Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
5 gennaio 2012 4 05 /01 /gennaio /2012 05:59

 

La crisi che sta attanagliando tutto il mondo occidentale (la specifica è d'obbligo in quanto nei paesi del cosiddetto "Terzo mondo" la crisi è endemica) sta letteralmente gettando nel panico anche coloro i quali sono ipertutelati. Verrebbe da dire che questa crisi non è la prima come non è la prima volta che i cittadini se la prendano con lo Stato. Affermare che l'insofferenza nei confronti dello Stato è un fenomeno nuovo significa non conoscere la storia, tutti i fenomeni di ribellione e le rivoluzioni sono stati scatenati da crisi economiche. La pericolosità di tale fenomeno è solo però per chi ha qualcosa da perdere, mentre a chi ha già perso tutto, l'unica cosa che rimane è la disperazione e la rabbia. 

In Italia  per un lungo periodo di tempo si sono aperte nuove possibilità soprattutto nel lavoro non solo dipendente ma anche autonomo. Il proliferare, soprattutto negli anni Settanta, di piccole imprese nasceva dalla voglia di mettersi in proprio e di "diventare ricchi", molti piccoli imprenditori ce l'hanno fatta e le loro imprese si sono affermate nel mercato internazionale diventando delle aziende di grandi dimensioni, altre, invece, sono rimaste piccole e lo stesso imprenditore che le conduce continua a fare una vita  non molto differente di quella dei suoi dipendenti.

Viene ripetuto da più parti che ilmondo delle piccole e medie imprese costituisce l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano, ma paradossalmente tutte le forze politiche che si sono succedute negli ultimi vent'anni, hanno depresso quella che dovrebbe essere considerata una risorsa essenziale che produce ricchezza. 

Purtroppo oggi molte piccole imprese sono messe in ginocchio da una pubblica amministrazione che tutto fagocita e che per prima non rispetta le leggi, basti pensare ai ritardi nei pagamenti che in Calabria superano di gran lunga i 900 giorni.

Tuttavia non possiamo essere d'accordo con chi sostiene che i controlli nelle aziende sarebbero vessatori, al contrario se gli ispettori del lavoro controllassero i luoghi di lavoro non solo ci sarebbe meno evasione contributiva e meno lavoro nero, ma sarebbero premiati quegli imprenditori onesti che rispettano le regole. La pubblica amministrazione è fatta da persone e spesso nelle piccole province dove tutti si conoscono i controlli non vengono effettuati perché ognuno ha il suo tornaconto. 

Le imprese creano occupazione e reddito e devono essere tutelate, ma la vera tutela sta nel rispetto delle regole, il caso di Equitalia è esemplare: molte imprese sono letteralmente strangolate da metodi di riscossione discutibili e da sanzioni che rasentano l'usura, ma la colpa non è di Equitalia, bensì è del legislatore  che ha concepito quelle regole (Tremonti è stato l'architetto di questa impalcatura mostruosa), Equitalia non fa altro che applicare la legge.

Colpire gli evasori è una priorità ed è anche un'ovvietà  ribadirlo, ma servono strumenti agili che permettano allo Stato di continuare a riscuotere i tributi, se infatti le azioni coattive dello Stato diventano inutili perchè il credito diventa inesigibile il risultato può essere disastroso. Vi sono una miriade di piccoli artigiani che evadono sistematicamente il fisco e non subiscono controlli perché gli importi evasi sono "apparentemente" modesti, ma non emettere solo tre fatture al giorno da 30 euro significa evadere 90 euro in una sola giornata. La cifra diventa mostruosa quando questo "piccolo importo" viene moltiplicato per un numero consistente di contribuenti "infedeli", è qui che si annida l'evasione più insidiosa e pericolosa perchè viene sottovalutata in quanto ritenuta non meritevole di attenzione.

Questo è il motivo per cui è prioritario il controllo del territorio così come avviene in Germania o negli Stati Uniti, il recente blitz degli ispettori del fisco a Cortina (31.12.2011 per chi legge) ha dimostrato nei fatti che gli evasori esistono, nonostante molti "soliti noti" abbiano parlato a torto di "Stato di polizia", ma il legittimo bisogno di controllo da parte dello Stato non c'entra niente con la possibilità di fare impresa. Così come non esiste l'imprenditore antropologicamente evasore esistono imprenditori che fanno di tutto per non pagare le tasse, poi (è una realtà molto diffusa) ci sono molti dipendenti che non è vero che non evadono. La piaga del secondo lavoro esiste tra molte categorie che non rientrano tra i sospettati. Forse sarebbe bene che lo Stato ribaltasse l'ordine delle cose da fare e dedicasse del tempo anche a queste categorie che apparentemente evadono poco, quando però il poco è perseguito da tanti finisce coll'assumere proporzioni gigantesche.


 

Condividi post

Repost0
Published by Passieno - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link