Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
28 agosto 2012 2 28 /08 /agosto /2012 18:50

contatore visite

Facendo un parallelo tra il romanzo -forse il più noto- di Isac Asimov, "Io, robot"  e la sua trasposizione cinematografica  che porta lo stesso titolo, bisogna fare un plauso al regista Alex Proyas  che in 115 minuti è riuscito a rispettare all'80% la trama del romanzo. Un bravo al regista, seppur con qualche riserva, ma anche alla efficace interpretazione di Will Smith che ricopre il ruolo del protagonista di nome Del Spooner, un investigatore che da solo lotta contro ogni tipo di circostanza avversa avendo come avversari  sia la polizia di cui egli stesso fa parte che i robot. La lotta viene intrapresa da Spooner per perseguire un solo obiettivo: salvare se stesso e l'umanità dalla distruzione assoluta.

La vicenda del film si apre con un antefatto: un omicidio di cui la polizia sospetta che il responsabile del delitto sia un robot. Un'ipotesi in netto contrasto con la prima legge della robotica elaborata da Isac Asimov, legge che stabilisce che nessun robot può recare danno ad un essere umano nè che un suo mancato intervento possa recargli nocumento. Lo svolgimento del film da questo momento in poi  è un vero e proprio concentrato d'azione che inchioda lo spettatore allo schermo grazie anche agli effetti  speciali che rendono spettacolari le scene che i maghi della cinematografia sono riusciti a rendere veloci e integrate con la trama narrativa. Insomma nessuna forzatura fuori luogo anche quando bisogna rappresentare tutto ciò che va al di là dell'esperienza umana.

Se un merito può essere ascritto al film, al di là della struttura scenica ad effetto, è quello di aver riproposto un argomento complesso: il rapporto dell'uomo con le macchine evolute da lui stesso create. Tuttavia, sarebbe meglio non scadere in un intellettualismo di maniera che potrebbe fare passare in secondo piano la parte spettacolare del film che comunque - è bene ricordarlo- segue abbastanza fedelmente il romanzo di Asimov, arricchendolo con tutta una serie di particolari che nello scritto non rendono al meglio.

Nonostante diverse stroncature davvero eccessive sul film, "Io, Robot" è un film da vedere, un film che contiene tutte le componenti tipiche della cinematografia fantascientifica, esattamente quella che il pubblico appassionato del genere si aspetta.

 
SCHEDA FILMICA

  • Titolo: Io, robot
  • Attori: Will Smith, James Cromwell, Bruce Greenwood, Bridget Moynahan, Alan Tudyk
  • Anno: 2004
  • Regia: Alex Proyas
  • Edizione in DVD: 20th Century Fox
  • Lingua: Inglese e Italiano
  • Sottotitoli: Inglese e Italiano
  • durata: 1 ora e 50 minuti

 

 

Io, Robot (SE) (2 Dvd)

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Z. Cinema

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link