Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
7 aprile 2014 1 07 /04 /aprile /2014 06:05

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L-esistenzialismo-e-un-umanismo---Jean-Paul-Sartre.jpg

 

 

 

 

 

 

L'ESISTENZIALISMO 

Possiamo definire l'esistenzialismo come una corrente filosofica strettamente legata alla crisi del Novecento, proprio questo fatto connotante fa si che l'esistenzialismo possa anche definirsi come "filosofia della crisi", una crisi acuita dalle distruzioni materiali e spirituali che colpirono l'Europa in seguito ai due conflitti mondiali. 
Quando si parla di esistenzialismo è bene ricordare che non ci troviamo dinanzi a un sistema filosofico ma davanti a un clima culturale in cui, vari aspetti della cultura umana, l'arte, la letteratura, il cinema, entrarono in relazione con quelle riflessioni legate ai temi dell'esistenza che videro tra i maggiori rappresentanti autori come Kafka, Dostoevskij, Camus, Sartre
Fu prima movimento culturale e di costume l'esstenzialismo e solo successivamente riflessione filosofica che problematizzò il concetto di verita vista come qualcosa di enigmatico che necessita di una decodifica oppure assume come in Sartre i caratteri dell'emprisimo che rifiutando l'esperienza totalizzante dell'esperienza come un qualcosa di chiuso e concluso ne prospetta la sua apertura al mondo. 

E' difficile individuare i padri dell'Esistenzialismo in quanto molti aspetti sono rintracciabili in autori che non possono essere collocati cronologicamente nell'arco temporale che va dalla fine della prima guerra mondiale sino agli anni dello sviluppo della società portindustriale. 

Potremo fare risalire sotto certi aspetti l'esistenzialismo addirittura a Sant'Agostino o rinvenire numerose tracce nel pensiero di Blaise Pascal, ma senza dubbio molti degli sviluppi dell'esistenzialismo quale corrente filosofica sono rintracciabili in Kierkegaard, in Nietzsche e in Dostoevskij. 

La filosofia dell'esistenza si contrappone alle filosofie dell'essenza, l'esperienza empirica dell'uomo singolo, di quest'uomo-qui che si trova collocato nello spazio e nel tempo è importante; la storia personale di ognuno vista come qualcosa di unico e irripetibile assume una importanza fondamentale per gli esistenzialisti e in Heidegger tale tema sarà sempre corrlato a quello della morte. 

L'esistenza è, prima di tutto, essere nel mondo, essndo nel mondo si sfugge all'accerchiamento del mondo come naturalità per immergersi nel mondo, in questo senso l'uomo è progetto, proiezione futura, apertura verso la progettualità intesa come fattiva esstenza. 

Jean-Paul Sartre è il più importante rappresentante dell'esistenzialismo francese, per comprendere il significato de: 

L'ESISTENZA E' UN UMANISMO 

L'opera venne pubblicata nel 1946 dopo una conferenza tenutasi a Parigi nel 1945 proprio sul tema che ne porta il titolo, per comprenderne il contenuto è necessario riallacciarsi ad un'altra celebre opera di Sartre "L'essere e il nulla" dove il pensatore francese coglie la profonda lacerazione che l'uomo vive nella realtà intesa come immediatezza, la realtà non ha nessuna giustificazione, esiste e basta (questa condizione viene chiamata "l'essere in-sè) 
La coscienza umana ( che lui chiama "l'essere per-sè) si muove all'interno di questa immediatezza stabilendo una trama di rapporti che costituisce una sorta di fuga dall'immediatezza della realtà. 

Questa opposizione fa si che la coscienza costruisca cose irreali e nello stesso tempo annienti il mondo, Sartre parla di NULLA che non va inteso con il significato del linguaggio comune come negazione di un giudizio ma il NULLA E' CIO' CHE FONDA LA POSSIBILITA': la libertà di un uomo dipende dalla libertà di ogni uomo, per cui ognuno si presenta all'altro come possibile sorgente di distruzione, a qualcosa che noi rappresentiamo nella nostra coscienza corrisponde qualcosa che non è quello che noi pensiamo. 

La libertà è tale solo se nego l'altro, la mia libertà non è la libertà di un altro, ogni valore esiste perchè ne viene negato un altro: la negazione è reciproca per affermare la mia libertà devo negare l'altro che diventa cosa. 

Dati questi presupposti, Sartre parlerà dell'esistenzialismo come umanismo, tema sviluppato in forma compiuta nell'opera; quali sono i contenuti essenziali di questo saggio il cui intento era essenzialmente divulgativo e non filosofico? 

-La libertà è la libertà di ognuno, siamo solo liberi di progettare ma non di portare a compimento la nostra libertà che come tale, non sarà mai qualcosa di compiuto, di realizzato. 
La mia libertà è il mio destino ma non è la mia scelta che seguirà sempre il percorso di una Storia i cui esiti sono inconoscibili. 
Fu questa una critica a quell'atteggiamento che nella dialettica dogmatica marxista portava a guardare ottimisticamente al futuro come realizzazione di quelle " magnifiche sorti e progressive" di illuministica eredità. 

-È questa la teoria forse più affascinante di Sartre che ritorna sul tema della morale, criticandone gli assunti kantiani; esiste secondo Sartre una gerarchia della morale nel senso che noi NON SCEGLIAMO TRA DUE POSSIBILITA' MA TRA DUE SIGNIFICATI. 
Esemplare è il caso del suicida che rinuncia, all'ultimo momento, di buttarsi da una finestra, per Sartre tale rinuncia non è imputabile alla paura del precipizio ma al significato che è stato caricato prima per cui l'orrore è l'orrore per il nulla che c'è dopo la fine dell'esistenza, il nulla ancora una volta ritorna nella tematica della riflessione sartriana. 
Noi siamo liberi perchè diamo un significato alle cose che altrimenti non avrebbero alcun significato, in ciò e solo in ciò , sta la nostra libertà di scelta. 

 È un libro che affronta con un linguaggio semplice e non filosofico alcuni temi che interessano l'uomo la cui esistenza è un umanismo nel senso che l'uomo è, perchè è progettualità che non non avvenire se non in relazione con l'altro uomo. 

L'esistenza non è più un qualcosa di assoluto ma qualcosa che è condizionata dai desideri, dai bisogni, dalle paure, dalle ansie, dalle speranze che concorrono ad evidenziarne i suoi limiti se non addirittura l'assenza di significato perchè noi, solo noi, diamo un senso alle cose ed ecco perchè Sartre definirà noi uomini come "donatori di senso": da questo punto di vista la libertà appare come qualcosa che non può avere un limite in quanto è essa stessa che da significato a ogni singolo aspetto dell'esistenza. 


Voto massimo con lode a questo interessantissimo saggio di Sartre. 
 

Protected by Copyscape Online Infringement Checker

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Sartre Jean Paul

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link