Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
4 aprile 2014 5 04 /04 /aprile /2014 07:59

I TRE STADI DELL'ESISTENZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3507735266_a08e06f439.jpg

Fonte immagine:https://www.flickr.com/photos/21914065@N05/3507735266

 

La filosofia di Soren Kierkegaard viene anche definita "esistenzialismo trascendentalistico", ma per comprenderne le linee essenziali bisogna comprendere che non vi sarebbe stata la successiva elaborazione filosofica se il filosofo danese non avesse vissuto in modo esasperato il concetto luterano di peccato e della diffcoltà per l'uomo di pervenire attraverso la razionalità alla verità.

Solo facendo appello alla fede rivelata è possibile cogliere un barlume di verità da qui la sua radicale opposizione ad ogni forma di razionalismo sistematico ed in particolare all'hegelismo.

Nella sua visione non c'è spazio per le categorie universali e per il trionfo della ragione, ma conta solo l'esistenza dell'uomo quale fulcro di possibilità; un'esistenza in cui prevalgono la difficoltà, la miseria e le contraddizioni.

 

Partendo dal rifiuto verso la filosofia hegeliana, Kierkegaard afferma che la ricerca filosofica non può ridursi a categorie universali e astratte ma si deve interessare della singola esistenza dell'uomo ossia di quella vivente realtà che è ricca di una interiorità sempre ignorata dal pensiero filosofico.

Se in Hegel la filosofia ha come atto conclusivo il trionfo dello Spirito e dell'Idea, in Kierkegaard conta solo la religione, quale momento autentico dell'esistenza.

 

LA DIALETTICA DELL'ESISTENZA

 

L'esistenza costituisce di per sè un ventaglio di possibilità e di condizioni in contrapposizione tra di loro, ogni condizione supera la precedente e la nega; sotto questo punto di vista  si può parlare di dialettica dell'esistenza da intendersi come movimento, superamento e negazione. Non esiste un obbligo di passare da una condizione ad un altra, tuttavia tutte costituiscono delle possibilità a cui l'uomo può decidere di aderire oppure no.

 

Secondo  Kierkegaard  l'uomo può decidere di vivere seguendo  tre condizioni e ogni condizione, intesa come alternativa, esclude necessariamente l'altro:

 

  • La prima condizione è quella estetica dove l'uomo vive l'istante, l'uomo si lascia vivere e non ha un progetto, mostrandosi indifferente verso le categorie del bene e del male. Figura emblematica di questo stadio è la figura del Don Giovanni per il quale gli unici interessi sono quelli dominati dalla passione e dagli istinti che essendo dei "valori" vuoti e frivoli finiscono per provocare una condizione di  malinconia e di  diperazione che può rivelarsi senza uscita.
  • La seconda condizione è quella etica il cui simbolo è il Padre di Famiglia impegnato a rendersi utile nella propria famiglia, nel  matrimonio la bellezza della donna non è vissuta istante per istante come accade per Don Giovanni ma cresce e cambia con gli anni. L'etica è una condizione di serenità in cui le contrapposizioni vengono superate e mediate ma che può rivelarsi una gabbia che lascia solo disperazione e che può essere superata solo facendo ricorso alla fede.
  • La terza condizione è quella religiosa dove l'uomo attraverso la fede risolve le contraddizioni dello stadio etico, tuttavia il lasciarsi andare alla fede costituisce una sospensione dell'etica in quanto la legge universale di Dio non è comprensibile dall'uomo che tuttavia solo perseguendola può raggiungere la completa redenzione. Simbolo di questa condizione è la figura di Abramo a cui Dio chiede un sacrificio non comprensibile e per l'uomo assurdo, ma Abramo dichiarandosi disponbile ad eseguire la volontà divina, viene salvato e premiato perché ha avuto fede.

 

Possono anche interessarti i seguenti articoli:

 

Esercizio di cristianesimo - Soren Kierkegaard

Don Giovanni. La musica di Mozart e l'eros - Soren Kierkegaard

 

 

 

Protected by Copyscape Web Plagiarism Check

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Kierkegaard Soren

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link