Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 marzo 2014 4 20 /03 /marzo /2014 16:41

 

VALENTINE PONTIFEX-Robert Silverberg-1st Brit-Unread-DJ

 

 

 

 

"Pontifex Valentine" è un bel romanzo nato dalla fervida fantasia di Robert Silveberg, anche qui ci troviamo in un immaginario mondo extraterrestre, il pianeta di Majipoor e lord Valentine è il protagonista di questo racconto di letteratura fantastica che si gioca tutto dentro l'incubo del labirinto. 

Fortemente visionario, il libro di Silveberg è il completamento della trilogia che comprende altri due libri "Il castello di Lord Valentine" e "Cronache di Majipoor"; la descrizione del pianeta di Majippor è affascinante ed è quello che in realtà sta alla base anche di molte imprese aereospaziali: il desiderio di trovare un pianeta diverso dalla terra ma con delle possibilità di vita che lo rendano colonizzabile, Majipoor è un pianeta gigantesco dai mari sconfinati e caratterizzato dalla presenza di vaste aree desertiche, a differenza poi della terra è abitato anche da creature dalle parvenze non umane ed è ricchissimo di foreste dalla vegetazione rigogliosa. 

Ci troviamo ancora immersi in un ambiente dove è presente la commistione di diversi elementi: terrestri, umani e alieni ma con una differenza fondamentale rispetto ad altri romanzi del genere: l'elemento tecnologico non è prevalente rispetto alla figura in questo del protagonista che continua ad essere un uomo. 

Lord Valentine è in questo caso l'eroe moderno che è sempre presente in tutto l'intreccio narrativo e sullo sfondo uno scenario che diventa plausibile nel momento in cui le condizioni di vita, per quanto diverse dalla terra, sono accettabili per i terrestri. 
Tutto il romanzo dimostra l'abilità narrativa di Silveberg, abile in quella manipolazione spazio-temporale che immerge il lettore in un tempo indefinito, in una sorta di quarta dimensione dove la cronologia terrestre passa in secondo piano: siamo nel futuro ma anche nel passato, le condizioni di vita del pianeta sono quelle che la Terra ha già visto ma che ha definitivamente perso. 

Eppure la Terra e l'uomo rimangono ancora al centro dell'universo, è Lord Valentine che si impone contro il cattivo di turno, in questo modo il lettore per quanto affascinato dall'extra-mondo, ritrova tutti gli elementi che gli sono familiari: elemneti fisici, storici e architettonici. 
Bisogna riconoscere al genio di Silveberg di avere avuto un senso dell'estetica straordinario: l'idea del castello come labirinto non è nuova sicuramente ed attinge all'idea del labirinto di Cnosso costruito da

Dedalo, famoso nella mitologia per aver concepito una costruzione dai corridoi inestricabili e di difficile orientamento ma nonostante ciò la sua descrizione lascia incredulo il lettore. 

Un altro aspetto importante è che il lettore non viene immerso in una sorta di mondo dove tutto è perfetto e migliore rispetto al mondo terrestre, il potere esiste, Lord Valentine per diventare Pontifex deve lottare, il male non sembra eliminabile neanche in condizioni differenti da quelle terrestri, il dolore non è solo una condizione umana ma è comune a tutte le forme di vita. 

La stessa concezione del tempo che Silveberg presenta non è affatto fantascientifica ma è una concezione che trova riscontro nella teoria della relatività di Einstein secondo la quale il tempo non è uguale ovunque per cui è plausibile che ci siano mondi extraterrestri in cui il loro futuro corrisponde al nostro passato e viceversa. 

Un altro bel romanzo a cui bisogna approcciarsi con lo stesso spirito a cui si approcciava il lettore a Jules Verne, il padre di molta letteratura fantastica che ebbe il merito di predire il futuro descrivendo circostanze e tecnologie con cui oggi abbiamo familiarità, Silveberg fa questo e il suo Lord Valentine è quello che potrebbe essere l'uomo di domani. 

 

INFORMAZIONI SUL LIBRO

Titolo: Pontifex Valentine

Autore: Robert Silveberg 

Editore: Nord

Anno di pubblicazione: 1994

Pagine: 357

Codice ISBN: 8842907553

 

Articolo di propietà dell'autore

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link