Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
12 aprile 2014 6 12 /04 /aprile /2014 05:51

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Antonio Labriola (Cassino 1843 - Roma 1904) è stato uno dei maggiori rappresentanti del neohegelismo italiano che ebbe i suoi maggiori rappresentanti nella cosiddetta "Scuola Napoletana" in cui spiccarono, oltre allo stesso Labriola,  Francesco De Sanctis, Donato Jaja, Sebastiano MaturiBertando Spaventa e Antonio Tari.

Il rifiuto delle posizioni hegeliane si accompagnò alla critica verso il pensiero positivista che in quegli anni andava diffondendosi riscuotendo successo e adesione in diversi ambiti della cultura non solo filosofica.

 

Compiuti gli studi all'Università di Napoli,  nel 1873 gli fu assegnata per concorso la cattedra  di professore di filosofia morale e pedagogia all'università di Roma.

La sua iniziale direzione filosofica venne influenzata dalle posizioni di Bertrando Spaventa e Antonio Tari dei quali fu discepolo. Nell'ambito di questo clima, l'opera iniziale di Labriola si contraddistingue contro il ritorno di Kant nella versione indicata da Edoardo Zeller.

 

Il suo primo scritto significativo fu il saggio Origine e natura delle passioni secondo l'etica di Spinoza pubblicato nel 1865; dopo avere affrontato la lettura delle opere di Fuerbach, nel 1869 scrisse una monografia intitolata  La dottrina di Socrate, secondo Senofonte, Platone e Aristotele, lo studio venne scritto quando Labriola era professore nel Liceo-Ginnasio Principe Umberto di Napoli e venne premiato dalla Regia Accademia di Scienze Morali e Politiche di Napoli. .

 

 

Dopo la pubblicazione della monografia su citata seguirono una serie di scritti di carattere pedagogico: Della liberta morale (1873), Morale e religione (1873), Dell'insegnamento della storia (1876), Del concetto della libertà (1878) nei quali assumono particolare rilevanza le tematiche di ordine educativo e l'interesse verso la psicologia scientifica. In questo gruppo di scritti il pensiero di Labriola è caratterizzato dalla condivisione delle posizioni del filosofo tedesco Johann Friedrich Herbart considerato il fondatore della psicologia scientifica che troverà una più compiuta elaborazione nel pensiero filosofico dell'Ottocento e del Novecento.

 

IL PERIODO DEGLI STUDI SUL MARXISMO

 

Nel 1887 pubblicò I problemi della filosofia della storia caratterizzato da una forte critica nei confronti delle posizioni filoosfiche sulla storia di impronta hegeliana; lei suoi scritti più importanti sono quelli che vennero pubblicati a partire dal 1895 tra i quali vanno annoverati: In memoria del Manifesto dei Comunisti (1895), Del Materialismo storico (1896), Discorrendo di  socialismo e filosofia (1896).

 

IL MATERIALISMO STORICO QUALE STRUMENTO CONOSCITIVO

 

Il materialismo storico è per Labriola prima di tutto un metodo conoscitivo da utilizzare per comprendere lo svolgimento della storia e in particolare per capire come si formi la struttura economica della società dove si possono distinguere due fasi genetiche:

 

  • Nella prima fase avviene la  formazione delle classi e dei rapporti giuridici, sociali, istituzionali e morali. In questa fase le classi subalterne lottano per affermare i propri diritti nei confronti delle classi dominanti che controllano i sistemi di produzione.

 

  • In una seconda fase si formano le sovrastrutture ossia i prodotti dell'arte, della religione e della scienza. Esiste un rapporto diretto tra prassi e teoria in quanto la filosofia  riflette sulla storia che è in primo luogo storia del lavoro, ma la filosofia essendo una sovrastruttura si sviluppa dopo la formazione della struttura economica, alla base di ogni svolgimento storico vi sono rapporti economici tuttavia lo sviluppo dei prodotti dell'arte, della filosofia, della letteratura ecc., non va interpetato secondo un rapporto causale di necessità in quanto la formazione delle sovrastrutture dello spirito non è automatica come quella dei rapporti giuridici e istituzionali ma è molto più complessa e dinamica.

 

Gli studi sul marxismo  di Labriola vollero essere anche una rilettura del comunismo in chiave critica in aperta opposizione con le posizioni del socialismo utopistico e contro il trionfante positivismo e in particolare contro il darwinismo sociale incapace di comprendere le istanze e le rivendicazioni delle classi subalterne.

Sotto questo punto di vista la concezione materialista della storia espressa dal filosofo napoletano, pur costituendo un ripensamento critico del materialismo storico, rappresentò una novità  segnando un distacco nei confronti della rigida formulazione  elaborata da Engels e assunse una particolare rilevanza nella diffusione delle teorie marxiste tra gli intellettuali italiani.

Il rifiuto poi della funzione dello stato come struttura che si occupa solo di etica in favore di uno stato che promuova lo sviluppo sociale  rimane ancora oggi una delle più moderne intuizioni espresse da Labriola.

 

 

 

SCRITTI INTEGRALI DI LABRIOLA PRESENTI IN VERSIONE DIGITALIZZATA (Ebook - gratis)

 

La dottrina di Socrate secondo Senofonte, Platone ed Aristotele : Memoria premiata dalla R. Accademia di scienze morali e politiche di Napoli nel Concorso dell'anno 1869 link

 

Della libertà morale per Antonio Labriola link

 

  

 

 

 

 

 

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Labriola Antonio

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link