Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 agosto 2012 3 01 /08 /agosto /2012 11:00

Diamanti

La prima definizione che  ci viene in mente quando si parla de "Il Borghese" è quella di giornale storico e storico lo è perchè da quando venne pubblicato il primo numero,  il 15 marzo 1950, sono passati  oltre sessanta anni. 

Ripercorrere la storia del periodico significa ripercorrere un pezzo della storia italiana attraverso il punto di vista di firme molto prestigiose: già nel primo numero gli articoli pubblicati vedevano le firme di Indro Monatanelli, Giuseppe Prezzolini e Giovanni Ansaldo. 

Oggi molto è cambiato nella società italiana da quando il periodico  venne fondato da Leo Longanesi, all'epoca il periodico aveva un taglio che si poneva, almeno inizialmente, su una linea politica vicina a quella dell'uomo qualunque di Guglielmo Giannini; ma subito dopo Il Borghese si caratterizzò per colllocazione ideologica ben precisa  nella variegata galassia della destra, una destra che non sempre era in continuità ideale con le istanze del fascismo che solo dieci anni prima era ancora al potere. 

La svolta editoriale arrivò con Mario Tedeschi che divenne poi deputato del Movimento Sociale Italiano, fu proprio Tedeschi che rivitalizzò il giornale fino a farlo diventare il punto di riferimento per tutte le campagne e le inchieste sulla corruzione che già allora dilagava in Italia. 
Paradossalmente, secondo quanto da più parti rilevato, la straordinaria capacità organizzativa e il fiuto giornalistico di Mario Tedeschi non riuscirono  però a salvare dal declino il giornale che incominciò a perdere lettori nel momento in cui proprio Tedeschi decise di dedicarsi all'attività politica. 
Eppure quella di Tedeschi fu la migliore direzione del giornale che in quel periodo vide anche la collaborazione di Gianna Preda, autentica giornalista di razza, che ebbe il merito di condurre delle importanti campagne giornalistiche di denuncia del malcostume dilagante nell'Italia della ricostruzione (ieri come oggi). 
Bisogna riconoscere onestamente che la fortuna editoriale del periodico, diventato settimanale, lo si deve a Mario Tedeschi ma anche a Gianna Preda che tenne una seguitissima rubrica di posta per circa venti anni. 

Dopo un lungo periodo di oblio , Il Borghese riprese le pubblicazioni a partire dal 1995 prima con Daniele Vimercati e poi con Vittorio Feltri, grazie a Feltri conobbe una terza stagione editoriale che incontrò i favori non solo dei vecchi lettori ma anche di quelli delle nuove generazioni; un successo spiegabile grazie anche alle numerose iniziative editoriali come la diffusione di videocassette e di libri riconducibili alla cultura di destra.

Attualmente "Il Borghese" esce mensilemnte ed è pubblicato per le edizioni "Nuove Idee".

 

Oggi nel panorama editoriale manca un giornale non asservito a logiche padronali, molti tentativi di occupare quello spazio che occupava Il Borghese di  MarioTedeschi e di Gianna Preda sono  miseramente falliti forse perché manca, rispetto ad allora,  un pubblico autenticamente di destra; il centro-destra è un'altra cosa e molto avrebbe avuto da dire  il Tedeschi di quegli anni formidabili su una parte politica che è diventata  ormai un coacervo di esperienze politiche che vede ex missini militare con ex socialisti,  democristiani e nominati.

 

Per maggiori informazioni si consiglia di visitare il sito:

 

www.il-borghese.it/

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link