Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
21 aprile 2012 6 21 /04 /aprile /2012 07:02

Diamanti

ANALOGIE CON IL PRESENTE

 

Nei giorni delle grandi nevicate del mese di febbraio 2012 mi è venuto in mente un libro di Ignazio Silone che sembra "calzare a pennello" per commentare non solo l'attualità ma anche quello che ci differenzia dalle generazioni passate. 
Non voglio infierire parlando dei piagnistei da isteria collettiva che hanno paralizzato il paese  confrontando tale comportamento con la fierezza delle antiche generazioni contadine abruzzesi a cui Ignazio Silone apparteneva. 

Eppure ci sarebbe da dire molto su questa società italiana che si arrende prima di combattere ....per questioni di neve. 
A Roma sono rimasti a casa migliaia di dipendenti pubblici causa la neve, c'è da pensare e non si può gioire di questo,anche per questo siamo bersaglio di tante ironie sul nostro modo di affrontare le "emergenze". Silone raccontava in "Fontamara" la rivolta dei contadini della Marsica contro i grandi proprietari, ho l'impressione che quei "cafoni" dei romanzi del grande scrittore abruzzese fossero di un'altra tempra. 
Così mi è venuto in mente anche quell'altro grande romanzo di Corrado Alvaro intitolato "Gente di Aspromonte", gente dura, pronta ad affrontare qualsiasi avversità e che rappresenta la trasfigurazione mitico-simbolica delle antiche genti italiche. 


"Fontamara" venne pubblicata per la prima volta nel 1933, "Il seme sotto la neve" nel 1941, nel 1933 quando Silone concepì la prima opera il fascismo era nel pieno del consenso, nel 1941 con "Il seme sotto la neve" la guerra era già scoppiata da due anni e incominciavano a serpeggiare i primi dissensi tra la popolazione italiana (che in larga maggioranza aveva approvato la scellerata idea di entrare in guerra e per di più senza alcuna preparazione tecnica e militare). In questi otto anni che separano la pubblicazione delle due opere Silone non aveva dimenticato le sue origini, in mezzo c'è un'opera che fa da ponte a quelle citate nelle righe precedenti: "Pane e Vino". Partiamo da lì. 

LA RICERCA DELLA LIBERTA' E LA NEVE CHE CADE..... 

In "Il seme sotto la neve" si ritrova quel Pietro Spina di "Pane e Vino" che è il ritratto (per certi aspetti) dello stesso Silone che fu un dirigente del partito comunista (anche se ne uscì nel 1930). Ma cosa c'entra la neve? La rappresentazione che ne dà Silone è suggestiva: il viaggio di Pietro Spina è un viaggio dello spirito prima di essere un viaggio vero e proprio e la neve è il simbolo di ciò che copre e protegge prima che la natura riprenda a fruttificare. 
L'autore riesce a cogliere appieno la scissione spirituale che affligge Pietro Spina che da una parte "non rinnega le sue origini" contadine, ma dall'altra parte non vuole piegarsi alle logiche della sua famiglia che preferirebbe per lui l'abiura del suo credo politico per questioni di opportunità e di "sopravvivenza". 
Pietro non vuole dipendere dalla volontà unilaterale dello Stato fascista, ma è proprio questa sua ricerca di libertà e il suo moto di ribellione interiore che sono la causa dei contrasti familiari. 

Questo è un punto importante per capire le nostre origini e per comprendere molti comportamenti collettivi: in tutte le comunità contadine (da cui la maggior parte della popolazione italiana proviene) la povertà era la compagna inseparabile di tutta la vita; spesso questi contadini vivevano la condizione della mezzadria e le terre che gli davano il sostentamento erano o dei grandi proprietari terrieri o della Chiesa. 
Albergava in loro il senso della rivolta che però non si concretizzava mai in veri e propri moti rivoluzionari, la miseria e la necessità di fare fronte al cibo li obbligava ad accettare lo sfruttamento e la sottomissione. 

Pietro va in controtendenza a questa abitudine tipica di quelle genti, il suo senso di ribellione lo porta a non scendere a compromessi; ecco allora che entra in scena il seme sotto la neve. 
Dice un detto contadino "A gennaio tanta pioggia e poca neve fa male agli alberi" vale a dire la neve serve; Pietro da buon contadino seppellisce un seme sotto la neve e attende che germini.                                                                                     il-seme-sotto-la-neve.jpg
 

 

 

La neve lo protegge, lo "tiene in caldo" e lui attende con pazienza che la piantina cresca, è un'attesa che rispetta i tempi naturali e che non "maledice" la neve; la neve è fonte stessa della vita, consente al seme di rimanere umido in attesa della vita che presto non tarderà a venire. 
E' come se in questa condizione apparentemente infelice, la vita metta radici. 
Così Pietro attende con speranza la nascita del germoglio, nonostante i pericoli che sta correndo che sono gli stessi della natura. E così fanno da sempre i contadini che quando nevica, controllano gli impianti di copertura e controllano i semi, preparano i terricci.....nonostante la neve. 

Grande romanzo di Silone, fra i meno conosciuti, da leggere per non avere paura della neve e di tutti gli uomini della neve che vogliono privarci della libertà. 

Dobbiamo crescere tutti un po' e smettere di vedere ogni cosa come un'emergenza, ma i finlandesi, gli svedesi, i norvegesi, i danesi, i canadesi etc etc.....cosa dovrebbero fare quando nevica? 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link