Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
14 novembre 2012 3 14 /11 /novembre /2012 06:16

contatore gratuito

 

 

 

 

 

 

PREMESSA 

Questa mia riflessione non vorrebbe aggiungere altro alle pagine eccelse che sono state scritte su "L'idiota" di Fedor Dostoevskij, potrebbe sembrare presuntuoso e  fuori luogo, ma torna utile all'economia del mio scritto fare la seguente precisazione: ogni libro è un "caso" a sé che non può -per ovvi motivi-tenere conto delle trasformazioni che sono avvenute nel corso del tempo, ma -questo è il punto importante- un'opera è eterna quando le generazioni che la leggono trovano in essa delle riflessioni sufficientemente indicative per comprendere la molteplicità di approcci che ognuno di noi può avere nei confronti dei fatti della vita. 
A tutto questo va aggiunto che un autore non facile come Fedor Dostoevskij va digerito, pertanto ad un approccio da lettore distratto ho preferito quello del lettore che è ritornato più volte sui passi che ho ritenuto più interessanti e perché no? più fecondi per la riflessione. 

LA VERITÀ DELL'IDIOTA 

Ercole venne ucciso dalla camicia di Nesso, la verità viene uccisa invece dalle obiezione degli idioti, ma se uno che viene ritenuto idiota proclama la verità gli viene concesso tutto, la pietà concede quello che la severità delle intenzioni non perdona. Il principe Lev Nicolaevic Myskin, l'idiota è un uomo a cui mancano tutte le tendenze negative presenti negli altri uomini, ma -è questo il tratto centrale che contraddistingue il protagonista- il bene diventa una verità spiattellata in faccia a chi prova sofferenza. Questo aspetto è tutt'altro che secondario, perché se può risultare difficoltoso proporre un 'altra morale o nuove morali dinanzi al dolore o all'immoralità che implica non tanto la mancanza di rispetto nei confronti dei principi morali quanto la sua totale assenza. 
L'idiota parrebbe più uno psicotico affetto da manie depressive che l'essenza del bene, in effetti è difficile accettare l'idea che si possa perseguire il bene con comportamenti ed atteggiamenti che danno quanto mai l'impressione di una diffusa negatività. 

Se è la compassione ciò che permette al principe Myskin di redimere il prossimo, molti dubbi potrebbero sorgere al lettore che ragiona sulla vita, sul bene e la convivenza. Al di là della chiave di lettura di ciascuno, il problema etico rimane e non può essere accantonato. Mi pare che il principe Myskin abbia "fondato" una morale che vive prima della morale. É difficile accettare che attraverso il dolore si possa salvare l'umanità, a me sembra che il principe Myskin sia un mix di narcisismo e di cinismo in cui l'egoismo è contrabbandato per compassione. Forse che Myskin si vuole sostituire a Dio con la sua ineffabilità che tutto rende incomprensibile? E qual'è la verità dell'uomo che Fedor Dostoevskij vuole delineare? 

Forse l'aspetto più difficile da capire è proprio questo ed un'altra indicazione può provenire da un'altra figura chiave del romanzo: Nastasja Filìpovna che vive riflettendo se stessa nel principe Myskin la cui struggente pietà alimenta la sua speranza di redenzione. 

Celebre è la frase di Dostoevskij: "La Bellezza salverà il mondo", ma a quale Bellezza fa riferimento? Una Bellezza che è anche un enigma che sdoppiata affascina e fa morire. Ecco il principe Myskin è la Bellezza e quando Dostoevskij ne descrive il profilo sta pensando a Dio, al Cristo risorto che attraverso il dolore e la compassione risorge a vita nuova. L'idea estetica della compassione, della bellezza che ferisce e tutto trasmuta, esattamente come accade nella Croce dove la Verità è tale nella lacerazione che diventa istanza di salvezza. 

Sempre in riferimento a questa prospettiva avanzata dal grande scrittore russo non vi è dubbio sul fatto che l'impostazione ontologica sia alquanto da scartare a favore di una impostazione antropologica, la cosa, apparentemente scontata, risulta a mio avviso di fondamentale importanza per comprendere appieno lo spirito del romanzo, eppure rimangono tutti irrisolti diversi aspetti interpretativi del "darsi" del principe Myskin. 
Lasciando ampio spazio alla discussione in merito, vorrei pertanto cercare di andare oltre le interpretazioni ufficiali per poter promuovere una lettura fenomenologica dell'opera, nell'auspicio che tale prospettiva possa rendere ragione ad un romanzo complesso da cui scaturiscono una polivalenza di significati. 

"L'idiota" viene considerato universalmente come il capolavoro di Dostoevskij, non è sicuramente un libro facile ma è di una bellezza poetica unica e per chi ha l'animo predisposto può essere il viatico verso un processo di autoconsapevolezza che consenta di comprendere il rapporto tra l'uomo, il dolore e Dio.  


Articolo dell'autore espresso in forma modificata anche altrove

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link