Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 luglio 2012 2 10 /07 /luglio /2012 17:19

 

I piccoli maestri - Daniele Lucchetti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I-piccoli-maestri-di-Daniele-Lucchetti.jpg

 

 

 

 

Quando nel 1998 uscì "Piccoli maestri", le polemiche si scatenarono, spesso in maniera del tutto ingenerosa nei confronti del regista Daniele Lucchetti che ebbe la malaugurata idea di fare la trasposizione cinematografica del romanzo scritto da Luigi Meneghello
Invece di giudicare il film, si preferì giudicare il contenuto ma il bersaglio non era quello giusto perchè Lucchetti non fece altro che portare in pellicola quello che era un romanzo scritto nel lontano 1963. 

Eppure anche il romanzo ebbe alcune modifiche perchè suscitò in tempi non sospetti numerose critiche dovute soprattutto ad un clima che tendeva a celebrare il mito della Resistenza in maniera del tutto retorica non considerando che la narrativa della Resistenza comprende romanzi spesso di variegata provenienza la cui chiave di lettura è da rintracciarsi anche nei diversi modi in cui venne attuata e vissuta dai protagonisti, questo è molto importante da tenere presente per non cadere in una facile iconografia che non corrisponde alla realtà storica. 

La rappresentazione in chiave antieroica fu sicuramente una novità prima nel panorama letterario e poi anche in quello cinematografico ma non si trattava di una lettura che proveniva dal campo avverso bensì di una rievocazione che utilizzò prima di tutto l'arma dell'ironia per raccontare una vicenda personale di chi visse da partigiano quelle vicende. 

L'8 settembre 1943, quando giunse la notizia dell'armistizio, l'esercito italiano "va a casa", gli ordini furono contradditori, centinaia di migliaia di militari italiani si trovarono improvvisamente sbandati mentre la catena di comando si era rotta a causa delle decisioni molto discutibili che tennero gli alti vertici dello stato maggiore italiano e lo stesso sovrano; in questo clima un gruppo di studenti vicentini decide di non deporre le armi e di salire sul monte Ortigara a fare la "guerra per bande", proprio su quelle che erano le linee della grande guerra, tra ossa di soldati morti e residui bellici arruginiti, incomincia la "guerra civile". 

Proprio su quelle montagne nasce un idea: il giovane Enrico decide di scendere nel paese di Enego e di rapire un medico fascista con l'approvazione e l'ammirazione della cittadinanza; questa impresa è la prima di una lunga serie di operazioni che saranno condotte con l'appoggio della popolazione che non solo riforniva di cibo e vestiario i partigiani ma li nascondeva anche quando avvenivano i rastrellamenti. 
Anch questo fatto ha suscitato delle polemiche perchè si è visto in questo aiuto dato dalla popolazioe ai partigiani, la causa dei rastrellamenti da parte dei militari tedeschi, eppure storicamente fu così, dimenticarlo, significa scrivere un'altra storia! 

Quando la banda si disgrega in tanti "piccoli maestri itineranti" il protagonista del film si sposta a Padova provando un senso di grande disorientamento ma nello stesso tempo progettando il futuro di un'altra Italia e arrivando a fare delle liste di proscrizione per giustiziarne i componenti con l'inchiostro. 

Il film si conclude con l'ingresso in città dei carri armati inglesi. 

La trama del racconto poco dice se non si apprezzano alcuni punti che secondo me meritano una cerata attenzione: 

  • Prima di tutto i racconti della Resistenza erano racconti che già giravano da anni tra coloro che ne erano stati i protagonisit e spess oquesti racconti non avevano nulla di letterario ma spesso erano una narrazione inframmezzata da linguaggi differenti, forme dialettali, episodi contradditori di eroismo e anche di violenza sommaria, ma erano racconti veri che non avevano subito alcuna mediazione letteraria e che consentivano di vedere la Resistenza per quello che realmente fu eppure questo è facilmente rilevabile anche in altri racconti come "Il partigiano Johnny" di Beppe Fenoglio edito da Einaudi fin dal 1968, venti anni prima dell'uscita del film di Lucchetti. 

La non-verità del mito porta a distruggere il mito, ogni mito e non bisogna dimenticare che se è vero che ci fu il sostegno da parte dei contadini delle Alpi e dell'Apennino, ci fu anche quella tradizione contadina che è da sempre sospettosa nei confronti degli estranei, a prescindere dal colore politico; la diffidenza dei contadini nei confronti dei partigiani vi fu come nel caso delle valli valdesi nell'estate del'44, quando le popolazioni locali chiesero addirittura l'intervento dei nazifascisti 

Come spesso accade il romanzo è meglio del film, in questo caso l'errore (se così vogliamo definirlo) nella ricostruzione sta, per esempio nella rappresentazione dei personaggi che appaiono poco partigiani ma molto attori nell'aspetto: non è possibile pensare che delle persone che vivevano in montagna, in condizioni molto precarie, potessero essere perfetti al punto da avere uno sguardo che, sicuramente nella realtà non era quello! E questo lo possiamo constatare nelle numerose fotografie d'epoca in bianco e nero dove erano ripresi i veri partigiani che spesso avevano un abbigliamento precario, sguardi di chi è abituato a vegliare, facce smagrite con la barba spesso lunga e i capelli di chi li lascia incolti! 

E' invece da lodare la scelta del regista per quanto riguarda Stefano Accorsi (nel 1998 ancora poco conosciuto) che ha dimostrato una straordinaria capacità di calarsi nella parte, se possiamo criticare la ricostruzione dell'aspetto dei personaggi, è giusto sottolineare la veridicità del personaggio interpretato da Accorsi, spontaneo e vero e perchè forse gli uomini, quegli uomini non sapevano essere anche idealisti e antieroici con le loro paure e le loro speranze? 

Lo furono come lo furono i loro fratelli che stavano dalla parte sbagliata. 

Il mio giudizio sul film è positivo, peccato che Piccoli Maestri sia stato sottovalutato, non è un capolavoro ma è un buon film.

 


 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Z. Cinema

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link