Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 novembre 2013 6 02 /11 /novembre /2013 10:44

contatore gratis

IMGP6719-copia-1.JPG 

 

Alberto Moravia ha avuto una capacità rara tra i narratori, quella di avere raccontato con un'efficacia rappresentativa molto intensa, storie originali che nascono nel quotidiano e questo lo ha fatto con un approccio realistico ed oggettivo che ha privilegiato le inquadrature nette e distinte della realtà che sono riconducibili alla tradizione e al nitore della scrittura dei classici, oltre a questo tratto stilistico che consente di riconoscere immediatamente la scrittura di Moravia, la presenza di un lieve sarcasmo antiborghese ha rappresentato un "innesto" ben riuscito che ha dato molti frutti, non ultimo quello della demistificazione della realtà ricorrendo a racconti mai banali e dalle trame interessanti. 

"L'amore coniugale" è un romanzo breve che può essere preso come emblema della letteratura moraviana per avere demistificato criticamente l'inautenticità dell'amore coniugale, dell'impotenza che spesso si manifesta in un rapporto a due e dell'impossibilità di realizzare la perfezione almeno dal punto di vista dell'aspirazione, intesa come un "tendere a..". 

La storia è intrigante e ancora una volta il tema è quello della scrittura e del'amore verso una donna, è innegabile che lo scrittore, qualunque esso sia, tenda a crogiolarsi nel monologo, la scrittura non può essere un dialogo eccezion fatta per il genere epistolare. 
L'inautenticità della vita coniugale, la sua ipocrisia e la finzione delle convenzioni vengono messe a nudo ma non come critica apriori e prevenuta ideologicamente quanto per l'imprevedibilità che è legata a dei progetti inattuati con un imponderabile che è pronto a manifestarsi repentinamente ed improvvisamente. 

Il racconto pone al centro due coniugi, Silvio Badeschi e sua moglie Leda, Silvio è uno scrittore che rincorre un sogno ambizioso, scrivere un capolavoro che per essere tale deve essere un'opera letteraria unica come quello che lui ritiene tale e che diventa l'oggetto del suo romanzo: l'amore per la moglie. 
Moravia parte quindi da una situazione molto comune che è quella in cui uno pensa una cosa diversa dall'altro, Silvio è profondamente convinto che il suo legame con Leda sia inattaccabile e su di lei pone una fiducia senza riserve, chiedendole di partecipare comunque alla redazione di questo romanzo in maniera alquanto bizzarra: Leda, dovrà semplicemente non togliere energie a Silvio astenendosi da qualsiasi rapporto sessuale. 

La richiesta appare bizzarra perchè il ruolo di coautrice è un ruolo passivo ma è anche un implicito rimprovero a non essere disturbato con la provocazione dei sensi e in un primo momento tutto sembra filare liscio e Leda sembra condividere questa scelta di astenersi da ogni rapporto sessuale e di vivere un matrimonio in bianco. 

Nella storia della letteratura sono innumerevoli gli scrittori che hanno tratto forza e ispirazione dall'amore fisico quasi che questo propagasse un'energia diffusa anche dopo essere stato compiuto, ma non si trovano storie in cui il sesso è visto come elemento che possa togliere energie intellettuali quasi che la radice fosse l'essenziale "eterità" della donna. 
La donna in questo caso viene privata del suo piacere elementare e il piacere supremo della passività viene sostituito da quello della inattività che nella sua ambiguità è un comprimere ogni via naturale per una scelta assurda e dagli esiti imprevisti. 
Se Leda accetta questa condizione, la sua scelta appare libera e consenziente e giustificata in base all'amore che pone nei confronti del marito e che potrebbe essere sintetizzata in questa frase: "io faccio tutto quello che ti può essere utile perchè tu raggiunga l'obiettivo che ti sei prefissato". 

Se è ovvio, al punto da apparire banale, osservare che la pietà femminile e la disposizione materna sono delle componenti essenziali dell'eterno femminino, di contro la natura femminile sa anche immolarsi con una freddezza sconcertante sino alle estreme conseguenze. 

La Leda descritta da Moravia rientra in questo schema e non si sa se la ripetizione di questo rientri anche in fattori di natura esterna che nella vita quotidiana possono essere rinvenuti anche in ragioni di ordine economico e sociale. 
Silvio è un visionario scollegato completamente dalla realtà, è un illuso che crede in un amore perfetto che vacilla e cade nel momento in cui la fascinosità femminile di Leda cede dinanzi alla presenza di un terzo (Antonio) che improvvisamente si insinua tra la vita dei due. 
Che cosa spinga Leda a cedere e a concedersi come non si sarebbe concessa a Silvio è intuibile: è il rinunciare all'inviolabile fino a scegliere il desiderio spingendolo al parossismo che fa cadere ogni pudore. 
Eppure Leda non si tradisce, non rende palese il proprio desiderio ma lo contiene fino a farlo diventare qualcosa di animalesco come se questo suo darsi sia una liberazione dalla gabbia della perfezione in cui Silvio l'aveva rinchiusa. 
L'apparente riluttanza di Leda forse non era intesa ad inibire l'attività sessuale e la sua passività non era reale ma apparente, mentre al suo interno covava un 'intensa energia pronta a deflagrare alla prima occasione. 

Silvio dinanzi alle danze di Leda non può che constare il fallimento della sua vita, del matrimonio e della sua attività di scrittore di successo, un finale amaro perchè Silvio cercherà dapprima di dare delle spiegazioni e poi rinuncerà rimandando ad un momento più tranquillo gli eventuali bilanci della sua sconfitta e della sua vigliaccheria che non sa perdonare nè condannare ma solo accettare. 

Il mondo moderno ha conosciuto la donna che ha voluto emanciparsi dall'uomo ma non ha mai preso in considerazione l'uomo che ha voluto emanciparsi della donna, eppure anche su questo aspetto molte sono le considerazioni da fare e che rimandiamo al prossimo articolo. 



"Nella sua passività e inferiorità apparente il femminile è superiore al maschile" 
LAO TZE

 

** Non si può programmare niente........tanto meno la perfezione**

 

 

 

 

Protected by Copyscape Web Plagiarism Scanner

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link