Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 aprile 2013 1 01 /04 /aprile /2013 04:28

Qualche anno fa ci fu un'interessante proposta editoriale da parte del Centro di diffusione Libraria che aveva messo in commercio dei libri finemente rilegati con impressioni in oro, dei bei libri da esporre che fanno ancora bella mostra di sè nella mia biblioteca, molti titoli di narrativa che in parte ho letto e che in parte ho consultato avendoli letti in altre edizioni.

Tra questi titoli ho scelto un libro che ultimamente ho letto "I racconti di Belkin" di Aleksandr Puskin, scrittore russo vissuto nella prima metà dell'Ottocento e che è ritenuto l'iniziatore della grande narrativa russa.
Avendo letto quasi tutto Cechov, temevo di imbattermi ancora una volta in trame complesse che avrebbero messo a dura prova la mia attenzione e la mia pazienza di lettore, poi mi sono dovuto ricredere perchè Puskin è diretto, immediato e chi legge un suo racconto si trova dentro una storia, nel suo cuore e non può fare a meno di partecipare agli avvenimenti  che il grande scrittore russo sa trasmettere, evitando disgressioni inutili e fuorvianti.

Questa è una capacità che pochi scrittori hanno e se dovessimo fare un paragone con uno scrittore italiano, quello che più si avvicina per immediatezza e facilità nel raccontare è senza dubbio Giovanni Verga, entrambi sono stati dei novellieri perchè hanno privilegiato il racconto breve rispetto alla stesura di testi prolissi dalle trame complesse.

"I racconti di Belkin" sono un capolavoro in cui sono presenti diverse varianti che il genere letterario e in particolare narrativo offre, sono  composti da cinque racconti:"Il colpo di pistola"," La tormenta", "La signorina contadina", "Il fabbricante di bare"," Maestro delle poste"; ogni novella ha una tipologia narrativa differente dove si trova l'intreccio psicologico, l'enigma, la storia d'amore, il grottesco e una sorta di realismo umanitario che per la sua capacità di commuovere il lettore, è un esempio di letteratura universale e senza tempo di straordinario impatto emotivo.

Una delle novelle che più mi è piaciuta è "La tormenta" dove si racconta una storia in cui avviene di tutto: il matrimonio segreto, lo scambio di persona, il riconoscimento  finale, il lieto fine.

NON RIPORTO LA TRAMA ma invito alla lettura del testo condividendo con chi mi legge diversi punti:

-Prima di tutto c'è da dire che ogni opera porta le tracce della corrente culturale da cui proviene e da cui è stata influenzata, Puskin ha la capacità di raccontare la storia di coloro i quali sono senza diritti, gli umili, quelli che sono comparse nella storia e che non diverranno mai protagonisti, se Verga costruì i suoi racconti entro i canoni di quel realismo di provenienza ottocentesca e in particoalre francese, Puskin rientra in quel genere  letterario in cui ben si equilibrano il "tempo della storia" in cui il racconto è incasellato e il "tempo del racconto".
Questa capacità di equilibrare i tempi narrativi fa si che il lettore non si stanchi, le connessioni cronologiche rispettano i tempi logici di causalità.

*SI IMPARANO SEMPRE NUOVE COSE: Leggere un romanzo è sempre l'occasione per imparare nuove cose, nel caso della lettura de "I racconti di Belkin" ho appreso tantissimi termini, per esempio "verste" è un'unità di lunghezza russa usata per misurare la lunghezza ( l'equivalente del miglio), "samovar" è una teiera per conservare a lungo l'acqua del tè sempre bollente ( esisteva molto prima dei termos moderni che oggi utilizziamo!), "ulano" è un cavaliere armato di lancia di origine polacca etc, etc,.......l'elenco sarebbe lunghissimo ma è interessante  vedere come si possa sfruttare l'occasione della lettura per arricchire il proprio linguaggio e per allacciare i contenuti ad alcuni riferimenti al contesto storico in cui sono ambientate le vicende.
Sono numerosi infatti gli indizi sparsi nel testo che favoriscono  la lettura attiva e partecipata e che spinge il lettore a comprendere in quale clima storico sono ambientate le novelle; ad esempio nelle righe iniziali de "La tormenta" Puskin scrive:

"Alla fine del 1811, nell'epoca per noi memorabile..........."

nove parole che rimandano al periodo in cui i russi  opposero una tenace resistenza all'invasione di Napoleone, questo mi ha stimolato a riprendere i libri di storia e a ripercorrere a ritroso quei tragici avvenimenti della campagna di Russia in cui l'armata francese venne decimata prima dalla fame e poi dal freddo....cosi è stato quando ho voluto approfondire la storia degli ussari...l'elenco anche qui è lunghissimo!!




Un bel libro da leggere con lieve attenzione o anche con impegnativo approfondimento...a ognuno la scelta!!!

"Non si poteva dire ch'ella civettasse con lui,ma il poeta, notando il suo contegno, avrebbe detto:

 Se amor non è, che è dunque?............." ( da  "La tormenta")

Puskin? Si e no....è Puskin che cita in italiano Petrarca!!!

Non è straordinario constatare che  uno dei più grandi scrittori russi del 1830 citi  un italiano che molti italiani non conoscono se non di nome?

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link