Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
11 marzo 2014 2 11 /03 /marzo /2014 12:18

 

 

 

 

 

 

 

7270024378_65f625a525.jpg"Si legge nelle antiche storie che in una città chiamata Fiorenza, e che già fu grande, maestra agli uomini di sapienza e di poesia, visse un tempo un mercante chiamato Lorenzo. I suoi avi erano discesi dal Mugello. La leggenda narra che essi erano venditori di farmachi e che dalle pillole, simbolo del loro mestiere, e dell'abilità con cui più tardi fecero inghiottire ai loro concittadini certe misure, fossero chiamati i medici.

Adottarono le pillole come insegna del loro casato, ma i Fiorentini, fieri e arguti, le chiamarono palle.

Lorenzo nacque da Piero, il Gottoso, che ebbe breve vita e minore operosità. Piero era nato da Cosimo che aveva assestato la sua posizione di privato mercante ricchissimo astuto e sapiente, a guisa di governo dei suoi concittadini.

Egli aveva fatto costruire una parte della città monumentale e commesso al nipote di fornir l'altra. Ma Lorenzo non aveva grandi attitudini al mercantato. Aveva ingegno poetico e nella sua anima capace bellezze del cielo e bellezze della terra.

 

Prediligeva Platone fra i filosofi e ne commise a Marsilio Ficinio la resurrezione della dottrina. Prediligeva fra i pittori il Botticello, Domenico Bigordi, e Filippino; fra gli architetti il venerando Michelozzo e Giuliano di San Gallo, fra gli scultori Andrea del Verrocchio, Antonio del Pollaiolo e Bertoldo conservatore del suo giardino di San Marco. Luca della Robbia e Leon Battista Alberti, ormai vecchi, gli furono assai cari. Tenne con sè Michelangiolo e gli fu padrino nel battesimo dell'arte. Agnolo Ambrogini, Luigi e Luca Pulci gli furono compagni in gloriose gare poetiche.

 

Perché Firenze era troppo piccola per tanta grandezza, spedì ai papi e al Moro, ai principi d'Este e d'Aragona il superfluo: Leonardo da Vinci, il Sansovino, i fratelli da Maiano, Luca Fancelli e il poeta Bernardo Bellincioni.

In cambio ospitò Pico, quello accolse in sè tutta la sapienza dei secoli.

Nella piccola città di Fiorenza promosse opere grandi, ma sopratutto la gaiezza di cui fu, nella poesia e nella vita, un restauratore. La corte di lui, privato cittadino, superò quella dei principi in splendore di opere e di spiriti.

L'estro spesso lo chiamava da quel curioso trono, sulla piazza, fra le comitive che cantavano i suoi canti, nelle case da signore  in cui episodi del suo straordinario spirito conviviale, si alternavano a solitudini feconde di poesia e a divinazioni politiche che lui fecero il più saggio uomo di governo del suo tempo.

 

Immeromorabile ormai è l'epoca della sua nascita e della sua opera, ma la piccola città di Forenza, vive ancora di quella gloria e l'effigie di lui è ricordata nel tempio gastronomico dei Visacci, fra le grandi stature conviviali che co, Dante, Boccaccio, Leon Battista, Michelangiolo e Leonardo seppero gustare i piacere della tavola, e, nondimeno, offrire ai posteri il tipo dell'uomo universale".

 

COSMÈ da ALMANACCO DEI VISACCI - 1939 XVII

 

 

 

Fonte Foto: http://www.flickr.com/photos/29797

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Ritratti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link