Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
18 marzo 2012 7 18 /03 /marzo /2012 09:06

 

il-vecchio-della-montagna.png

 

 

Trovo Grazia Deledda una delle autrici più complesse della letteratura italiana se non altro per la straordinaria fecondità che dimostrò come scrittrice : sono, infatti, ben trentacinque i romanzi che ha scritto e trecentocinquanta sono le novelle; in ogni sua opera si ritrova la costante attenzione dedicata a fare conoscere il mondo pastorale e agreste di una Sardegna che vive ormai solo nel ricordo di quei pochi che conservano nella memoria i racconti dei vecchi. 
Non basta pertanto leggere un romanzo della Deledda per poter gustare appieno il suo modo di scrivere, sarebbe infatti opportuna un'approfondita indagine di tipo filologico anche perché alcuni romanzi hanno subito una complessa storia editoriale. 
Come è noto Grazia Deledda ricevette nel 1926 il Premio Nobel per la letteratura, in seguito nessuna scrittrice italiana è mai riuscita da allora a raggiungere l'ambito riconoscimento. 



COMMENTO 

Nel romanzo la Deledda dimostra una rara capacità di introspezione psicologica delineando in modo puntuale il carattere dei vari personaggi che animano il racconto. Sono personaggi che fanno parte di quel mondo antico e misterioso della Barbagia, la parte più interna della Sardegna, quella che per lungo tempo ha mantenuto il suo carattere originario. E' più di un racconto quello della scrittrice sarda, è un atto d'amore senza condizioni verso la sua terra di cui descrive persone, luoghi e cultura, in questo tributo magnificamente offerto attraverso la parola scritta, la Deledda riesce a fare sentire il profumo di una terra che agli inizi del Novecento era in gran parte selvaggia. 
Il mondo descritto dalla scrittrice nuorese è quello agro-pastorale dove l'unico protagonista assoluto è l'uomo che vive in quell'ambiente conoscendone segreti, tempi ed enigmi. 
La montagna di cui parla la Deledda è l'Ortobene su cui sorge Nuoro; all'epoca in cui l'autrice scriveva, la città di Nuoro era un grande paese di poche migliaia di abitanti, un centro abitato circondato da un territorio montuoso ed arido. Ed è proprio in quell'ambiente che sono nati e cresciuti uomini forti che vivevano solo di agricoltura e pastorizia essendo condizionati, nel loro agire, dai tempi del giorno e delle stagioni. I protagonisti del romanzo sono uomini e donne che vivono quella cultura e ne sono gli unici e veri interpreti pur nelle contraddizioni laceranti che caratterizzano tutte le società chiuse. 
Si è parlato non a torto di mondo barbarico e primitivo, ma tale definizione non va interpretata in senso svalutativo bensì come un apprezzamento di una cultura vergine dove i rapporti di forza erano sempre legati a questioni che riguardavano la terra, il pascolo e il bestiame. 

Grande illustratrice della sua terra, la Deledda ci mostra i torrenti, gli alberi, i pascoli percorsi dal bestiame, gli ovili, i grandi vecchi , le donne forti e....la montagna, luogo arcano per eccellenza, ma anche tragitto di fatica di uomini, donne e bambini. 
Ed ecco i personaggi del racconto, sempre eguali a se stessi come statue: Merzioro Carta, Melchorre, Zio Pietro, Basilio, Efisio, Leone, Vera, zia Bisaccia, zia Caterina, ecc e poi i rumori di quell'ambiente: " il ruminar del cavallo, il guaire del cane, il rosicchiar della lepre" e gli animali che facevano da sfondo anch'essi protagonisti di quell'ambiente: le capre, le pecore, le cavallette, il falco.... 
E nel succedersi del giorno e della notte: il silenzio del bosco che incute paura, mentre i sentimenti di uomini e donne sono quelli di ogni uomo e di ogni donna: dolcezza, paura, odio, dispetto, vendetta e perdono. 

Lo Stato è lì a ricordare la sua presenza fatta solo di sorveglianza e perlustrazioni, dall'altra parte la diffidenza delle genti.... 


Nelle ceste dei pastori c'era frutta, pane e formaggio e l'anima della Sardegna...... 

ALCUNI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Per chi volesse conoscere le opere della scrittrice sarda consiglio la lettura di "Romanzi e novelle" a cura di Natalino Sapegno. La prima edizione del libro è del 1971, si tratta di un tomo di 940 pagine corredato dalle note introduttive (28 pagine) del grande storico e critico della letteratura italiana; il prof. Natalino Sapegno è stato probabilmente l'accademico più insigne che ha studiato in modo sistematico le opere di Grazia Deledda. 

Per chi volesse, invece, un'edizione più agile consiglio quella de "La Riflessione", oltre a "Il vecchio della montagna" contiene un altro dei romanzi più belli della Deledda "Elias Portolu", costa solo 5,00 euro. La si può trovare online e nelle librerie remainders. 

 

Merita una menzione  IL VECCHIO DELLA MONTAGNA con la prefazione di S. Paulis ( l'immagine del libro è in alto a sinistra) pubblicato nel 2007 dalla Ilisso Edizioni Srl nella collana:Bibliotheca Sarda.




 

 Grande e sanguigno il sole sorgeva dal mare lontano.......(dall'opera)


 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link