Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 marzo 2014 1 10 /03 /marzo /2014 05:21

macchine utensili, presse, piegatrici, presse piegatrici, utensili, macchinari

SCIASCIA E LA SUA SICILIA 

Accostarsi a questo libro significa scoprire un altro Sciascia che non è quello dell'impegno civile e della denuncia, quello noto de "Il giorno della civetta" o di "Todo modo" ma quello che riesce a trasmettere sicilianità e cultura, in uno stile asciutto,godibile che non obbliga comunque il lettore a condividerlo. 
Sciascia è sempre stato in bilico tra romanzo e pamplhet e per molti versi nella prima fase della sua produzione letteraria ha riecheggiato i temi cari al neorealismo postbellico che si richiama a Calvino, eppure nonostante questo avvio letterario comune ad altri intellettuali italiani, lo scrittore siciliano è riuscito a spaziare in generi diversi il cui comun denominatore fu una sorta di moralismo polemico che non sempre ha giovato alla sua figura di intellettuale spesso accusato di eccessivo spirito critico, eppure quello che per molti fu un difetto, per altri fu un pregio soprattutto per il fatto che Sciascia non fu mai un intellettuale organico e spesso espresse una forma di dissenso solitario. 

IL FILO COMUNE 

Esiste un filo comune che lega Sciascia a Verga e Pirandello ed è la sua attenzione verso l'antropologia siciliana che costituisce una sorta di metafora non solo della sicilianità ma anche dell'italianità, in questa serie di racconti scritti tra il 1959 e il 1972 e pubblicati la prima volta nel 1973 e poi ripubblicati nel 1996 da Adelphi, ritroviamo il Sciascia delle diverse fasi ma anche la sua puntigliosità analitica che tutto osserva sotto la lente di ingrandimento comprese le contraddizioni di una realtà umana e sociale che è anche uno straordinario laboratorio di antropologia culturale. 

Ogni racconto è un quadro dove Sciascia tratteggia le virtù e i limiti di una cultura, quella siciliana, in cui addirittura sembrano venire alimentati alcuni luoghi comuni ma si tratta di un'interpretazione ingenerosa perche Sciascia rappresenta delle piccole realtà e racconta delle piccole strorie dall'interno di quella cultura conoscendone bene vizi e virtù. la cultura di una società fatta di amori, passioni, matrimoni e dicerie. 

Tra i tredici racconti segnalo "Il lungo viaggio" che è una metafora dell'eterno ritorno, un gruppo di emigranti paga per emigrare in America ma invece di andare in America si ritrovano in Sicilia, a quanto pare la storia si ripete, un gruppo di eritrei paga per andare in Occidente, poi si ritrova abbandonata nel deserto ed è costretta a ritornare in Eritrea. 

Senza dubbio la tipizzazione dei vizi siciliani può essere un indulgere verso una descrizione limitata di una realtà che non può essere tratteggiata solo evidenziando le negatività ma quella che può essere per alcuni intesa come negatività, per altri è una necessità per dare riconoscibilità ai personaggi e alle situazioni che comunque si verificano sempre all'interno di un'intensa umanità. 
Questo è il punto qualificante di questa serie di racconti, la notazione che non è mai superficiale ma è sempre uno spaccato, un simbolo di un mondo pieno di contraddizioni e storture. 
Sciascia lo fa a modo suo, con curiosità, forse ancora con un intento polemico, ma la lettura è godibilissima e va fatta in piena libertà con tutti i vantaggi che offre il racconto breve. 

Il consiglio è di leggere il libro come Michelangelo guardava un pezzo di marmo, lui vedeva all'interno del marmo una statua, gli altri solo un pezzo di marmo. 

SCHEDA DEL LIBRO 

Titolo: Il mare colore del vino 
Autore: Sciascia Leonardo 
Editore: Adelphi 
Data di pubblicazione: 1996 
Pagine: 148

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link