Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 marzo 2014 7 09 /03 /marzo /2014 13:05

L'IMPORTANZA DELLE PAROLE, L'INUTILITA' DELLE PAROLE.......

Nelle mie scorribande presso gli spazi riservati ai libri, oggi mi sono dedicato alla più bella attività che un appassionato di libri possa svolgere, prendere un libro e sfogliarlo, sono stato attirato da un piccolo libro (nel senso di sottile) di Italo Calvino intitolato "Il castello dei destini incrociati" , dopo qualche ora avevo letto le 112 pagine del racconto, ho quasi divorato ogni pagina avendo una sensazione di soddisfazione per il fatto che non devo rendere il libro in bibilioteca ma lo posso riporre nella mia amata libreria, la prima fase è stata la lettura, la seconda che seguirà sarà quella della catalogazione delle frasi più importanti, metodo che uso per non dimenticare il contenuto di un libro.

================================================= ==
Prima di procedere con la recensione, anticipo il giudizio che solitamente si mette alla fine: un bellissimo racconto, una favola per adulti affascinante e altamente didattica, un'esperienza che arricchisce il lettore e lo porta su di un terreno inesplorato e ricco di implicazioni.
================================================= ==

Il racconto breve non inizia con il classico "c'era una volta.." ma l'incipit descrittivo è quello della migliore tradizione narrativa dei favolisiti.. "In mezzo" - scrive Calvino- "a un fitto bosco, un castello dava rifugio a quanti la notte aveva sorpreso in viaggio. cavalieri e dame, cortei reali e semplici viandanti".
Lo scenario è quello classico da bella addormentata nel bosco, un castello in mezzo al bosco che si apre in mezzo ad una radura, la voce narrante che racconta di questo castello e di quello che trova dentro, una moltitudine di persone che sembrano fare parte di una ricca corte, un tavolo imbandito e illuminato con dei ricchi candelieri.
Tutti i commensali appaiono ben vestiti e sono soprattutto belli, eppure la sensazione non è tra le migliori perchè quelò castello che in un primo momento appare come una corte, è in realtà una taverna come quella- dice Calvino che si vede presso i castelli "per dare da bere a soldati e cavalcanti".
Eppure quando tutti incominciano a mangiare la voce narrante rimane sorpreso da un fatto che lo colpisce particolarmente. nessuno dei commensali parla, si intendono con dei gesti, così per chiedere di passare il sale, ad esempio, un commensale si rivolge al vicino semplicmente facendo un cenno e cosa più incredibile neppure la voce narrante riesce a proferire parola, come in un incantesimo tutti coloro che hanno attraversato il bosco e sono arrivati nel castello, hanno perso l'uso della parola, sono diventati muti.

SE NON SI PARLA, COSA SI FA DOPO CENA?

La domanda può suonare equivoca come la risposta scontata ma la domanda può essere posta anche in questi termini: se manca l'uso della parola, la conversazione e la comunicazione diventano impossibili?
Ed effettivamente lo scenario che vien a crearsi è surreale, il mutismo amplifica i rumori come la masticazione e "gli schiocchi nel sorbire il vino", i commensali restano muti e si guardano nel viso a questo punto....

ESCONO I TAROCCHI.

Questo è il punto più interessante del libro perchè oltre alla parte scritta è presente a margine del libro una raffigurazione delle varie figure presenti nelle carte che aiutano il lettore guidandolo nel significato di ogni carta e incomincia così la STORIA DELL'INGANNO TRADITO con la figura del cavaliere misterioso che ha un incontro d'amore con una giovinetta nel bosco, la giovinetta è la dea Cibele che viene subito dopo abbandoanta dal giovane cavaliere.

Il racconto è avvincente perchè ogni volta che viene scoperta una carta inizia un nuovo episodio, una nuova storia come quella, per esempio, intitolata "La storia d'un ladro di sepolcri", storia che viene evocata dal quadrato di carte: Morte, Papa,Otto di denari, Due di Bastoni.

CALVINO ED ARIOSTO, IL MODERNO CHE INCONTRA L'ANTICO

E' questo il racconto più semiologico di Calvino, quello in cui la storia fantastica è ricca di segni e significati, la scrittura di Calvino come quella di Ariosto non è mai sprofondata nella realtà, i riferimenti diventano ramificati, complicati, le parole sono il mezzo per spingere lo sguardo oltre la prospettiva della parola scritta, del resto questa è una costante che troviamo in molti dei racconti di Calvino come ne "Le città invisibili" dove gli elementi naturali sono solo ciò che sono e la città stessa viene presentata come un luogo non affolllato di cose ma di segni.
Come la città, il gioco dei tarocchi tra commensali muti è un solo grande segno a cui sono legate delle sottosezioni semiologiche, ogni segno ha quindi una valenza simbolica che invita il lettore a capire e a comprendere per evitare quel conflitto dei interpretazioni di cui lo stesso Calvino non fu mai completamente indenne.


***I capitoli intitolati "Storia dell'Orlando pazzo per amore" e "Storia di Astolfo sulla luna" sono scritti ispirandosi a quell'altro grande semiologo ante litteram che fu Ludovio Ariosto che è stato il maestro dell'arte poetica in chiave combinatoria e giocosa.
L'Astolfo di Calvino va sulla luna ma è definito il "Cavaliere del Gratuito" perchè decide di andare sulla luna per cercare le ragioni del mondo gratuito e sulla luna chi incontra il poeta ( Ariosto? ) "intento ad interpolare nel suo ordito le rime delle ottave, le fila degli intrecci, le ragioni e le sragioni".

L'ars combinatoria delle parole crea storie ed è possibile quindi giocare con le parole facendo nascere un universo linguistico che non ha più contatto con la realtà, questo meccanismo presente in molti romanzi finisce col soppiantare la realtà mistificando persino i sentimenti.
Una posizione quella di Calvino che pur essendo vicino ai movimenti neoavangardistici, ci fa comprendere come il romanzo sia un prodotto artificiale che nasce in laboratorio e parla di questo non condannando questa scelta ma sposandola e invitando il lettore a "seguire solo il procedimento della scrittura, il testo nell'atto dello scriversi", il testo diventa metanarrativa, il lettore un interprete attivo pronto a cogliere le strutture del linguaggio per carpirne segni e significati.

Segnalo inoltre:

**** I. Calvino, Il romanzo come spettacolo, in Saggi 1945-1985, a cura di M. Barenghi, Mondadori, Milano, 1995

**** M.E. Cariani, La lettura di Ariosto e di Calvino: un 'esperienza didattica, "la ricerca" 15 dicembre 1984

I. Calvino, Il castello dei destini incrociati, Mondadori, Cles, 2010

ISBN 978-88-04-39027-05

Prezzo di copertina Euro 8,50

******Oggi letto, assimilato e recensito by caiomario

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link