Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
4 aprile 2014 5 04 /04 /aprile /2014 07:59

I TRE STADI DELL'ESISTENZA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3507735266_a08e06f439.jpg

Fonte immagine:https://www.flickr.com/photos/21914065@N05/3507735266

 

La filosofia di Soren Kierkegaard viene anche definita "esistenzialismo trascendentalistico", ma per comprenderne le linee essenziali bisogna comprendere che non vi sarebbe stata la successiva elaborazione filosofica se il filosofo danese non avesse vissuto in modo esasperato il concetto luterano di peccato e della diffcoltà per l'uomo di pervenire attraverso la razionalità alla verità.

Solo facendo appello alla fede rivelata è possibile cogliere un barlume di verità da qui la sua radicale opposizione ad ogni forma di razionalismo sistematico ed in particolare all'hegelismo.

Nella sua visione non c'è spazio per le categorie universali e per il trionfo della ragione, ma conta solo l'esistenza dell'uomo quale fulcro di possibilità; un'esistenza in cui prevalgono la difficoltà, la miseria e le contraddizioni.

 

Partendo dal rifiuto verso la filosofia hegeliana, Kierkegaard afferma che la ricerca filosofica non può ridursi a categorie universali e astratte ma si deve interessare della singola esistenza dell'uomo ossia di quella vivente realtà che è ricca di una interiorità sempre ignorata dal pensiero filosofico.

Se in Hegel la filosofia ha come atto conclusivo il trionfo dello Spirito e dell'Idea, in Kierkegaard conta solo la religione, quale momento autentico dell'esistenza.

 

LA DIALETTICA DELL'ESISTENZA

 

L'esistenza costituisce di per sè un ventaglio di possibilità e di condizioni in contrapposizione tra di loro, ogni condizione supera la precedente e la nega; sotto questo punto di vista  si può parlare di dialettica dell'esistenza da intendersi come movimento, superamento e negazione. Non esiste un obbligo di passare da una condizione ad un altra, tuttavia tutte costituiscono delle possibilità a cui l'uomo può decidere di aderire oppure no.

 

Secondo  Kierkegaard  l'uomo può decidere di vivere seguendo  tre condizioni e ogni condizione, intesa come alternativa, esclude necessariamente l'altro:

 

  • La prima condizione è quella estetica dove l'uomo vive l'istante, l'uomo si lascia vivere e non ha un progetto, mostrandosi indifferente verso le categorie del bene e del male. Figura emblematica di questo stadio è la figura del Don Giovanni per il quale gli unici interessi sono quelli dominati dalla passione e dagli istinti che essendo dei "valori" vuoti e frivoli finiscono per provocare una condizione di  malinconia e di  diperazione che può rivelarsi senza uscita.
  • La seconda condizione è quella etica il cui simbolo è il Padre di Famiglia impegnato a rendersi utile nella propria famiglia, nel  matrimonio la bellezza della donna non è vissuta istante per istante come accade per Don Giovanni ma cresce e cambia con gli anni. L'etica è una condizione di serenità in cui le contrapposizioni vengono superate e mediate ma che può rivelarsi una gabbia che lascia solo disperazione e che può essere superata solo facendo ricorso alla fede.
  • La terza condizione è quella religiosa dove l'uomo attraverso la fede risolve le contraddizioni dello stadio etico, tuttavia il lasciarsi andare alla fede costituisce una sospensione dell'etica in quanto la legge universale di Dio non è comprensibile dall'uomo che tuttavia solo perseguendola può raggiungere la completa redenzione. Simbolo di questa condizione è la figura di Abramo a cui Dio chiede un sacrificio non comprensibile e per l'uomo assurdo, ma Abramo dichiarandosi disponbile ad eseguire la volontà divina, viene salvato e premiato perché ha avuto fede.

 

Possono anche interessarti i seguenti articoli:

 

Esercizio di cristianesimo - Soren Kierkegaard

Don Giovanni. La musica di Mozart e l'eros - Soren Kierkegaard

 

 

 

Protected by Copyscape Web Plagiarism Check

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  •  Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Articoli Recenti

  • Raffaele Corso Etnografo
    Spesso i protagonisti di un'epoca vengono dimenticati, questa sorte è toccata a Raffaele Corso uno dei più importanti studiosi di etnografia e di folklore che diede un forte impulso allo studio delle tradizioni popolari e dell'etnografia. Le sue opere...
  • Via Crucis - Gianluigi Nuzzi
    Via Crucis di Gianluigi Nuzzi al di là del successo editoriale che lo ha contraddistinto sin dalla prima edizione, è un documento di straordinaria importanza che permette di conoscere alcuni aspetti dell'apparato statale vaticano. Chi non ha letto il...
  • La Discordia (Ludovico Ariosto)
    La conobbe al vestir del color cento, Fatto a liste ineguali ed infinite, Ch'or la coprono, or no: che i passi e 'l vento Le giano aprendo, ch'erano sdrucite. I crini avea, qual oro e qual argento, E neri e bigi, e aver pareano lite: Altri in treccia,...
  • La Frode (Ludovico Ariosto)
    Avea piacevol viso, abito onesto Un umil volger d'occhi, un andar grave; Un parlar sì benigno e sì modesto, Che parea che Gabriel dicesse: Ave. Era brutta e deforme in tutto il resto; Ma nascondea queste fattezze prave Con lungo abito e largo; e sotto...
  • Le funzioni dei vescovi dopo la svolta costantiniana
    La svolta costantiniana diede un forte impulso allo sviluppo dell'arte cristiana, e con la libertà di culto e con le sovvenzioni governative che pare vi siano state per precise disposizioni della corte imperiale, sorgono importanti siti cristiani: a Roma...
  • Civilizzazione della legge romana a seguito dell'influenza del Cristianesimo
    Anche chi considera il paganesimo come causa dell'evoluzione della legge romana, deve ammettere che il Cristianesimo ebbe un ruolo fondamentale nella civilizzazione del diritto romano. Questo processo si può riassumere in due aspetti rilevanti: Il maggior...
  • La politica dell'imperatore Costantino
    Se dal punto di vista religioso è difficile dire di più (vedi http://condividendoidee.over-blog.it/2015/04/la-conversione-religiosa-di-costantino.html), per quanto riguarda l'aspetto politico del personaggio, diciamo che la personalità dell'imperatore...
  • La "conversione religiosa" di Costantino
    Costantino nasce intorno al 280 da Costanzo Cloro che era un generale di Diocleziano e da Elena, regge l'Impero d'Occidente dal 311 al 325 e tutto l'Impero intero dal 325 al 337 anno della sua morte. Colui che è stato definito il primo imperatore cristiano...
  • La svolta costantiniana nel giudizio degli storici
    Possiamo definire la remissione del Cristianesimo come svolta costantiniana riguardo alla fede e alla professione cristiana, a tale riguardo vi sono i giudizi degli storici contemporanei e di quelli antichi. Uno degli storici antichi che ne parla è San...
  • L'introduzione del Cristianesimo nel Piceno
    Nell'antichità la diffusione di un annuncio era favorita dalle vie di comunicazione e così è stato per il Piceno. Si è molto discusso da dove potesse essere venuto nel Piceno il Cristianesimo, qualcuno ha ipotizzato da Ancona dove c'era un porto molto...

Link