, dava un'importanza fondamentale per poter fare una corretta analisi scientifica  dei fatti storici.
Il libro è interessante anche perché organicamente ricostruisce le tappe più importanti della vita di Salvemini, delle sue amicizie, delle sue conoscenze, dei suoi contatti e delle sue inimicizie politiche culturali.
Salvemini fu regionalista e federalista ma prima di tutto fu un anticipatore dei tempi per quanto riguarda la questione meridionale che ha sempre visto come una "questione nazionale" e pensava che un ruolo fondamentale e politico avesse la scuola, uno strumento forte per educare le giovani generazioni a un senso civico e predisporli ad un'attenta considerazione degli interessi nazionali.
Proprio da questa convinzione, Salvemini riteneva che nessun governo nazionale potesse trascurare il bilancio destinato alla istruzione e alla scuola, una scuola laica che avesse come fine quello di formare le nuove classi dirigenti competenti e pronte ad affrontare le sfide con il futuro.

In questo e in molti altri aspetti sta l'attualità di Salvemini e il libro di Mirko Grasso è l'occasione per conoscere le vicende biografiche, i pensieri, le proposte di un grande intellettuale che fu politico, educatore e storico.
Il libro scritto in occasione del cinquantenario della morte di Salvemini pur rispettando il rigore delle fonti è di agevole lettura e di particolare interesse perché arricchito anche dall'inserimento del discorso di Norberto Bobbio intitolato "Perché Salvemini", oltre ad una serie di testi di intellettuali del calibro di Sergio Bucchi e Ernesto Rossi.
Particolarmente pregevole è l'allegato CD che permette di ascoltare la voce di Salvemini e un suo ricordo di Piero Gobetti.
Ampio è anche il corredo fotografico che permette di arricchire ulteriormente la conoscenza di Gaetano Salvemini.

Mirko Grasso
Gaetano Salvemini: l'uomo, il politico, lo storico
Edizioni Kurumuny
Anno di pubblicazione 2007

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link