Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 febbraio 2012 1 13 /02 /febbraio /2012 17:36

 

L'Europa dei ragionieri non può funzionare, il caso Grecia apre degli interrogativi a cui  la classe politica deve dare risposta, pensando solo ai bilanci e ai mercati si finiscono per  umiliare le persone e si provocano  delle rivolte sociali che rischiano di creare dei mostri.

 

 

Dinanzi a quello che è accaduto ad Atene in piazza Syntagma e a quello che probabilmente accadrà dopo gli scellerati diktat imposti dalla Troika, non si può rimanere indifferenti perché la situazione greca potrebbe essere quella di altri paesi europei, compresa l'Italia che non è "così grande da non poter fallire". Anche gli Stati Uniti non sono falliti nel 1929, ma un'intera generazione di americani visse nell'indigenza e quella crisi venne pagata anche da altri che si ritenevano immuni da qualsiasi contagio.

Il problema della Grecia è il problema di questa Europa dove prima si è fatta la moneta e mai si è pensato ad una sua unità politica e alla conseguente armonizzazione legislativa. La Grecia aveva un pubblico impiego di 750.000 dipendenti supergarantiti e un debito pubblico mostruoso, è vero, i conti sono stati truccati, è stato accertato, ma la Germania brava e virtuosa non può tirare la corda oltre ogni ragionevolezza. Strangolare la crescita, riducendo i salari e favorendo la deflazione finirà per ritorcersi contro i ragionieri di Bruxelles, se uno speculatore incallito come George Soros ha affermato che «la Merkel sta portando l’Europa nella direzione sbagliata», bisogna ripensare all'Europa così come è concepita e come è governata di fatto da una Germania sempre più dipendente dall'export e che sta impostando la vita delle persone secondo criteri ragionieristici che vanno contro lo spirito di quegli europeisti come Adenauer e Spinelli che sognavano un'altra Europa.

Se si voleva combattere la corrutela greca che ha radici lontane e che ha determinato un altissimo costo della vita, bisognava pensarci prima,  Bruxelles lo sapeva che i bilanci erano truccati, perché allora si è arrivati a tanto? Perché le banche francesi e tedesche hanno acquistato titoli che non offrivano nessuna garanzia? Perchè la Germania ha acquistato 25 miliardi di titoli di stato greci spazzatura? Uno dei problemi del bilancio greco è senza dubbio il numero altissimo di dipendenti pubblici assunti (come purtroppo accade anche in Italia) per motivi elettorali e di clientela, ma le misure draconiane volute dall'Europa rischiano solo di fare dei danni irreversibili, licenziare migliaia di persone significa condannarle con certezza alla miseria. L'Europa, questa Europa, piace sempre meno ai cittadini, sottovalutarlo significa creare le premesse per un disastro economico e politico. Chi ha orecchie per intendere, intenda.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link