Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
9 ottobre 2012 2 09 /10 /ottobre /2012 16:31

contatore gratuito

 

IL MALATO IMMAGINARIO 

Nel 1979 veniva proiettato nelle sale cinematografiche "Il malato immaginario", un film esilarante e per certi versi tragico che meglio ha  saputo rappresentare al di fuori dei teatri la celebre commedia di Molière e il cui interprete indimenticato e indimenticabile fu Alberto Sordi. 
La pellicola ebbe un grande successo soprattutto per la grande vena comica e ironica che ha permeato quasi tutte le sequenze di quel celebre film di diretto da Tonino Cervi che ha liberamente reinterpretato il malato d'immaginazione che è si un malato immaginario ma proprio per questo soffre di un disturbo che è oggetto di numerosi studi da parte della comunità scientifica e in particolare degli specialisti di psichiatria. 

 

IMGP6533-copia-1.JPG

 

 

 


SIAMO TUTTI IPOCONDRIACI E LE SALE DEI PRONTO SOCCORSO SONO INTASATE

Le sollecitazioni non mancano per quanto riguarda la descrizione di patologie più o meno gravi , trasmissioni tv, programmi radio, un diluvio di informazioni presenti su internet che scatenano un clima di allarmismo e mettono in moto la massa di di ipocondriaci pronti ad intasare le sale d'aspetto dei medici di base e le corsie dei vari Pronto Soccorso: " Proprio ieri sentivo un dolorino alla schiena, non sono forse i sintomi di quella malattia di cui parlavano...." 
L'allarmismo si trasforma in una vera e propria mania che prende il sopravvento e distrugge anche la nostra tranquillità: il percorso dei malati immaginari non risparmia nessuno, medico di base, analisi, tac, radiografie, visite specialistiche, tutti i sintomi presunti mettono in allarme anche gli altri componenti della famiglia che vengono travolti dall'insana preoccupazione. 

Questa insana preoccupazione per il proprio stato di salute è ormai sempre più diffuso, secondo alcune statistiche in Italia vi sono circa dal 5 al 10 per cento di malati immaginari che riversano le loro energie a prevenire e a curare quello che non c'è. 
Molti di noi hanno sperimentato questo stato di preoccupazione anche semplicemente ritirando le analisi del sangue quando un valore si discostava dal range posto accanto al valore registrato, è quello il momento in cui si chiamano le sorelle e i fratelli, l'amica o l'amico, il figlio e la figlia e si incomincia attraverso delle congetture di capire che cosa possa essere facendo delle similitudini con i sintomi che provava questo o quel conoscente, la tappa successiva è quella più insidiosa :la diagnosi del medico di famiglia non basta, si va alla ricerca del medico bravo, dello specialista, del "fachiro" che è migliore nel suo campo. 
Avviene quella sorta di trasmigrazione familiare che porta il "paziente" a viaggiare per essere visitato da un noto specialista dalla parcella salata perchè più costa, più è bravo, l'ansia sale, non basta più nessuna diagnosi neppure quella del fachiro specialista in..... 


PERSONAGGI CELEBRI MALATI IPOCONDRIA

Mal comune mezzo gaudio: una volta videmmo un'intervista rivolta a Carlo Verdone che oltre ad essere un bravissimo attore, ha una caratteristica unica, riesce semplicemente vedendo una pastiglia a dire di quale farmaco si tratti e cosa veramente incredibile è a perfetta conoscenza di ogni posologia e di ogni controindicazione. 
Celebre è anche l'ipocondria di Woody Allen e nel mondo letterario uno dei più grandi ipocondriaci era Marcel Proust ma non manca nel mondo scientifico il suo rappresentante di punta, Charles Darwin
Nel mondo dello spettacolo uno dei più famosi ipocondriaci è stato Michael Jackson che era solito ricorrere a massiccie dosi di farmaci di cui non aveva assolutamente bisogno. 
Il caso limite è quello di Barbra Streisand che gira sempre con il suo medico personale ma non è la sola, un notissimo ( il più noto ) uomo politico italiano è anche lui costantemente seguito dal proprio medico. 
Anche qui l'elenco è lunghissimo, dimostrazione questa che l'ipocondria colpisce sia le persone comuini che quelle celebri ed anzi più il livello di notorietà sale, più aumenta la paura delle malattie...( o di morire e perdere quello che si ha?). 

MA SI PUO' GUARIRE? 

Ci sono forme di ipocondria passeggere dovute a particolari momenti di stress in cui si somatizza tutto quello che si sente o si legge e ha a che fare con le più disparate patologie, ma ci sono coloro che passano il loro tempo a guardare giornali che parlano di salute ( di malattie) oppure a leggere pagine e pagine Internet che riguardano questa o quella malattia. 
Alcune di queste persone quando parlano con qualcuno , incominciano a raccontare delle loro malattie, quasi che questo sia l'unico modo di attirare l'attenzione su di sé, è molto facile che questa mania poi degeneri in rabbia. 

PAURA DI TUTTO 

In una società medicalizzata come la nostra, il pozzo senza fondo a cui drenare risorse non sono i malati veri ( che poi guariscono) ma i malati d'immaginazione ( che non guariscono mai);abbiamo visto gli esiti dell'ultima presunta pandemia che ha spinto migliaia di persone, suggestionate dal catastrofismo elevato a sistema, a vaccinarsi contro l'influenza A/H1N1 , passata la paura collettiva gli

organismi internazionali si sono affrettati a ridimensionare i rischi di questa presunta pandemia. 

Analisi, specialisti, farmaci da banco e da "sottobanco" sono spesso tutto il contorno che circonda il malato d'immaginazione che tra tutte le malattie presenta in particolare due patologie: il mal di testa e il mal di schiena; questo sentire "male" il proprio corpo porta come conseguenza a sentire male ogni cosa compresa quella sfera emotiva che viene scambiata come patologia.. 

 

 

IMGP6534-copia-1.JPG

COME VIENE CURATO L'IPOCONDRIACO 

Se l'ipocondriaco è un malato immaginario non è un malato ma se la sua diventa una fobia di avere malattie e questa (paura) si trasforma in psicosi l'ipocondriaco è un malato, finalmente l'ipocondriaco ha raggiunto il suo obiettivo che è quello di sentirsi male e al medico non rimane che somministrare ansiolitici e antidepressivi che dovrebbero curare gli squilibri neuro-psicologici. 
Ma se il farmaco non basta, l'ipocondriaco recidivo può e deve essere indirizzato verso la psicoterapia che permette di poter individuare e risolvere quei conflitti interiori che sono alla base di una delle patologie più insidiose che i normali esami clinici non possono diagnosticare. 

 

 

 

IMGP6532.JPG

IL CONTRARIO DELL'IPOCONDRIACO 

Un esempio da imitare su come reagire ad una malattia o ad un infortunio (veri) ci viene da quello straordinario personaggio che è Valentino Rossi, un mese dopo l'incidente al Mugello, Valentino è tornato in sella pronto a regalarci ancora spettacolo: avrà avuto bravissimi fisioterapisti, i migliori orotopedici ma ha una cosa che l'ipocondriaco non ha, l'autostima di sè e se non si vuole bene a se stessi come si può pensare di volere bene agli altri? 

Queste riflessioni nascono anche  dal fatto che in famiglia assistemmo alla parabola discendente di una ipocondriaca che stava perfettamente in salute ma che, nella convinzione di stare male, ha incominciato ad assumere quantità incredibili di farmaci, questa persona è deceduta per un tumore al fegato.

Conclusione: Il malato immaginario fa ammalare di cuore quelli che gli stanno vicino...

 

 

Articolo di proprietà dell'autore, pubblicato anche altrove

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Società

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link