Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 luglio 2012 6 07 /07 /luglio /2012 17:33

 

Il-giovane-Holden---Jerome-D.-Salinger.jpg

 

 

 

Il giovane Holden venne pubblicato a New York nel 1951 con il titolo originale "The catcher in the rye" che letteralmente significa "l'afferratore nella" segale", un'espressione che proviene dalla deformazione di un verso di una canzone di genere popolare, tradotto letteralmente in italiano non significa niente ma bisogna ricordare in italiano il verso sbagliatoche ricorda il protagonista: 

"Se scendi tra i campi di segale e ti prende al volo qualcuno

Si trattta di una scelta deliberata di Salinger che ha voluto incentrare il significato del romanzo tutto sul desiderio di fiducua e di ricevimento nel senso di accolgienza, quindi il catcher è colui che afferra ma anche che abbraccia ma nello stesso tempo rye non solo significa segale in inglese ma anche whisky di segale (rye whisky). 

Potrebbe essere una storia adolescenziale ma è in realtà la storia di un adolescente di sedici anni Holden Caulfield che è stato espulso ripetutamente da varie scuole e prima che gli venga comminata l'ultima punizione, decide di passare per New York, prima di fare rientro a casa. 

La storia di Holden è esattamente quella di un adolescente di oggi che pensa che la vita reale gli possa dare quello che lui ritiene che la scuola gli tolga: Holden si trova immerso in un mondo ostile dove non c'è comunicabilità, il suo scontro con la società è totale...ogni personaggio che incontra diventa un nuovo avversario: un addetto all'ascensore, una prostituta e delle persone che ha conosciuto più grandi di lui. 

Cerca una possibilità di comunicare nel mondo dell'infanzia con la sorellina Phoebe con la quale si confida segretamente durante una conversazione notturna, durante la quale progetta una nuova fuga. 
Purtroppo anche questo proposito decade e Holden cade in preda ad una crisi depressiva ed è in attesa di tornare a scuola. 

La storia è la prima di tutto una storia che riguarda tutti: Holden non riesce a comunicare nè con gli adulti nè con i bambini, l'unica possibilità che ha (come tutti) è di conformarsi alle regole di una società viziata dalla corruzione e nevrotica. 
E' proprio il mondo esterno che appare infetto e travolgente, è un mondo che impone ritmi e regole dove ogni speranza viene fagocitata, certamente il linguaggio che troviamo nel libro è quello gergale dell'America degli anni cinquanta che ben è stata rappresentata anche in tante celebri pellicole ( da "Il selvaggio" a "Il gigante") ma si ritrova il conformismo di maniera di una società (che potrebbe essere quella di ogni epoca) che viene definita come "tirannia degli adulti". 

I disastri, gli errori di Holden sono i disastri dei nostri ragazzi che probabilmente sono peggio dal punto di vista comportamentale di quello che era Holden e se dovessimo proiettare Holden al 2010, oggi sarebbe un anziano signore di 75 anni con dei nipoti a cui, probabilmente rimprovererebbe quello che lui stesso ha fatto, ma spesso sono le vecchie generazioni quelle che hanno preparato il terreno. 
Leggere oggi Il giovane Holden è commovente soprattutto perchè quello che era trasgressivo per un sedicenne del'America degli anni cinquanta appare ingenuo per un giovane cresciuto a videogame e tronisti. 


Holden è stato il mito di una generazione che nel ribellismo trovò una ragione per veicolare la propria ipersensibilità e acutezza, oggi non lo potrebbe più essere, i guai di Holden non appartengono ai sedicenni di oggi. 

Holden combina guai ma ha la speranza, sa sognare, vuole trovare una strada, non si fa del male, per lui c'è una possibilità...quella che non esiste per un sedicenne di oggi, spesso ripiegato in se stesso alla ricerca dello sballo. 

Un libro consigliato per chi predica la prudenza e si è dimenticato la spregiudicatezza.

A sedici anni si deve essere idealisti

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link