Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
1 gennaio 2014 3 01 /01 /gennaio /2014 06:08

siti di article marketing 

Il Corvo e la Volpe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ritratto-di-Jean-de-La-Fontaine--dipinto-di-Nicolas-de-Larg.jpg

 

 

 

 

Ritratto di Jean de la Fontaine - Particolare del dipinto di Nicolas de Largilliere - Museo di Versailles (album di Caiomario)

LETTERATURA PER INFANZIA O PER ADULTI?

Abbiamo avuto occasione più volte di commentare recensioni su libri per l'infanzia, recensioni non facili come non è facile scrivere libri per bambini, per quanto riguarda la letteratura per bambini c'è da dire che questo genere è abbastanza recente in quanto almeno fino alla prima metà del Novecento questo genere letterario era del tutto assente nella narrativa, esisteva una letteratura per ragazzi di cui Salgàri è stato uno dei maggiori esponenti eppure anche Emilio Salgàri o Jules Verne non scrivevano per i ragazzi, si è voluto aritficiosamente collocare in un ambito "minore" un genere d'avventura che inizialmente era destinato ad un pubblico adulto. 
Questo discorso vale anche per il genere favolistico, diversi libri, che nella rilegatura e nella copertina sembrano essere libri per l'infanzia, vengono destinati ai bambini, si tratta di un errore che denota non solo scarsa conoscenza del genere ma anche pochissima attenzione dal punto di vista pedagogico. 

 
Un bambino che rientra nella fascia d'età della prima infanzia non può comprendere Esopo, Fedro o Jean de La Fontaine in quanto non ha ancora sviluppato quegli strumenti critici che solo lo studio, l'educazione e la predisposizione personale sono in grado di fare crescere giorno dopo giorno. 

Se La Fontaine fosse stato un autore per ragazzi, sarebbe stato al pari di Calvino che scriveva libri per bambini, un autore chiaro che destinava i suoi racconti alla crescita dei bambini, ma queste non erano le intenzioni di La Fontaine e il suo intento era forse pedagogico ma era prima di tutto politico. 
Se ci fermassimo solo ad affrontare le opere di La Fontaine dal punto di vista epistemologico e dal punto di vista delle istanze educative, noteremo che dietro l'apparente semplice linguaggio, il Nostro voleva dire altro e lo diceva nel modo che gli era più congeniale, avendo creato una sorta di linguaggio e un genere che era l'unico che poteva utilizzare in un sistema, quello assolutista francese che non ammetteva alcuna fomra di dissenso o di critica. 
Per uno abituato a vivere nella Corte di Francia e che doveva il suo sostentamento economico alle grazie di questo o quel nobile, la critica era una sorta di suicidio non solo finanziariamente ma anche dal punto di vista letterario. 
All'epoca in cui visse La Fontaine, scrivere un'opera significava dipendere da un mecenate che doveva essere solo compiaciuto, senza un protettore politico era impossibile scrivere, ma La Fontaine era un illuminista ante litteram che aveva assorbito le idee filosofiche che giravano per l'Europa e che mettevano in discussione l'autorità di Aristotele. 
Oltre a questo atteggiamento scettico, è presente in La Fontaine un moralismo che ha le sue radici nel pensiero di Montaigne e di Pierre Charron, un personaggio, quindi decisamente complesso e di grande spessore culturale. 

IL CORVO E LA VOLPE 

Pubblicare un libretto di soli 16 pagine per una sola favola la riteniamo un'operazione editoriale del tutto inutile anche perchè sono in commercio libri che contengono tutte le favole di La Fontaine ma questo è dovuto essenzialmente al fatto che si è pensato (male) di scrivere un libricino per bambini proprio per le ragioni esposte nelle righe precedenti. 

La favola è troppo nota per riportarne il contenuto, l'unica motazione che ci sentiamo di ricordare che questa è la miglior favola per chi si voglia guardare dalle troppe lodi e dall'adulazione della quale c'è sempre da vergonarsi quando sono eccessive e fuori luogo. 
Gli adulatori, si sa, non mancano mai in ogni ambito della vita, qualche volta ci fanno perdere quello che abbiamo...come la volpe ha fatto con il corvo......... 

Favola adatta dai 14 anni in su........... 

Per chi volesse leggere le favole di La Fontaine, suggeriamo un edizione integrale contenente tutte le favole. 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link