Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 luglio 2012 5 20 /07 /luglio /2012 16:03

Gli scrittori inutili

Molti si saranno domandati quali siano i fattori che fanno si che uno scrittore non dico abbia successo, ma sia almeno preso in considerazione da una casa editrice, è una domanda che molti aspiranti scrittori si fanno, spesso tentati dall'intraprendere una strada che sembra non avere una logica, ma sopratutto che vede corsie completamente intasate da presunti e poco probabili scrittori .

I dati sono veramente impressionanti sul numero di quanti titoli ogni hanno vengano "sfornati" dalle varie case editrici, parliamo di centinaia di migliaia e non sempre questi libri hanno i requisiti per potersi definire opere pregevoli, ma questo è un argomento che svilupperò in un'altra opinione.

La realtà è che nessuno può oggi diventare uno scrittore preso in considerazione da una casa editrice se non esiste un supporto promozionale che costruisca il successo e lo preannunci prima che questo sia realmente tale.

Allora la domanda è perchè gli scrittori inutili hanno successo?

Partirò quindi da una mia considerazione per arrivare al punto di vista di Ermanno Cavazzoni che ha una straordinaria capacità, quella di trattare l'argomento con ironia facendosi beffa al limite della derisione ( ma sempre con eleganza e stile) sul mondo che circonda quel nulla letterario di cui vorremo fare a meno, ma che ci assedia in maniera fastidiosa impedendoci di vedere le perle che pur esistono nel panorama editoriale librario.

Il libro si apre con una raccomandazione:

Chi vogliia diventare scrittore inutile, non ha che da esercitarsi. Ed èraccomandato l'esercizio dei vizi che sono sette; occorre insistere in
ciascuno di essi finchè improvvisamente non si apre una nuova visuale
e so resta lì muti, molli e incapaci di tutto.
Ma poichè non è facile diventare anche solo scrittori, ci sono per questo-
scuole (pag. 9)

Già dalle righe iniziali si comprende qual'è lo spirito del libro e in poche parole Cavazzoni ci introduce all'argomento del suo discorrere dove prende il numero sette come emblema per raggiungere questo paradossale risultato, e non a caso sceglie il numero sette proprio per il suo significato simbolico e cabalistico che ricorre in molte combinazioni numeriche tradizionali.

per diventare scrittori inutili bisogna frequentare una scuola dove bisogna raggiungere un risultato fodnamentale che è querllo di perseguire sette vizi, le 
materie insegnate sono sette e i docenti che le insegneranno saranno sette.

Con ironia e arguzia, Cavazzoni osserva che nemmeno se ci si impegna a fondo sarà facile diventare scritori inutili a meno che non si segua alla lettera il manualetto ( è lui stesso a definirlo così).Quali sono questi sette vizi da perseguire?

  • Lussuria
  • Gola
  • Avarizia
  • Accidia
  • Invidia
  • Ira
  • Superbia
  • Lussuria


Sono i sette vizi capitali che come caratterizzano come un abito chi è impregnato del male, così caratterizzano lo scrittore inutile di cui Cavazzoni delinea i possibili tratti e combinazioni nel numero di quaratanove ( numero ottenuto dalla combinazione dei sette vizi con le possibili evenienze).Ed ecco la storia dello scrittore che viveva con una bambola gonfiabile e che si incontrava con altri scrittori che avevano ciascuno di loro una bambola gonfiabile e mettendosi in circolo parlavano tra di loro e alle bambole gonfiabili. ( Non anticipo gli sviluppi perchè toglierei il gusto di leggere il libro, ma questo è uno dei racconti più ricchi di sarcasmo).

Ma il libro, oltre a contenere i ritratti di questi scrittori inutili, è ricco di osservazioni che possono definirsi veri e propri aforismi come questo ad esempio:

Ci sono scrittori schiavi di altri scrittori che vengono asserviti e ridotti alle
funzioni del cane.

Ed è proprio così in tutte le attività umane, ci sono persone che vivono di luce riflessa, veri e propri lacchè di chiunque abbia successo, portaborse dell'immaginario, servi curiali senza alcuna personalità, viscidi con le loro mani che trasudano di inutilità.

E argutamente Cavazzoni osserva:

Il perchè non si sa. C'è chi dice che fa parte dell'apprendistato e che loschiavismo c'è in tutte le parti. (pag. 17)

e poi una bordata alle case editrici:

Presso le case editrici, vengono mantenuti scrittori in disuso, i quali sono
incaricati di leggere i romanzi dattiloscritti che giungono per darne un giu-
dizio. ( pag.20).

Nota finale

E' uno dei libri più divertenti che abbia letto, è un pò datato perchè è stato edito nel 2002, ma è il caso di dire che ha sette anni e non li dimostra ed è sempre attuale anche per coloro i quali si affannano a dare consigli su come si scrive un best seller o fanno delle inutili scuole di scrittura che dovrebbero essere utili a sfornare nuovi Checov o Manzoni ma è anche utile a coloro che della propria inutilità hanno fatto la peggiore mistificazione che vorrebbero spacciare per virtù.

Autore: Ermanno Cavazzoni

Titolo: Gli scrittori inutili

'Editore: Feltrinelli

Collana: I narratori

Pagine 182

Prezzo Euro 15,00

 

 

gli-scrittori-inutili.jpg

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link