Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 giugno 2018 5 01 /06 /giugno /2018 05:11
I racconti di mamma Oca - Charles Perrault

Credo che sia capitato a tutti parlando di fare qualche citazione del tipo "come il lupo di Cappuccetto Rosso" oppure "ecco la bella addormentata" o ancora "cerca il principe della bella addormentata" e via seguendo. Molti di noi sono cresciuti con le favole scritte da Charles Perrault, il favolista francese che ha avuto il merito di non fare disperdere dei racconti che sussistevano nella tradizione orale contadina con vari rimaneggiamenti e finali.
Gli studiosi delle tradizioni popolari hanno fatto anche una ricostruzione filologica di quelle favolette e inaspettatamente si è arrivati alla conclusione che sono esistite varie versione della Bella addormentata,  di Cappuccetto Rosso etc.
Per una strana ironia quelle favole della tradizione contadina diventarono ai tempi di Perrault ad uso e consumo della annoiata aristocrazia francese che avendo poco da fare si divertiva ad ascoltare infinite volte le stesse storie. Esistono delle versioni dell'epoca de "I racconti di mamma d'Oca" che sono straordinariamente illustrati in quanto venivano mostrati  ai più piccini durante la lettura.
 Vladimir Propp, il più grande studioso di fiabe e favole, ha scritto numerosissime opere sull'argomento tra cui il libro  Morfologia della fiaba.  Prima di Propp non vi era stata una letteratura scientifica vera e propria sulle favole e sulle fiabe, i suoi studi sono stati quindi fondamentali per comprendere la struttura della fiaba; Propp faceva riferimento alle fiabe russe ma leggendo Perrault si possono per analogia applicare gli stessi criteri interpretativi .

L'AUTORE E IL VOLUME

Tralasciando questi aspetti riservati agli specialisti e rivolgendosi al lettore medio, è bene sottolineare che la lettura de "I racconti di mamma Oca" non necessita di questa preparazione specifica così come non serve fare delle comparazioni tra un racconto ed un altro, è invece interessante vedere la storia di questo volume ora edito da Feltrinelli.
Il titolo originario del volumetto era "Storie e racconti del tempo passato, con la morale - I racconti di mamma Oca", si noti che "I racconti di mamma Oca" era un sottotitolo mentre il titolo lungo era esplicativo e faceva riferimento a storie già esistenti, è lo stesso Perrault a dichiararlo senza alcuna pretesa di volersi attribuire la paternità delle storie raccolte nel volume.

Ecco i titoli dei racconti presenti nel volume pubblicato 1697:

  •  Cappuccetto rosso
  •  Pollicino
  •  La bella addormentata nel bosco
  •  Barbablù
  •  Cenerentola
  •  Il gatto con gli stivali
  •  Le fate
  •  Enrichetto dal ciuffo
  •  La principessa furba
  •  Pelle d'asino
  •  I desideri ridicoli


Ecco invece i titoli pubblicati nell'edizione della Feltrinelli che è una riproposizione di quella pubblicata dalla Hoepli, entrambe sono ancora in commercio:

  •  Cappuccetto Rosso
  •  Le fate
  •  La bella addormentata nel bosco
  •  Il gatto con gli stivali
  •  Cenerentola
  •  Enrichetto dal ciuffo
  •  Pollicino
  •  Pelle d'asino
  •  Barbablù


Rispetto all'edizione originale sono raccolti 9 racconti, ne mancano due: I desideri ridicoli e La principessa furba.
Ad integrazione dei racconti contenuti nel volume consiglio comunque di leggere i due racconti mancanti (sono presenti in Rete),  in particolare il gustosissimo "I desideri ridicoli" che pone il seguente quesito:

"  È  meglio essere brutti e avere il potere o essere persone normali e non soffrire?".

CURIOSITÀ

  •  Carlo Lorenzini (Collodi) scrisse che per la sua fata turchina consultò il racconto di Perrault intitolato "Le fate". Abbiamo  poi una sua versione ispirata alle opere di Perrault intitolata: "I racconti delle fate". Barbablù diventa con Collodi "Barba-blu".
  •  I nomi delle due sorellastre sono  Genoveffa e Anastasia nel racconto di Perrault e nella trasposizione di Disney, in alcune versioni minori diventano Matilde e Carlotta.
  •  Quando si parla di una matrigna si pensa sempre a quella di Cenerentola, perché?
  •  La favola più inquietante di Perrault? Barbablù.
  • Mamma oca oggi ha un diverso significato rispetto a quello usato da Perrault. Oggi vuol dire che una mamma è una chioccia ed anche un'oca.


NdA

Charles Perrault rispetto ad Hans Christian Andersen (Piccola fiammiferaia, Brutto Anatroccolo, La Sirenetta etc. etc)  manca sicuramente di originalità, ma ha il merito di aver raccolto una serie di racconti che sarebbero andati dispersi e che costituiscono un patrimonio che da generazioni i bambini sanno apprezzare...e anche gli adulti.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link