Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 gennaio 2013 3 30 /01 /gennaio /2013 06:16

4428712962_0d0387aa36.jpg

Fonte immagine:http://www.flickr.com/photos/30453880@N04/4428712962 (album di cdrummbks)

 

 

QUELLA NOSTALGIA PER IL RIBELLISMO FASCISTA 

Quando il fascismo diventò regime abbandonò quella natura ribelle che aveva attratto tanti giovani sin dal suo sorgere, il fascismo delle origini non solo non era moralista ma l'inclinazione fuurista per lo schiaffo ed il pugno mal si armonizzava con le spinte moraliste cattoliche che provenivano da larghi settori della società civile, oggi si parla di cattocomunismo allora esisteva il cattofascismo, molti esponenti di questo cattofascismo che predicavano la morale e andavano poi nei bordelli diventarono, nell'Italia repubblicana, democristiani, molti di quei giovani che appartenevano al fascismo di sinistra o morirono a Salò o diventarono comunisti, poi anche il comunismo venne risucchiato dalla acque paludose di quel moralismo che sembra da permeare da sempre l'Italia da quando non esiste più lo Stato Pontificio. 


Elio Vittorini era un fascista di sinistra convinto e quando scrisse"Il garofano rosso", incominciava a mostrare insofferenza verso quell'Italia dove la censura metteva il naso ovunque e che stava bruciando i suoi figli migliori, li bruciò allontanandoli dallo spirito originario del fascismo, li bruciò poi in una guerra nei confronti della quale gli italiani non erano preparati nè per i mezzi nè per la mentalità. 

 

 

 



E' noto che "Il garofano rosso" subì delle forti tagli rispetto alla stesura originaria e non per ragioni politiche ma di morale, di pubblica morale, eppure non c'era niente di triviale e di offensivo nel linguaggio usato da Vittorini, bensì alcuni temi trattati dovevano essere ammorbiditi primo fa tutti quello del'amore del protagonista, Alessio, con una procace e attraente prostituta dal nome quasi felliniano Zobeida, una Gradisca letteraria che pur non avendo le fattezze della nave scuola su cui fare esperienza non poteva che attrarre le voglie adolescenziali di quei ragazzi passionali come i giovani di tutte le generazioni. 
È probabile che molte delle vicende narrate nel libro ripercorrano sul piano letterario alcuni momenti di Vittorini primo fra tutti l'ammirazione di Alessio/Elio per Rosa Luxemburg, un'ammirazione questa condivisa da molti giovani soprattutto per un sentimento antiborghese che da sempre era presente in una parte del fascismo. 
Quando il fascismo decise di schierarsi con Franco, per molti giovani questa fu una posizione incomprensibile e l'avere gettato nelle mani sovietiche la Spagna repubblicana portò molti giovani ad essere critici nei confronti del regime esattamente come Alessio il protagonista de Il garofano rosso. 

L'aspetto politico comunque in questo romanzo è forse secondario mentre l'aspetto letterario più interessante è quello che riguarda questa sorta di passaggio di iniziazione che viene descritto da Vittorini dal punto di vista dei giovani che vivono separati la loro realtà rispetto ad un mondo degli adulti con il quale non si aveva alcuna comunicazione (ma è ancora così!). 
Ecco questo è l'aspetto narrativo più interessante, parlare del periodo dell'adolescenza dal punto di vista di chi l'ha vissuta e usa il suo linguaggio, certo che se una considerazione immediatamente diventa inevitabile è quella che riguarda la comparazione del mondo di quell'adolescenza con il mondo dell'adolescenza del terzo millennio, eventuali considerazioni ulteriori rischiano di diventare banali ma il ripiegamento che i giovani hanno oggi, li ha privati della cosa più bella che quell'età dovrebbe avere, la capacità di sognare. 

C'è una vittoria del tempo storico che inevitabilmente porta a superare le varie fasi dell'età ma il bisogno rimane il medesimo anche quando passano le generazioni, Vittorini ci da uno spaccato di quell'Italia così lontana attraverso l'esperienza di apprendistato che un giovane Alessio compie per rendersi definitivamente emancipato dal padre..cambiano i tempi ma il bisogno rimane lo stesso... 

Temiamo che questo percorso si sia fermato da tempo, i giovani oggi non hanno speranza e non riescono più a staccarsi dal cordone ombelicale che li lega alla loro famiglia di provenienza, questo per ragioni economiche prima di tutto ma anche per assenza di spinte vitalistiche ormai compresse da un mammismo dilagante e pericoloso .....meglio Alessio che sognava Zobeide.......

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link